Cime di rapa PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Le cime di rapa sono una verdura molto conosciuta e consumata in Puglia, soprattutto durante la stagione invernale. Il loro sapore è delicato ma leggermente amarognolo, e tuttavia molto gradevole. Si raccolgono, come già detto, durante la stagione invernale, prima che giungano a fioritura. Vi è mai capitato, nel corso di una passeggiata in Puglia sul finire dell’inverno, di vedere immensi campi pieni di fiorellini gialli? Quelle sono le cime di rapa oramai “fiorite” e pertanto non più commestibili. Le cime di rapa si raccolgono e cucinano quando sono ancora verdi.

La cima di rapa è una specie di antica origine mediterranea, legata ad usanze alimentari ben radicate nell’Italia centro-meridionale, in particolarmodo in Puglia, che risulta la principale regione produttrice. L’importanza della cima di rapa nella regione, è tale da collocarla al sesto posto nella classifica degli ortaggi più coltivati. Negli ultimi decenni tuttavia ha attirato l’attenzione di un numero sempre maggiore di consumatori del Nord Italia.

In seguito all’ampia diffusione sul territorio pugliese ed alla selezione operata dagli agricoltori, si sono diffuse numerose popolazioni di cima di rapa caratterizzate da un’ampia variabilità, soprattutto in relazione al periodo di tempo che intercorre tra la semina e la comparsa dell’infiorescenza principale. Di conseguenza, tali popolazioni si differenziano soprattutto per la lunghezza del ciclo colturale e possono essere distinte in precoci, medie e tardive. Esse prendono il nome dalla località di coltivazione o dalla durata del ciclo colturale, dalla più probabile epoca di raccolta, dalle dimensioni dell’infiorescenza o dall’insieme di due o più caratteristiche

Conosciute altrove come “friarielli”, le cime di rapa sono le infiorescenze (non sbocciate) della pianta della rapa. Se, come detto, in Campania le chiamano friarielli, a Roma invece vengono riconosciute come broccoletti, e a Torino come rapini. In Puglia sono una vera e propria specialità

Le cime di rapa nella cucina pugliese

In Puglia le cime di rapa sono le protagoniste indiscusse di una ricetta buonissima e molto famosa, ovvero le orecchiette con le cime di rapa. Le cime di rapa sono buone anche stufate, ovvero lessate e poi ripassate in padella con olio, aglio e peperoncino. E ancora, le cime di rapa sono buonissime con la salsiccia, a formare un secondo piatto che piace molto a tutta la famiglia. Nei dintorni di Taranto le cime di rapa sono anche ingrediente principale della puccia, sempre insieme alla salsiccia. In molte pizzerie della Puglia vi capiterà di trovare anche pizze con le cime di rapa. Una vera bontà!

Territorio

Intera regione Puglia

Fava novella di Zollino PAT

I semi della fava di Zollino, Vicia faba var. major Harz., hanno un aspetto schiacciato, leggermente più grosso rispetto alle fave ottenute da cultivar commerciali. Il baccello non ha più di 5 semi che sono cottoi. La ‘Cuccìa’, termine con il quale viene indicata la fava di Zollino, è oggi a rischio di estinzione.

Continua a leggere

Burrata PAT

La Burrata è costituita da un involucro di pasta filata che contiene ritagli di pasta filata addizionati a panna e fermenti lattici, La pasta filata è ottenuta dalla lavorazione del latte vaccino a cui viene aggiunto caglio liquido di agnello o capretto. La pasta filata viene poi tagliata in parallelepipedi chiamati “lucini” da uno di…

Continua a leggere

Ruchetta PAT

La ruchetta selvatica (Diplotaxis tenuifolia (L.) DC.) è presente in Italia da lunghissimo tempo. E’ stata segnalata per la prima volta da Petrollini e Cibo nel 1550. Nel territorio di Barletta (BAT) la ruchetta selvatica viene chiamata ruca, come attesta Bruni già nel 1857. Nel monastero di S. Agnese a Trani (BAT) alcuni documenti del 1790…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *