Cece di Nardò PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Ciciru, ciceru

Il cece di Nardò, varietà locale di questo legume che ha rischiato l’estinzione ma grazie al lavoro di una rete di piccoli produttori sta vivendo una rinascita. Questa rete di piccoli produttori si riunisce sotto il simbolo di Verdesalis, associazione neretina che si occupa della tutela della biodiversità locale promuovendo l’agricoltura naturale nel territorio dell’Arneo attraverso l’impiego di tecniche colturali ecosostenibili.

Dalla semplice custodia, Verdesalis ha poi saputo creare una rete di piccoli produttori interessati alla coltivazione diretta del cece di Nardò in un tutto il territorio d’Arneo*, campagna iniziata nel febbraio del 2018 grazie alla quale si potrà continuare la semina e la produzione per l’anno 2019 e, in piccole quantità, si potrà cominciare la distribuzione al dettaglio nel corso degli eventi organizzati da Verdesalis.

*il territorio d’Arneo è composto dai seguenti comuni: Nardò, Porto Cesareo, Leverano, Veglie, Salice Salentino, Guagnano, Campi Salentina, Carmiano e Copertino.

Il Cece di Nardò, oltre alle riconosciute caratteristiche organolettiche è caratterizzato da una spiccata cocibilità. Ha la caratteristica di generare sempre una piccola percentuale di semi bruni e neri (melanici) che in passato venivano eliminati, in quanto leggermente più restii alla cottura, e denominati con il termine “giudei” considerato all’epoca gravemente dispregiativo. Tale difetto (se così può essere considerato), non costituisce in realtà un problema considerata la piccolissima percentuale degli stessi, ma è invece un carattere distintivo, che riteniamo debba essere salvaguardato.

La semina avviene nel periodo che va da San Sebastiano (20 gennaio) a San Gregorio Armeno, quest’ultimo patrono della città di Nardò (20 febbraio). La raccoltà viene effettuata all’inizio dell’estate, estirpando le piante quando la maggior parte dei legumi è secca e lasciando le stesse essiccare bene in andana e quindi battendole manualmente (nel caso di piccole produzioni) oppure trebbiandole meccanicamente.

Perchè il cece di Nardò è così buono

Riconoscerlo è abbastanza facile grazie alla sua carattarestica di genereare sempre una piccola percentuale di semi neri, più restii alla cottura. Se in passato questi veninavo eliminati, chiamandoli in modo dispregiativo “giudei”, oggi si punta a salvaguardare proprio questo tratto distintivo senza effettuare alcun tipo di selezione. La bontà, invece, deriva alla alla qualità del terreno su cui viene coltivato, ovvero le fertili terre nere d’origine alluvionale ricche di humus fresco e profondo dell’agro di Nardò e dei comuni limitrofi di Galatone, Copertino e Leverano. Inoltre, è facile da coltivare, è resistente ai periodi di siccità e in termini quantitativi rende bene: basti pensare che con 10 kg di semi si possono produrre circa 200 kg di ceci. Se nell’antichità il cece di Nardò costituiva principalmente una merce di scambio, il progetto di tutela e valorizzazione di Verdesalis punta alla creazione di una vera e propria filiera economica locale.

Territorio

Agro di Nardò e piccole porzioni dei territori di Galatone, Copertino e Leverano (LE).

Fonte @puglia.com

Galletto di Sant’oronzo PAT

Il galletto viene spiumato e  fiammeggiato – onde eliminare la peluria residua. Si eviscera e si lava diligentemente. Intero o diviso in pezzi si rosola con olio extravergine e cipolla tritata, si sfuma con vino rosso e si porta a cottura a fuoco lento con l’aggiunta di pomodori freschi e salsa di pomodoro aggiungendo acqua…

Continua a leggere

Peranzana da mensa di Torremaggiore PAT

Oliva da mensa (a duplice attitudine) nota da tempo nei mercati regionali e nazionali per la sua appetibilità organolettica e per la versatilità nelle diverse destinazioni gastronomiche grazie all’ottimale consistenza della sua polpa e al gusto dolce ed equilibrato a cui si associa un evidente retrogusto di pomodoro acerbo. Questa varietà si distingue inoltre per…

Continua a leggere

Zuppa di pesce alla gallipolitana PAT

Questa zuppa, viene considerata la diretta discendente della cosiddetta “zuppa bruna”,  l’antico brodetto degli antichi greci, che ovviamente, negli ultimi secoli, si è arricchita del pomodoro. Ciò che più la contraddistingue e la rende originale è quella spruzzatina d’aceto finale, che ha il compito di rinfrescarne il gusto ed esaltarne il sapore;  proprio questo è…

Continua a leggere

Scarcelle PAT

Biscotto dolce di varie forme (ciambelle, cestini, colombe, coniglietti, trecce, ecc.) con la presenza di un uovo sodo incastonato. Può essere decorato con confettini di zucchero, codette colorate o può essere ricoperto con una glassa a base di zucchero.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.