Caprino della Val Vigezzo PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del PIEMONTE

Il caprino della val Vigezzo si produce con latte di capra di razze diverse. Formaggio fresco, a pasta molle, a coagulazione presamica di pronto consumo e di piccola pezzatura. La forma è cilindrica e il peso oscilla tra 0,3 e 1 kg. La crosta è di tonalità variabile a seconda del luogo di stagionatura dal bianco avorio al grigio, sino al rossastro-marrone, normalmente di minimo spessore, liscia o leggermente rugosa. La pasta è bianco latte, morbida, umida, friabile e l’occhiatura è inesistente. I profumi sono piacevoli e delicati con sentori acidi. Il sapore è mite, gradevole, dolce.

Territorio di produzione

Craveggia Druogno Malesco Re Santa Maria Maggiore Toceno Villette

Metodo di preparazione

Questo formaggio è prodotto con latte pastorizzato. Il latte caprino viene fatto scaldare da 30 a 39° C. Poi si aggiungono fermenti e poi il caglio; la presa della cagliata dura dai 30 ai 60 minuti. Successivamente la cagliata viene franta in grumi di dimensioni da nocciola a riso e sistemata in stampi traforati per la fuoriuscita del siero. Si prosegue con una stufatura a temperatura ambiente per alcune ore. Dopo la salatura, a secco o in salamoia, il caprino è pronto per il consumo anche se può essere stagionato fino a 3 – 4 mesi.

Storia

Nella Val Vigezzo la tradizione dell’allevamento caprino rappresenta una realtà consolidata da secoli. Nei secoli passati le capre allevate erano così numerose che fu necessario regolare il pascolo per evitare che esse distruggessero vigne, alberi da frutta e castagneti; ciò si evince dagli antichi Statuti e Ordinamenti dei comuni dell’Ossola sin dal 1600. Il caprino della Val Vigezzo, conosciuto anche come “furmagit at crava” un tempo aveva un ruolo significativo nell’alimentazione locale ed era anche utilizzato come merce di scambio per acquistare altri prodotti.

Curiosità

Il caprino della Val Vigezzo assume gusti lievemente differenti in base alle località di produzione, in rapporto al tipo di alimentazione delle capre. Tradizionalmente si consuma sia fresco che stagionato quasi sempre al naturale. In cucina si presta per svariate preparazioni tenendo conto che le forme più stagionate assumono un sapore notevolmente piccante.

Tomino del Talucco PAT

Il Tomino del Talucco è un formaggio a latte vaccino e caprino o in purezza di latte di capra. Il processo di caseificazione è asseribile nella tipologia cacioricotta, ovvero impiegando latte crudo sottoposto a un trattamento termico più elevato di quello di una normale pastorizzazione. Il motivo di tale tecnica è il recupero, nel futuro…

Leggi di +

Cotechino PAT

Il cotechino è un insaccato il cui nome deriva dalla presenza nell’impasto della cotenna di maiale. Il peso può variare dai 100 ai 400 g con una lunghezza compresa tra gli 8 e i 20 centimetri e un diametro tra i 6 e gli 8 centimetri. L’aspetto prima della cottura è quello di un salame…

Leggi di +

Carn Seca PAT Piemonte

I tagli magri di carne, ottenuti generalmente da bovini di razza Bruna locale, vengono prima disossati e poi posti a marinare per una decina di giorni in una concia di vino rosso, marsala, sale, pepe, aromi e spezie.
Dopo la marinatura la carne viene fatta asciugare all’aria per circa 60 giorni. Qualche giorno prima della…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *