Cannolo irpino PAT Campania

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Campania

II cannolo irpino è un dolce di forma cilindrica lungo 10-12 cm e con diametro di circa 2-3 cm. Esternamente presenta una croccante cialda dorata, tempestata di piccole bollosità, dovute alla frittura in olio, e una copertura di zucchero a velo. Particolari sono Ie estremità di questo cannolo che da una parte presenta la granella di nocciole, daII’altra i fichi di San Mango canditi.

All’interno è ripieno di una gustosa farcia biancastra a base di ricotta di Carmasciano, in cui spiccano piccoli e morbidi pezzi di fichi. Farina, zucchero, vino Aglianico, olio extravergine biologico monovarietale Ravece prodotto a Frigento (Av), miele e uova sono gli ingredienti per la preparazione della cialda; questi, mescolati in una planetaria, formeranno un impasto che, lasciato riposare un’intera notte, risulterà morbido e facilmente estensibile. La mattina seguente, la pasta viene lavorata a mano su banchi da lavoro in acciaio e stesa con I’ausiIio di un matterello di legno. La sfoglia spessa circa 1mm, viene poi tagliata in pezzi di forma ovale, al centro dei quali viene posizionato un piccolo cilindro in acciaio; afferrando con ie dita ie due estremità della pasta, la si avvolge intorno al cilindro sigillandone i lembi con una spennellata di uovo.

I cannoli cosi realizzati vengono fatti raffreddare per circa un’ora prima di essere fritti in olio bollente per pochissimi minuti. Tolto il cilindro dal centro, i cannoli sono pronti per essere farciti con il ripieno a base di ricotta, fichi e zucchero, e decorati esternamente con granella di nocciola, fichi ed una spolverata di zucchero a velo.

Territorio di produzione

Comuni di Solofra, Serino, Montoro, Forino, Contrada (AV)

Pane di Iurmano PAT Campania

La segale è un cereale che ben resiste ai rigidi climi invernali, per questo motivo viene coltivato in abbondanza sull’altipiano del Laceno, nei pressi di Bagnoli Irpino e su altri altopiani dell’Irpinia, come Chiusano San Domenico, Volturara Irpina o Piana di Montella, tutte zone caratterizzate da una temperatura piuttosto fredda. La farina di segale, detta…

Continua a leggere

Roccocò PAT Campania

L’etimologia della parola roccocò, rimanda a “roccia artificiale”, poiché questo dolce natalizio, immancabile su tutte le tavole della Campania a partire dal giorno dell’Avvento e per tutto il periodo natalizio, ha una consistenza particolarmente dura e un aspetto quasi marmoreo, dovuto alla presenza delle mandorle. è un biscotto secco, a forma di ciambella schiacciata di…

Continua a leggere

Chiacchiere PAT Campania

Nel periodo di Carnevale, in tutta la regione Campania si preparano dei dolci fritti detti “chiacchiere”. Le chiacchiere, dolci allegri come il carnevale, hanno una consistenza ed una forma molto particolari: tenere e friabili, sono tagliate irregolarmente a strisce che poi vengono intrecciate in vario modo. La pasta delle strisce è composta da zucchero farina,…

Continua a leggere

Diventa anche tu ViVi Greeners Conosci le Cannolo irpino prodotto campano?
Aiutaci nel nostro progetto, se hai curiosità, immagini o vuoi aggiungere una descrizione del prodotto. SCRIVICI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *