Anse del Tevere PAT Lazio

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del LAZIO

Le Anse del Tevere sono biscotti a base di farina 00, zucchero, vino e semi di anice. Nella sua semplicità degli ingredienti risulta un biscotto dal caratteristico sapore misto tra il dolce della pasta e l’aroma di anice e vino. Si presentano con una caratteristica forma a S, di colore biancastro e piuttosto friabili e leggeri. Il suo fragrante profumo richiama antichi ricordi di quando la nonna lo cucinava nel forno a legna.

METODO DI PRODUZIONE

Per la preparazione delle Anse del Tevere i semi di anice vengono posti a macerare nel vino per circa due ore in modo da ammorbidire i semi stessi e fargli sprigionare in maniera accentuata il loro aroma di anice. Il passaggio successivo prevede l’aggiunta di farina, zucchero e vino. L’impasto è manuale fino a ottenere una massa omogenea e compatta. Una volta completato l’impasto, ai biscotti viene conferita la forme di una S. La cottura avviene in forno a 180°C per 15-20 minuti.

CENNI STORICI

L’attribuzione a questi biscotti del nome Anse del Tevere, preparati ancora come una volta nel rispetto di una ricetta storica scritta a mano su un foglio oramai ingiallito, sembra essere abbastanza recente in quanto il panificio che ancora oggi ne continua la produzione, ha inteso attribuire la forma ad S del biscotto, alla caratteristica morfologia del fiume Tevere che nel tratto che costeggia Nazzano, scorre lentamente formando ampie anse e meandri. Un tempo questi biscotti venivano chiamate “tisichelle” o “biscotti di magro” perché ritenuti leggeri e poco calorici.

Territorio di produzione

Provincia di Roma: Nazzano. Provincia di Rieti

Conciato di San Vittore PAT Lazio

Conciato di San Vittore è un formaggio antichissimo, originario della civiltà sannitica, una vera rarità, decantata da Cicerone e Marziale (Epigrammi, XIII,30). Proprio i Sanniti, primi abitanti della zona, noti agli autori latini, classici e cristiani, come un popolo di “montani atque agrestes” (Livio IX 13.7; Giustino XXIII 1.7), avevano la necessità di lavorare i…

Continua a leggere

Pecorino ciociaro PAT Lazio

Il Pecorino ciociaro è un formaggio semicotto, a pasta dura e compatta di colore giallo pallido, che si produce da luglio ad aprile per il pecorino stagionato 3 mesi e da maggio ad agosto per lo stagionato di 6 mesi, ma può essere immesso sul mercato anche dopo appena trenta giorni. Il sapore non è…

Continua a leggere

Lacna stracciata di Norma PAT Lazio

La parola “lacna” ha, nel basso Lazio, il significato generale di impasto ammassato e successivamente steso con il matterello. Numerose citazioni dalla letteratura greca e latina fanno dedurre che questo piatto sia esistito con continuità dall’epoca classica: Aristofane e Orazio usano i termini làganon (greco) e laganum (latino) per indicare un impasto di acqua e…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *