Zucchino San Pasquale PAT Campania

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Campania

Lo zucchino San Pasquale presenta frutti di forma cilindrica oblunga, di colore verde con presenza di evidenti striature di colore verde chiaro, le dimensioni del frutto commerciale alla raccolta variano tra i 20 – 30 cm. Appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee, genere Cucurbita, è una pianta erbacea, annuale, con fusto tendenzialmente eretto e mono caule. Le foglie sono palmate di colore verde scuro e tomentose. La pianta è dicline con presenza di fiori maschili e femminili separati. Lo zucchino San Pasquale è apprezzato per le sue proprietà organolettiche nonché per la consistenza, può essere impiegato in svariate preparazioni culinarie tra cui si ricorda la pasta e zucchine alla Nerano, anche i fiori (“sciurilli”) di colore giallo arancio sono usati per preparazioni gastronomiche varie tra cui le “frittelle di sciurilli”.

L’epoca di coltivazione varia dalla primavera all’autunno, in questo periodo è possibile eseguire più cicli di coltivazione, può essere coltivato sia in pieno campo sia in tunnel o serra, il sesto d’impianto è di 1 m tra le file e 1 m sulla fila, con un numero di piante a ettaro è di circa 10.000, anche se tradizionalmente si trapiantava nella seconda decade di maggio (da cui il nome San Pasquale). La raccolta manuale va da maggio fino a fine ottobre. I frutti raccolti manualmente vengono posti in cassette di palstica e/o di legno per la vendita diretta ai mercati ortofrutticoli.

Sembra che il nome San Pasquale sia legato all’epoca di trapianto tradizionale che avveniva a metà maggio, in particolare il 17 maggio giorno in cui si celebra San Pasquale Baylon, (religioso spagnolo del ‘500) che è anche considerato protettore dei cuochi e pasticcieri ed ogni anno a Nocera Superiore si svolge il Concorso Internazionale dei Madonnari ed una processione con il Santo.

Territorio di produzione

Provincia di Napoli prevalentemente nell’agro nolano-acerrano, ed in provincia di Salerno nell’agro nocerino sarnese.

Fusillo di Gioi PAT Campania

Nell’area collinare del Cilento, ed in particolare nei comuni di Gioi, Orria, Salento, Stio, Campora, Magliano Vetere, Monteforte Cilento, Perito, Moio della Civitella si produce il fusiddo, il fusillo detto di Gioi Cilento, cioè una pasta lineare lunga dai 12 ai 15 cm. rigorosamente prodotta a mano. Come il fusillo di Felitto anche la storia…

Continua a leggere

Busecchia PAT Campania

La busecchia è uno di quegli antichi piatti nati dalla fantasia contadina che tentava di unire il gusto alla necessità di non sprecare alcuna parte degli animali macellati. Si tratta, infatti, della mammella delle vacche da latte ancora in produzione che viene tagliata in pezzi di circa 500 grammi e poi bollita in acqua salata….

Continua a leggere

Percoca terzarola PAT Campania

Nelle province di Napoli e Caserta sono ancora diffuse le percoche, categoria di pesche a polpa gialla, molto compatta e non spicca. Le varietà di percoche che maturano da fine estate in poi, nel napoletano vengono chiamate “terzarole” (terza epoca). Di terzarole esistono diversi ecotipi: gialla, rossa, dorata e bianca; la più famosa è la…

Continua a leggere

Diventa anche tu ViVi Greeners Conosci la zucca napoletana dolce prodotto Campano?
Aiutaci nel nostro progetto, se hai curiosità, immagini o vuoi aggiungere una descrizione del prodotto.
SCRIVICI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.