Vini di Sicilia
MENFI DOP

I vini compresi nella Denominazione di Origine Protetta “Menfi” sono sia bianchi che rossi e sono prodotti, oltre che nella versione base, anche nelle varianti Vendemmia tardiva e Riserva (per il rosso). Ci sono poi diverse varianti monovitigno: Chardonnay, Grecanico, Inzolia (o Ansonica), Nero d’Avola, Sangiovese, Cabernet sauvignon, Syrah e Merlot. Infine, ne fanno parte anche due indicazioni di sottozona: Feudo dei Fiori e Bonera (anche Riserva).

Uvaggio

Il Menfi bianco viene prodotto con almeno il 75% di uve da Inzolia, Chardonnay, Catarratto bianco lucido e Grecanico, utilizzate da sole o congiuntamente. Per il Rosso, invece, è necessario un 70% minimo di uve da Nero d’Avola, Sangiovese, Merlot, Cabernet sauvignon e Syrah, anche in questo caso sole o congiunte. Nel Vendemmia tardiva si utilizzano al 100% uve Chardonnay, Catarratto bianco lucido, Inzolia e Sauvignon bianco. Per le produzioni monvitigno, l’uvaggio specificato deve rappresentare, da solo, l’85% del totale. Nei vini con indicazione di sottozona sono prescritte ulteriori regole di composizione. Per il Feudo dei Fiori è richiesta una quota minima dell’80% di Chardonnay e/o Inzolia; per il Bonera almeno un 85% di Cabernet sauvignon, Nero d’Avola, Merlot, Sangiovese e/o Syrah. Infine, in tutti i vini Menfi è data la possibilità, entro le percentuali residuali, di utilizzare anche altri vitigni a bacca analoga, non aromatici, idonei alla coltivazione in Sicilia.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

L’ampia varietà dei vini che compongono la denominazione Menfi determina una variegata gamma di caratteristiche organolettiche specifiche, che rendono unica ogni produzione e che sono puntualmente descritte nel disciplinare. Sono però presenti anche caratteri comuni. I vini Menfi, ad esempio, si rivelano tutti molto equilibrati dal punto di vista chimico-fisico, con conseguente ottima resa gustativa. Tutte le tipologie sono accomunate da aromi gradevoli, armonici ed eleganti, impreziositi da note di frutta, floreali o vegetali.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione interessa le province di Agrigento e Trapani.

Specificità e note storiche

La viticoltura nell’area dei vini Menfi ha radici antichissime, precedenti alla dominazione romana e ascrivibili al periodo della dominazione greco-megarese.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE MENFI DOP

Vini di Sicilia
SCIACCA DOP

Nel vino Sciacca bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5% vol.) si può apprezzare l’aspetto giallo paglierino, arricchito da riflessi verdognoli e abbinato ad un odore delicato, fine e fragrante e a un sapore secco, vivace e armonico. Diversamente, il Rosso (11,5% vol.) si presenta color rubino, con odore vinoso e asciutto e un sapore leggermente tannico; nella variante Riserva (12,5% vol.) la tonalità tende al granato e il gusto si fa corposo e vellutato. Infine, il Rosato (10,5% vol.) ha una tonalità più o meno intensa, associata ad un odore delicato, fine e fragrante e ad un sapore armonico e vivace. Le varianti monovitigno presentano poi ulteriori caratteristiche organolettiche peculiari, che è possibile ritrovare nel disciplinare.

Continua a leggere

Vini di Sicilia
MARSALA DOP

Dal punto di visto dell’aspetto, i vini Marsala possono essere dorati (con diverse gradazioni di intensità), giallo ambrato (anche in questo caso con intensità variabile) e rosso rubino (talvolta accompagnato da riflessi ambrati, dovuti all’invecchiamento). Il gusto, legato al contenuto zuccherino, può essere secco, semisecco o dolce, abbinato a sapore e profumo caratteristici. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo della denominazione è compresa tra 17,5% vol. e 18% vol. Infine, è necessario precisare che tutti i vini Marsala sono sottoposti ad invecchiamento minimo, che può essere di un anno (Fine), due anni (Superiore), quattro anni (Riserva), cinque anni (Vergine e Soleras) o dieci anni (Vergine Stravecchio o Riserva).

Continua a leggere

Vini di Sicilia
FARO DOP

Il Faro rosso si presenta color rubino, con intensità variabile, e invecchiando tende al rosso mattone. Il profumo è delicato, etereo e persistente e si accompagna a un sapore caratteristico, di medio corpo, secco e armonico.Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è di 12% vol. In generale, si tratta di vini dagli aromi gradevoli, tipici del vitigno di riferimento.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *