Vini di Puglia
GIOIA del COLLE DOP

La Denominazione Origine Protetta “Gioia del Colle” ricomprende vini bianchi, rossi e rosati, oltre a produzioni con indicazione di vitigno: Primitivo, Aleatico dolce e Aleatico liquoroso dolce.

Uvaggio

La composizione dei vigneti da cui si ottengono le uve, per i vini Gioia del Colle rosso e rosato, prevede una quota tra il 50% e il 60% di vitigno Primitivo, a cui si affiancano Montepulciano, Sangiovese, Negroamaro e Malvasia nera, che da soli o congiuntamente, rappresentano tra il 40% e il 50% (per la Malvasia è previsto un tetto del 10%). Per il Bianco, invece, è necessaria una quota tra il 50% e il 70% di Trebbiano toscano, insieme ad altri vitigni idonei alla coltivazione nella Murgia centrale (30%-50%). L’Aleatico, invece, è realizzato con un 85% di vitigno omonimo, e una quota massima del 15% di Negroamaro, Malvasia nera e/o Primitivo. Infine, il Primitivo è prodotto in purezza con sole uve dallo specifico vitigno.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Il Rosso (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,5% vol.) va dal rubino al granato, con odore vinoso e gradevole, profumo caratteristico e sapore asciutto, armonico e giustamente tannico. Il Rosato (11% vol.) è rubino delicato, con odore lievemente vinoso, profumo caratteristico di fruttato e gusto asciutto, fresco, armonico e gradevole. Il Bianco (10,5% vol.) tende al paglierino, ha odore gradevole e delicato, con caratteristiche di fruttato, e sapore asciutto, fresco e armonico. Il Primitivo (13% vol.) è rosso-violaceo, aroma leggermente caratteristico e sapore pieno, gradevole e armonico, a volte leggermente amabile; invecchiando si fa aranciato e il gusto vellutato. L’Aleatico Dolce (15% vol.) e il Liquoroso Dolce (18,5% vol.) sono di colore granato, con riflessi violacei e tendenza all’arancione invecchiando; l’aroma è delicato, il sapore pieno, vellutato e moderatamente dolce (gradevole e caldo nel Liquoroso).

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione, tutta localizzata in provincia di Bari, coincide con il sud-est della Murgia.

Specificità e note storiche

Secondo le ricostruzioni storiche, la selezione del vitigno Primitivo, emblema dei vini Gioia del Colle, si deve all’abate primicerio Francesco Filippo Indellicati, tra fine ‘700 e inizio ‘800.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE GIOIA DEL COLLE DOP

Vini di Puglia
SALENTO IGP

Il Bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,50% vol.) è color giallo paglierino più o meno intenso, con odore gradevole e delicato e gusto fresco, da secco ad abboccato. La tipologia Rosso (12,00% vol.) ha colore rubino tendente al granato, abbinato ad odore gradevole, caratteristico e sapore da secco ad abboccato e armonico. La versione…

Leggi di +

Vini di Puglia
NEGROAMARO DI TERRA D’OTRANTO DOP

Il vino Rosso (titolo alcolometrico volumico totale minimo 12,5% vol.) si presenta in una colorazione rubino, con diversi gradi di intensità, impreziosita da eventuali riflessi che invecchiando tendono al granato; l’odore è gradevole e intenso e si abbina ad un sapore pieno e armonico. Nella variante Riserva (13% vol.) si ritrovano le stesse caratteristiche organolettiche…

Leggi di +

Vini di Puglia
OSTUNI DOP

L’Ostuni Bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11% vol.) ha un aspetto giallo paglierino e rilascia un profumo vinoso e delicato, ben abbinato al sapore secco, armonico e dal gusto netto. L’Ottavianello (11,5% vol.), invece, si distingue per la sua colorazione che può spaziare dal cerasuolo al rosso rubino; l’odore è vinoso e delicato; il…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.