Vini dell’Umbria
SPOLETO DOP

Nella Denominazione di Origine Protetta “Spoleto” rientrano i vini Bianco, Trebbiano spoletino, Trebbiano spoletino passito, Trebbiano spoletino superiore e Trebbiano spoletino spumante.

Uvaggio

Nella produzione del vino Spoleto bianco è previsto l’uso di uve provenienti da vigneti composti, per almeno il 50%, da vitigno Trebbiano spoletino, affiancato da altri vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione in Umbria. Il Trebbiano spoletino è anche alla base della vinificazione di tutte le altre tipologie della denominazione, ma con una percentuale maggiore, pari all’85% (minimo). Anche in questo caso, a completamente del restante 15% (massimo), è ammesso l’uso di altri vitigni, identificati come sopra.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Lo Spoleto bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11% vol.) è un vino dal sapore secco, talvolta acidulo; l’aspetto è giallo paglierino e si accompagna ad un odore caratteristico e vinoso. Le tipologie con indicazione del vitigno Trebbiano spoletino, invece, presentano caratteristiche organolettiche piuttosto simili tra di loro, differenziandosi esclusivamente per la gradazione alcolica, che è pari ad titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,5% vol. nella versione base, titolo alcolometrico volumico totale minimo 11% vol. nello Spumante, titolo alcolometrico volumico totale minimo 12,5% vol. nel Superiore e 17% vol. nel Passito. Il colore è giallo paglierino, impreziosito da riflessi verdognoli; l’odore è vinoso e caratteristico; il sapore è fresco, secco e a volte acidulo. Nello Spumante è anche presente una spuma fine e persistente.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione interessa un’area pianeggiante attraversata dal fiume Clitunno e il cui clima è influenzato dalla presenza degli Appennini umbro-marchigiani.

Specificità e note storiche

Già in epoca antica, il vino di Spoleto ha potuto fregiarsi di due importanti citazioni letterarie. La prima è di Marziale (I secolo d.C.), che lo paragona al Falerno, la seconda è del greco Ateneo, che lo definisce “soave, di colore simile all’oro”.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE VINO SPOLETO DOP

Vini dell’Umbria
TODI DOP

Il Todi bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,5% vol) si presenta con un aspetto giallo paglierino, associato ad un odore vinoso, delicato e fruttato e ad un sapore fresco armonico e talvolta vivace, che spazia dal secco all’abboccato. Il Rosso (12% vol), invece, è di una tonalità rubino piuttosto vivace, con diverse gradazioni di…

Continua a leggere

Vini dell’Umbria
ALLERONA IGP

fruttato. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5% vol. (11,00% vol. per il novello). Il rosso è color rubino; odore vinoso, delicato; sapore dall’asciutto al dolce, sapido, di buon corpo; il titolo alcolometrico è 11,00 % vol. (10,50% vol. per il rosso frizzante). Il rosato ha odore vinoso e delicato e un sapore dall’asciutto al…

Continua a leggere

Vini dell’Umbria
SPELLO IGP

Il bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10% vol.) alla vista è color giallo paglierino con riflessi verdognoli, emana un profumo vinoso, delicato, fruttato con gusto sapido, talvolta vivace, fresco, armonico. La tipologia rosso (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10% vol.) è di color rosso rubino, vivace, tendente al granato con l’invecchiamento, abbinato a odore…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *