Vini di Puglia
SALICE SALENTINO DOP

La Denominazione di Origine Protetta “Salice Salentino” comprende un’ampia gamma di vini, sia senza che con indicazione di vitigno: Bianco (prodotto anche nella tipologia Spumante), Rosso (anche Riserva), Rosato (anche Spumante), Negroamaro (anche Riserva), Negroamaro rosato (anche Spumante), Pinot bianco (anche Spumante), Fiano (anche Spumante), Chardonnay (anche Spumante), Aleatico (anche Riserva, Dolce, Liquoroso dolce e Liquoroso riserva).

Uvaggio

La composizione dell’uvaggio con cui vengono prodotti i vini Salice Salentino dipende dalla tipologia e dalla presenza o meno della menzione del vitigno. Per quanto riguarda i vini senza indicazione, nel Bianco è presente almeno il 70% di Chardonnay, mentre nel Rosso e nel Rosato c’è un 75% minimo di Negroamaro. Per le produzioni monovitigno, invece, è richiesto almeno l’85% di uve dal vitigno corrispondente, che diventa il 90% nel caso del Negroamaro. In tutte le tipologie, infine, è possibile utilizzare, a completamento delle quote rimaste, altri vitigni a bacca analoga, idonei alla coltivazione nella zona Salento – Arco Jonico, fatta eccezione per il Moscato bianco e il Moscatello selvatico bianco.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Il vino Bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11% vol.) è di colore giallo paglierino, con intensità variabile, e può arricchirsi di riflessi verdognoli; l’odore è delicato e gradevolmente fruttato e si abbina ad un sapore fresco e armonico, che spazia da secco ad abboccato. Il Rosso (12% Vol.) ha una tonalità rubino più o meno intensa che, invecchiando, può acquisire riflessi che tendono al granato; l’odore è gradevole e intenso; il sapore pieno, caldo e armonico, robusto ma vellutato, con gusto dal secco all’abboccato. Infine, il Rosato (11,5% vol.) ha diverse intensità di colore, un odore delicato e gradevolmente fruttato e un sapore fresco e armonico, sempre da secco ad abboccato. Nelle varianti mono vitigno è possibile poi rintracciare ulteriori caratteri organolettici specifici, puntualmente descritti nel disciplinare.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione è a cavallo tra le province di Lecce e Brindisi.

Specificità e note storiche

La DOC Salice Salentino nasce nel 1976, a suggello dell’opera di alcuni produttori locali, attivi già dagli anni ’30 del 1900, con vini a base di Negramaro e Malvasia nera.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE SALICE SALENTINO DOP

Vini di Puglia
GRAVINA DOP

Il Bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11% vol.) è giallo paglierino, con tendenza al verdolino, accompagnato da odore caratteristico e gradevole e sapore secco o amabile, fresco, sapido, armonico, delicato e talvolta lievemente vivace. Il Rosato (11% vol.) ha tonalità brillante, con odore caratteristico, gradevole e fruttato, e sapore secco, fresco, sapido, minerale, armonico…

Leggi di +

Vini di Puglia
COPERTINO DOP

Il Copertino rosso, anche nella variante Riserva, presenta un’interessante colorazione rubino, di varia intensità, che con l’invecchiamento si arricchisce di toni di arancione piuttosto lievi. All’olfatto si presenta vinoso e persistente, mentre il sapore è asciutto, vellutato, sapido, generoso e con un gradevole retrogusto amarognolo. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è di 12% vol.,…

Leggi di +

Vini di Puglia
COLLINE JONICHE TARANTINE DOP

Il Bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 12% vol.) è color paglierino, con odore delicato e gradevole e sapore asciutto e fresco. Nella variante Spumante (11% vol.), si arricchisce di spuma fine e persistente e note fruttate nel profumo. Caratteristiche simili anche per il Rosato, che si manifesta con un profumo più fruttato (12,5% vol.)….

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.