Vini della Campania
CAMPANIA IGP

L’ Indicazione Geografica Protetta “Campania” comprende le seguenti tipologie di vini: bianchi, anche nelle tipologie frizzante e passito; rossi, anche nelle tipologie frizzante, passito, novello e liquoroso; rosati, anche nelle tipologie frizzante, passito, novello e liquoroso.

Campania IGP

Uvaggio

L’Indicazione Geografica Protetta “Campania” bianco rosso e rosato deve essere ottenuto da vitigni idonei alla coltivazione nella Regione Campania. La specificazione dei vitigni Aglianico, Coda di Volpe, Falanghina, Fiano, Greco, Moscato, Piedirosso, Primitivo, Sciascinoso, è riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti composti per almeno l’85% dai corrispondenti vitigni. Possono concorrere alla produzione le uve dei vitigni, a bacca di colore analogo, inclusi tra quelli idonei alla coltivazione per i rispettivi bacini viticoli e unità amministrative della regione Campania, fino ad un massimo del 15%.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

I vini a Indicazione Geografica Protetta “Campania” bianchi presentano un colore giallo paglierino più o meno intenso, con un odore fruttato e floreale ed un sapore secco, equilibrato. La versione rosso si caratterizza per un colore rosso rubino intenso, un profumo fruttato e floreale, un gusto secco ed equilibrato. Il rosato ha un colore rosa intenso, emana un odore floreale ed ha un gusto secco, equilibrato. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è pari a 11,50% per tutte le tre tipologie. Ulteriori specifiche, poi dipendo dai vitigni utilizzati. Infine, le versioni passito a bacca bianca e a bacca nera presentano i colori caratteristici del vitigno di provenienza, con un odore intenso, floreale, fruttato con un sapore amabile o dolce, di corpo, armonico. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo per entrambi è pari a 11,50% vol.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione comprende l’intero territorio amministrativo della regione Campania.

Specificità e note storiche

La Campania ha rappresentato uno dei primi e più rilevanti centri di insediamento, di coltivazione, di studio e di diffusione della coltura vinicola. Non è un caso che proprio i grandi vini dell’antichità, come il Falerno, il Greco, il Faustiniano, il Caleno, fossero prodotti in Campania. I vitigni campani devono essere considerati a tutti gli effetti i discendenti degli antichi vitigni denominati come Vitis Hellinica, Alinea Gemina, Vitis Apiana, solo per citare i più importanti.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE vino CAMPANIA IGP

Vini della Campania
FALANGHINA DEL SANNIO DOP

Il Bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11% vol. o 11,5% vol. per le sottozone) si presenta color paglierino, con odore fine, floreale e fruttato e un sapore equilibrato, fresco e secco. Gli Spumanti (11,5% o 12% vol.) hanno tonalità paglierino, con possibili riflessi verdolini o dorati e una spuma fine e persistente; il profumo…

Leggi di +

Vini della Campania
TERRE DEL VOLTURNO IGP

I vini a Indicazione Geografica Protetta “Terre del Volturno” bianchi (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,50% vol.) alla vista sono di color giallo paglierino più o meno intenso, abbinato ad un profumo delicato, fruttato, caratteristico e un gusto secco, fresco e armonico. Il Rosso (11,50% vol.) ha color rosso rubino tendente al granata con l’invecchiamento,…

Leggi di +

Vini della Campania
AVERSA DOP

Il vino Asprinio (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5% vol.) ha un colore giallo paglierino più o meno carico, con profumo intenso e fruttato e un sapore secco, fresco e caratteristico. Lo spumante (11% vol.) invece è impreziosito da una spuma fine e persistente; il colore è giallo paglierino, più o meno intenso, accompagnato da…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.