Vini del Lazio
FRUSINATE o DEL FRUSINATE IGP

L’Indicazione Geografica Protetta “Frusinate” o “Del Frusinate” identifica un’ampia tipologie di vini bianchi (anche frizzanti), rossi (anche novelli e frizzanti), rosati (anche frizzanti) e passiti.

Uvaggio

Possono essere utilizzati per la produzione di vini IGP “Frusinate” i vitigni idonei alla coltivazione nel Lazio. In caso di specificazione dei vitigni Sangiovese, Cabernet sauvignon, Cabernet franc, Merlot, Passerina, Malvasia, Pinot bianco, Syrah, Bellone, Moscato bianco, Olivella, Bombino, Capolongo, Maturano, Lecinaro, Pampanaro, deve essere utilizzata una quota, pari almeno all’85%, di uve del corrispondente vitigno, mentre il restante 15% può provenire da vitigni idonei alla coltivazione nel Lazio.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Il “Frusinate” bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,50% vol.) è di color giallo, a volte tendente al dorato o al verdognolo, con un profumo fruttato e un sapore secco e sapido. La tipologia rosso (11,00% vol.), invece, si caratterizza per il color rosso rubino tendente al granato con l’invecchiamento, abbinato a un odore fruttato e un gusto armonico. La versione rosato (10,50% vol.) ha color rosa cerasuolo con profumo fine e sapore delicato, vellutato. Il passito (16,00% vol.), infine, si presenta color rosso tendente al granato con l’invecchiamento, odore fruttato e gusto dolce, armonico.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione è composta da due valli, quelle dei fiumi Sacco e Liri, e da un territorio sia montuoso che collinare, costituito dai versanti occidentali della catena dei monti Simbruini-Ernici e quelli orientali della catena dei monti Lepini-Ausoni- Aurunci.

Specificità e note storiche

Le origini della tradizione vitivinicola del Frusinate si attestano all’epoca delle popolazioni che abitavano anticamente la zona, successivamente inglobate dai Romani. La contaminazione delle tecniche tipiche della scuola etrusca e greca è ancora oggi osservabile nella parte settentrionale della provincia frusinate. La rete di monasteri benedettini contribuì in maniera decisiva allo sviluppo commerciale della vite e del vino, che, nel corso dei secoli, hanno avuto un ruolo fondamentale nell’economia locale.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE vino FRUSINATE o DEL FRUSINATE IGP

Vini del Lazio
CASTELLI ROMANI DOP

Il Castelli Romani bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5% vol.) si presenta giallo paglierino, con intensità variabile. Ha un odore fruttato e intenso, abbinato ad un sapore fresco, armonico, secco a cui si aggiungono i caratteri frizzante e amabile delle relative varianti. Il Castelli Romani rosso (11% vol.), nelle sue differenti versioni, ha una…

Leggi di +

Vini del Lazio
COLLI DELLA SABINA DOP

Il vino bianco appartenente a questa denominazione si presenta giallo paglierino, con una tonalità che può essere più o meno intensa, a seconda della produzione. Libera un profumo caratteristico, delicato e fruttato, che si abbina ad un sapore altrettanto delicato e armonico, che può andare dall’asciutto all’amabile. Il titolo alcolometrico minimo è di 11% vol….

Leggi di +

Vini del Lazio
COLLI CIMINI IGP

I vini ad IGP bianchi presentano un colore giallo con un odore fruttato e un sapore dal secco al dolce, sapido; il bianco novello si differenzia per il sapore da secco ad abboccato; il bianco vendemmia tardiva si distingue per il color giallo dorato; il bianco passito ha un colore giallo tendente all’ambra a seconda…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *