Vini del Lazio
COLLI CIMINI IGP

L’Indicazione Geografica Protetta “Colli Cimini” comprende tre tipologie di vini: bianco, anche nelle varianti frizzante, novello, passito, vendemmia tardiva; rosso, anche nelle varianti frizzante e novello; rosato, anche nella versione frizzante.

Uvaggio

I vini ad IGP “Colli Cimini” devono essere ottenuti da uve provenienti da vigneti composti da uno o più dei vitigni idonei alla coltivazione per la Regione Lazio. L’IGP “Colli Cimini” con la specificazione di uno dei vitigni idonei alla coltivazione per la Regione Lazio è riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti composti per almeno l’85% dai corrispondenti vitigni. Possono concorrere alla produzione le uve di altri vitigni idonei alla coltivazione per la Regione Lazio, fino ad un massimo del 15%.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

I vini ad IGP bianchi presentano un colore giallo con un odore fruttato e un sapore dal secco al dolce, sapido; il bianco novello si differenzia per il sapore da secco ad abboccato; il bianco vendemmia tardiva si distingue per il color giallo dorato; il bianco passito ha un colore giallo tendente all’ambra a seconda dell’invecchiamento. Le versioni rosso e rosso novello hanno un colore rubino tendente al granato con l’invecchiamento, con un profumo fruttato ed un gusto dal secco al dolce. Il rosato è di colore rosato cerasuolo, con odore fine e sapore dal secco al dolce. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è pari a 10,00% vol. per il bianco, il rosso e il rosato; 11,00% vol. per il bianco novello e il rosso novello; 15,00% vol. per il bianco vendemmia tardiva; 16,00% vol. per il bianco passito.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione comprende il territorio amministrativo dei comuni di Bassano in Teverina, Canepina, Capranica, Caprarola, Carbognano, Corchiano, Fabrica di Roma, Gallese, Ronciglione, Seriano nel Cimino, Sutri, Vallerano, Vasanello, Vignanello, in provincia di Viterbo.

Specificità e note storiche

La coltivazione della vite nel Lazio ha origini antichissime, risalenti agli Etruschi, e fu favorita anche da evolute conoscenze tecniche e da materiale di varia origine raccolto attraverso gli ampi rapporti commerciali di questo popolo.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE vino COLLI CIMINI IGP

Vini del Lazio
COLLI ALBANI DOP

Il Colli Albani bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5% vol.), comprese le tipologie Novello e Spumante, presenta una colorazione giallo paglierino, che varia dalle tonalità più chiare fino a quelle più scure. L’odore è vinoso e delicato, accompagnato da un sapore caratteristico e fruttato, che spazia dal secco all’abboccato, all’amabile e al dolce. La…

Leggi di +

Vini del Lazio
COLLI ETRUSCHI VITERBESI o TUSCIA DOP

I vini bianchi sono accomunati da un carattere fresco ed equilibrato e da una tonalità piacevole, che spazia dal paglierino al dorato. Anche nei rossi si ravvisano peculiarità ricorrenti, come la buona struttura, la pienezza di corpo e l’assenza di ruvidezza. I rosati, invece, emergono per freschezza, leggerezza e vivacità. Nel disciplinare è possibile poi…

Leggi di +

Vini del Lazio
CASTELLI ROMANI DOP

Il Castelli Romani bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5% vol.) si presenta giallo paglierino, con intensità variabile. Ha un odore fruttato e intenso, abbinato ad un sapore fresco, armonico, secco a cui si aggiungono i caratteri frizzante e amabile delle relative varianti. Il Castelli Romani rosso (11% vol.), nelle sue differenti versioni, ha una…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *