Tartufo bianco pregiato PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’ Emilia Romagna

Tuber Magnatum Pico è la sua denominazione scientifica, ben conosciuto come trifola o, semplicemente, tartufo bianco pregiato. Caratteristiche del tubero: peridio liscio, per niente verrucoso, di forme non perfette, quasi arzigogolato, frastagliato, tendente al tondo in giovane età.  Alcuni esemplari sono piatti, fossili. La polpa passa dalla tonalità dell’ocra scuro al caffè, l’esterno è giallo ocra in piena maturazione, in giovane età giallo paglierino, più scuro se avanti con la maturazione. Aroma sconvolgente: fortissimo, di grande intensità, ma gradevolissimo.

Il tartufo bianco ha la capacità di svilupparsi in maniera del tutto spontanea nella profondità di terreni calcarei situati in luoghi areati e resi ben umidi e morbidi dalle piogge. Il salice bianco, il tiglio, il pioppo, il faggio, la quercia sono alcune tra le specie di alberi con cui vive in simbiosi per trarne il nutrimento. Dal 1 ottobre al 31 dicembre è il periodo migliore per la sua raccolta, poiché raggiunge un eccellente grado di maturazione sia dal punto di vista della dimensione, sia per quanto riguarda la compattezza di una polpa che risulterà sempre profumatissima e prelibata.

Tradizionalità

Le prime notizie sui tartufi le troviamo nella “Historia plantarum” di Teofrasto, autore greco del IV secolo A.C. considerato il padre della botanica: li descrive come funghi, piante imperfette prive di radici, foglie, fiori e frutti, li denomina “hydnon”. Plinio il Vecchio, I secolo D.C., li distingue dai funghi senza tuttavia riuscire a definirli con esattezza. Notizie più precise si hanno dal Rinascimento quando, S. Ambrogio scrive al vescovo di Como per ringraziarlo dell’invio di “terratuffole” di straordinaria grandezza. Nel’500 i tartufi erano largamente presenti nelle mense di alto rango.

Referenze bibliografiche

  • Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, Direzione dell’Agricoltura, “Relazione intorno alle condizioni dell’agricoltura in Italia del 1879”, Tip. G. Barbera.

Territorio di produzione

Comune di Savigno, provincia di Bologna.

Lardo PAT Emilia Romagna

Il lardo è da epoche remote conosciuto e diffuso nella produzione locale. Nel XIV secolo si rinvengono, negli Statuti, le prime tracce del Lardo Piacentino. Infatti, la vendita delle carni conservate veniva praticata unicamente dagli aderenti alla corporazione o “Paratico dei Formaggiai” che tenevano banco stabile per la vendita in piazza Duomo a Piacenza. Successivamente,…

Continua a leggere

Cavolfiore all’uso di Romagna PAT Emilia Romagna

Ortaggio cucinato con aggiunta di aglio, prezzemolo, pomodoro. “Dividete una grossa palla di cavolfiore, o due se sono piccole, in spicchiettini che laverete; e così crudi, senza asciugarli, cuoceteli in questo modo: ponete al fuoco un battuto proporzionato di aglio,  prezzemolo e olio, e quando sarà rosolato fermatelo con un gocciolo d’acqua. Gettateci allora il…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *