Tarallo roscianese PAT Campania

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Campania

Tarallo dalla forma circolare, superficie liscia e di colore dorato, dal diametro di circa 15-18 cm e alto circa 8-10 cm, con un lato frastagliato, quasi a voler assomigliare ad una corona, dal sapore deciso e caratteristico; il peso medio è di circa 250 – 300 grammi per singolo pezzo.

Metodiche di lavorazione

impasto di farina bianca di grano tenero (in passato anche farina di mais o di cicerchia), strutto, uova, cedrata effervescente, pepe ed anice, il tutto impastato a mano a lungo, quindi modellato; i taralli vengono subito immersi in acqua bollente, quindi cotti in forno a legna (tradizionalmente con fascine di legno d’ulivo). È una preparazione tipicamente casalinga e fortemente rituale (collegata al culto di Sant’Anna in un santuario locale).

Osservazioni sulla tradizionalità

Rosciano è una delle frazioni del Comune di Santa Maria a Vico (CE); “Corte Rosciano” è stato uno dei primi insediamenti della Valle di Suessola e sicuramente esisteva prima dello stesso “Vicus ad Novas”. I primi resti rinvenuti sono dei frammenti ceramici in bucchero nero, risalenti al IV – V secolo a.C.; il luogo è limitrofo all’antica Suessola, per la quale si ha certezza di insediamenti già dal IX secolo a.C. Per quanto riguarda il tarallo roscianese è presente una ricca documentazione fotografica attestante che già a metà del secolo scorso, durante i festeggiamenti in onore della Santa Patrona (Sant’Anna), venivano esibiti i taralli Roscianesi per le vie della frazione su di una struttura piramidale in legno denominata “Giglio”. Dai racconti degli anziani si è riusciti a risalire alle origini, attestate all’inizio dello scorso secolo. La preparazione del tarallo serviva per ringraziare la Santa per il buon raccolto; la forma tondeggiante e le dimensioni risultavano comode per il trasporto (si legavano con uno spago allo zaino e il lungo tempo di conservazione lo rendevano utile ai pastori che andavano in montagna anche per diverse settimane a seguire le greggi. Oggi il tarallo viene prodotto sia in occasione della festa della Santa Patrona, legato con uno spago al “Giglio”, sia in altre ricorrenze, rappresentando una forte ed inalterata nel tempo identificazione con il borgo.

Territorio di produzione

frazione di Rosciano del comune di Santa Maria a Vico (CE)

Pizza figliata PAT Campania

La “pizza figliata”, detta anche “serpentone” è un dolce di remota origine e di diffusione molto limitata: originario forse della zona di Camigliano, tra Capua e Pignataro Maggiore, è diffuso, con piccole variazioni, anche in alcuni comuni limitrofi, come Calvi Risorta e Teano. Di forma cilindrica ripiegata a ciambella, a volte leggermente spiralata, ha un…

Continua a leggere

Palme di confetti PAT Campania

Le palme di confetti sono delle composizioni che rappresentano ramoscelli di fiori oppure alberelli fabbricati con confetti di vari colori e dimensioni, che vengono disposti a caldo su un sottile filo di ferro zincato, riscaldato alla fiamma di una candela, a mo’ di petali e foglie di un gambo o rametto costituito dal filo di…

Continua a leggere

Biscotto di Sant’Angelo PAT Campania

Localmente noto come “biscotto”, assomiglia in realtà più propriamente ad un pane aromatizzato a forma di ciambella, che trova riscontro in svariati esempi di “pani rituali” (es. “Ciambella di Veroli). La diffusione è limitata alla comunità di Sant’Angelo d’Alife ed alla “Festa di San Michele Arcangelo”, venerato il 29 settembre nell’omonimo santuario e relativa grotta…

Continua a leggere

Diventa anche tu ViVi Greeners Conosci i taralli di San Lorenzello prodotto campano?
Aiutaci nel nostro progetto, se hai curiosità, immagini o vuoi aggiungere una descrizione del prodotto. SCRIVICI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *