Spongata di Piacenza PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’Emilia Romagna

spungada, spungheda

Dolce a base di fior di farina, lievito in polvere, uova, burro, zucchero, latte, aromi naturali, pane biscottato, pinoli, mandorle, noce moscata, chiodi di garofano, noci, cannella, miele e droghe, vino bianco.

Tra due fogli di pasta sottile viene posto lo strato di ripieno, pressato in forme di legno di noce, che danno al prodotto finito la tipica forma piatta e tonda. Il tutto viene cotto al forno e quindi ricoperto di un velo di zucchero.

Tradizionalità

La spongata è conosciuta almeno dal XVI secolo: infatti nel libro “400 Ricette della cucina piacentina” la curatrice C. Artocchini ne riporta due ricette datate 1585, tratte da un manoscritto ora custodito nell’Archivio di Stato di Parma. Risalendo a tempi più vicini a noi, ritroviamo ormai da quasi un secolo, la spongata come dolce natalizio tradizionale e tipico di Monticelli d’Ongina, reintrodotto dalla comunità ebraica, numerosa e ben radicata in loco fino alla II guerra mondiale. Pare appunto che la segreta ricetta attuale pervenisse da uno speziale ebreo ad un fornaio del luogo, Amato Re, il quale ai primi del ‘900 avviò la produzione e la vendita della spongata su scala locale. Nel 1913 il pittore Dino Mora di Colorno disegnò il motivo ornamentale, in stile liberty, che tuttora appare (leggermente modificato verso il 1950 da Aldo Ambrogio e con la dicitura “spongata di Piacenza”) sulla carta usata per la confezione. Caratteristiche ed originali sono inoltre le forme in pietra da allora utilizzate per la stampa della carta da confezione.

Curiosità

La carta per confezione usata attualmente ricalca quella in uso dal 1913.

Referenze bibliografiche

  • Archivio di Stato di Parma, Fondo Archivio Comunale n. 4207, fotocopie conformi all’originale di ricette di Spongata manoscritte datate 1589;
  • “Il Folklore Piacentino” di Carmen Artocchini, UTEP, Piacenza 1971 – pagg. 336/337;
  • Fotografie delle forme in pietra, custodite nel Museo della Civiltà Contadina e Artigiana di Monticelli d’Ongina;

Territorio di produzione

Comune di Monticelli d’Ongina, provincia di Piacenza.

Strozzapreti PAT Emilia Romagna

Le leggende e le spiegazioni del nome sono varie, ma tutte comunque ruotano attorno alla situazione di storico anticlericalismo creatosi in Romagna fra la popolazione oppressa dalla lunga dominazione dello Stato Pontificio che imponeva tasse e costumi rigidi e che, secondo i popolani, i preti campavano sulle spalle della povera gente. Le massaie non potendo…

Continua a leggere

Ciaccio PAT Emilia Romagna

Il ciaccio della vallata del Dragone risale agli ultimi decenni dell’800, le famiglie alternavano questo povero cibo alla polenta di castagna o di mais. Il ciaccio si chiamava “salada” dalla forma rotonda che ricorda il sole, ovvero dalla forma dei vecchi “stampi” di rame rotondeggianti. Il ciaccio come si fa ora entra nell’uso comune negli…

Continua a leggere

Tortellini di Bologna PAT Emilia Romagna

Dal 1500 la storia ha i suoi testimoni: nel diario del Senato di Bologna si riporta che a 16 Tribuni della Plebe riuniti a pranzo fu servita una “minestra de torteleti” mentre nel 1570 un cuoco bolognese (forse Bartolomeo Scappi, cuoco di Pio V) fece stampare un migliaio di ricette tra cui presenziava quella dei…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *