Sedano di Gesualdo PAT Campania

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Campania

Il gambo e il ciuffo del sedano di Gesualdo si presentano di colore verde intenso. La base del gambo è più chiara quasi tendente al bianco. L’intensità del colore, tuttavia, dipende dall’esposizione delle piante alla luce solare nelle fasi di sviluppo. Il gambo, o costa, è pieno e tondeggiante con un diametro che varia dai tre ai sei centimetri, quindi più piccolo rispetto al sedano tradizionale. Al contrario, l’altezza è maggiore rispetto alle altre varietà di sedano presenti sul territorio, arrivando fino ai 100 centimetri.

Grazie alle caratteristiche pedo-climatiche il sedano di Gesualdo acquisisce caratteristiche e proprietà irripetibili; uniche negli aspetti organolettici e nutrizionali. Nel gambo e nelle foglie del sedano di Gesualdo sono presenti importanti quantità di potassio, fosforo, magnesio, calcio e vitamine. Molteplici, altresì, sono le proprietà benefiche, difatti il sedano di Gesualdo risulta essere particolarmente diuretico e depurativo.

Metodiche di lavorazione

La coltivazione consiste nelle seguenti fasi: La semina si effettua nella prima metà di gennaio (10 gennaio) in semenzaio, su fondo di terriccio fertilizzato con letame maturo di tipo ovino. In base alle condizioni climatiche e alla temperatura i semi, generalmente, germogliano dopo circa tre settimane. Successivamente si procede al trapianto in pieno campo che avviene a fine aprile. Le piantine normalmente vengono messe a dimora a distanza di circa 10 cm l’una dall’altra ed in file distanti 20 cm. La distanza tra le piantine ne determina le dimensioni e la pezzatura; il terreno per il trapianto viene preparato ed arricchito di sostanze nutritive grazie all’utilizzo di letame maturo il quale, oltre a fertilizzare, rende il terreno friabile e spugnoso.

La raccolta si effettua a fine giugno, inizio luglio. In seguito, circa ogni 7-8 giorni si procede al rincalzo sia per eliminare eventuali infestanti (gramigna, ecc.) sia per smuovere il terreno in modo da consentire all’acqua di scendere in profondità. Questa operazione sembrerebbe influenzare l’imbiancamento della costa. Una volta espiantata la pianta di sedano, questa veniva immediatamente rimpiazzata da una piantina nuova in modo da assicurarsi una produzione continuativa di almeno due mesi data la limitata quantità di terreno disponibile alla coltivazione.

Il sedano di Gesualdo è una pianta rustica e vigorosa che difficilmente viene attaccata da funghi e parassiti, per tanto non ha bisogno di particolari trattamenti chimici. Il seme del sedano di Gesualdo viene tramandato da decine di generazioni ed il sistema per la produzione del seme segue delle regole tramandate di padre in figlio da tempi remoti: al momento della raccolta le piantine migliori vengono lasciate nel terreno e si fanno crescere fino al momento in cui avviene la fioritura che produce il seme nuovo che poi viene accuratamente raccolto, selezionato e conservato per la produzione successiva; questo è un processo lungo che richiede quasi un anno, di fatti il seme del sedano si raccoglie nel mese di luglio, dell’anno precedente la piantagione.

Osservazioni sulla tradizionalità

Nel comune di Gesualdo fino a 40 anni fa erano circa 50 le famiglie dedite alla coltivazione di ortaggi ed in particolare alla produzione del rinomato sedano. Il raccolto veniva venduto nei mercati rionali dei paesi limitrofi oltre che ovviamente consumato dalle famiglie locali. Settimanalmente venivano prodotte e vendute circa 30.000 piante di sedano di Gesualdo.

Oggi la produzione del sedano di Gesualdo si è notevolmente ridotta rispetto agli anni passati. Esso è tuttora a rischio estinzione, nonostante alcuni piccoli agricoltori ne hanno scongiurato la scomparsa totale, continuando la coltivazione tradizionale nei propri orti privati.

Territorio di produzione

Gesualdo (AV), in particolare nelle aree delle Pastene e di C/da Tremolito

Pancotto dei foresi PAT

I “furisi” sono coloro che stanno fuori, gli allevatori transumanti che stanno all’aria aperta, a cui è abbinato il nome di questo piatto diffuso nell’area della transumanza, Alta Valle del calore in provincia di Avellino. Il pancotto fa, dunque, parte della cucina povera ma di sostanza; è il piatto unico consumato tradizionalmente dagli allevatori transumanti;…

Continua a leggere

Casoperuto e marzolino di Teano PAT Campania

Il casoperuto è un antico formaggio ovicaprino della provincia di Caserta, tipico della zona confinante con il Molise e il Basso Lazio, compresa tra Sessa Aurunca e San Pietro Infine, area, questa, caratterizzata da un’antichissima tradizione pastorale. Casoperuto significa “cacio perso”: se ben stagionato, emana infatti un penetrante odore di muffa e appare un po’ raggrinzito….

Continua a leggere

Patata di Monte San Giacomo PAT Campania

La coltivazione della patata in questi terreni viene perpetrata da tempi immemori così come le tecniche colturali. Intimamente connessa con la coltivazione di altre specie vegetali, soprattutto cereali e legumi,  di cui tutti i terreni montani erano ricchi, la coltivazione della patata è stata l’unica che ha resistito al progressivo abbandono della coltivazione dei terreni…

Continua a leggere

Diventa anche tu ViVi Greeners Conosci il Sedano di Gesualdo prodotto Campano?
Aiutaci nel nostro progetto, se hai curiosità, immagini o vuoi aggiungere una descrizione del prodotto.
SCRIVICI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *