Scarpasot PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’Emilia Romagna

Farina bianca, bietola o spinaci, cipollotti, prezzemolo, aglio, pane grattugiato, uova, formaggio parmigiano, lardo. Si lavano le foglie e si tagliano a strisce, si mettono poi sotto sale per circa 3 ore. Scolare, strizzare bene, unirle al formaggio, uova, lardo pestato, pane grattugiato, farina. Impastare il tutto e adattarlo, in una padella unta, in modo da riempirla fino all’orlo. Ungere con olio di oliva; far cuocere a fuoco lento rivoltando l’impasto almeno una volta per parte. Cotto deve assumere un aspetto bruno-verdastro, dello spessore di un dito e mezzo, non di più.

Tradizionalità

Il principe Giovan Siro (1590-1645) Signore di Correggio e di Rossena, durante una cavalcata fuori città, sull’antico Canale dei Mulini, attuale Villa Taparelli, sostò presso un suo colono. Il povero colono si trovò nelle peste: cosa dare a quei signori abituati a cibi raffinati. La moglie Demaride, con una di quelle intuizioni che solo le donne hanno, andò nei campi e, colte alcune erbe a lei note e un aglio, in breve tempo allestì con del lardo battuto un impasto che affidò alla padellla, grande sistematrice d’ogni vivanda (la padèla la giùsta tùtt). Cotta che fu la vivanda, che pareva una tortaccia verde-brunastra, esalava un buon profumo e si rivelò gustosissima al punto che Demaride dovette ripetersi.

Curiosità

Dalle parole del principe Sirio: “Quel che tu ci desti a mangiar, o villanotto, da oggi in poi nomar si dée Scarpa di sotto, perché col piede mio liber te faccio e la brava donna tua bacio ed abbraccio”.

Referenze bibliografiche

  • Giulio Taparelli “Storie di cucina e di focolare con antiche ricette”;
  • Alexia Salati “Correggio dei Principi”, Guida alla Città di Correggio- pag. 163.

Territorio di produzione

Comune di Correggio, provincia di Reggio Emilia.

Passatelli, passatini, pasadein, pasadòin in bròd PAT Emilia Romagna

Si chiamano passatelli perché prendono la forma particolare passando dai buchi dello specifico strumento. In passato era la minestra delle feste e delle grandi occasioni: Pasqua, Ascensione, battesimi, cresime, matrimoni, tranne il Natale in cui erano sostituiti dai cappelletti in brodo. Erano considerati un piatto pregiato poiché fatti con pane bianco. Pangrattato e parmigiano andavano…

Continua a leggere

Tagliatelle PAT Emilia Romagna

Per tagliatelle si intende il risultato finale della lavorazione di un impasto di farina di grano tipo 00 e di uova fresche. L’impasto avviene attraverso la rottura delle uova nello spazio creato in modo circolare al centro della farina. La lavorazione avviene rigorosamente a mano finché si ottiene un impasto elastico e senza grumi. La…

Continua a leggere

Croccante PAT Emilia Romagna

Dolce a base di mandorle, zucchero, miele. Si mettono per pochi minuti le mandorle in acqua bollente, si spellano, si asciugano nel forno caldo senza far colorire. In una casseruola si fonde a fuoco dolce lo zucchero e, quando il caramello è color biondo chiaro, sempre rimestando con un cucchiaio di legno si aggiungono le…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *