Sapore PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’ Emilia Romagna

savôr

Mosto d’uva e mele cotogne. La variante ricca prevede l’aggiunta di pere, fichi, gherigli di noce, mandorle sbucciate, limone e cannella. Si fa bollire la frutta nel mosto d’uva, si conserva in vasi di vetro. Avendo una cottura di 4-5 ore il prodotto si conserva per diversi anni. Curiosità A Bagnacavallo si prepara per la ricorrenza di San Michele nei giorni intorno al 29 settembre; a Montegelli (FC) se ne festeggia la sagra annuale.

Tradizionalità

E’ un prodotto che nel dopo guerra, con l’avvento della produzione industriale, si rischiava di perdere la produzione. Da diversi anni si cerca di rivalorizzare in quanto unico e ineguagliabile. Già il nome conferma il suo sapore intenso. Antica marmellata diffusa un tempo in Romagna, conservata in piccole damigiane dal collo largo e usata come energetico companatico.

Referenze bibliografiche

  • Quondamattoe, L.Pasquini, M. Caminiti “Mangiari di Romagna” – IV edizione Grafiche Gelati Imola (1975).

Territorio di produzione

Provincie di Forlì-Cesena e Ravenna.

Croccante PAT Emilia Romagna

Dolce a base di mandorle, zucchero, miele. Si mettono per pochi minuti le mandorle in acqua bollente, si spellano, si asciugano nel forno caldo senza far colorire. In una casseruola si fonde a fuoco dolce lo zucchero e, quando il caramello è color biondo chiaro, sempre rimestando con un cucchiaio di legno si aggiungono le…

Continua a leggere

Pane casereccio PAT Emilia Romagna

Farina tipo 1, acqua, lievito naturale acido, lievito naturale di birra, sale. Dopo l’impasto meccanico viene lavorato a mano e cotto in forno ad aria calda. Micconi da 1 kg, e micche da 500 gr. E’ il pane che si faceva nelle campagne dell’Alta Val Stirone (PR) dagli anni 55 in poi, con la farina…

Continua a leggere

Brodetto di vongole PAT

La vongola (Chamelea Gallina) detta “poveraccia” in dialetto, è un mollusco bivalve con conchiglia tondeggiante schiacciata. Questa ricetta è tipica della tradizione popolare della costa romagnola ed era il cibo più comune dei pescatori che, venduto il pesce più pregiato, si tenevano questi poveri molluschi per loro. Si mettono a bagno le vongole in acqua…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *