Riserva naturale integrale biogenetica Bassa Dei Frassini – Balanzetta – Emilia Romagna

Fonte @Raggruppamento Carabinieri Biodiversità

La Riserva costituisce una porzione del comprensorio boscato denominato “Boscone della Mesola”, che rappresenta una delle poche superfici forestali di rilievo del Delta del Po; ciò si riflette in una notevole varietà di habitat e ricchezza faunistica. La ricchezza vegetazionale è dovuta alle piccole variazioni di quota e di morfologia del terreno create dall’antico sistema dunale che producono netti cambiamenti nei fattori ecologici (disponibilità idrica per la vegetazione, livello e caratteristiche della falda idrica, tipo di suolo ecc.) e, conseguentemente, un mosaico di ambienti. La Riserva è distante dal mare, per cui le antiche dune risultano ormai spianate dall’azione del tempo con conseguente interramento delle fasce interdunali e connesa prevalenza del bosco mesofilo di farnia e carpini (aggruppamento a Carpinus betulus e Quercus robur) mentre le depressioni più profonde residue presentano il bosco igrofilo di pioppi e frassini (Cladio-Fraxinetum oxycarpae).

Habitat

Tra gli habitat protetti dalla Direttiva UE Habitat si segnalano in particolare i seguenti:

  • 1410: Pascoli inondati mediterranei
  • 3150: Laghi eutrofici naturali con vegetazione del Magnopotamion o Hydrocharition
  • 3170*: Stagni temporanei mediterranei
  • 6420: Praterie umide mediterranee con piante erbacee alte del Molinio-Holoschoenion
  • 7210*: Paludi calcaree con Cladium mariscus e specie del Caricion davallianae
  • 91AA*: Boschi orientali di quercia bianca
  • 91E0*: Foreste alluvionali di Alnus glutinosa e Fraxinus excelsior (Alno-Padion, Alnion incanae, Salicion albae)
  • 91F0: Foreste miste riparie di grandi fiumi a Quercus robur, Ulmus laevis e Ulmus minor, Fraxinus excelsior o Fraxinus angustifolia (Ulmenion minoris)
  • 92A0: Foreste a galleria di Salix alba e Populus alba
  • 9340: Foreste di Quercus ilex e Quercus rotundifolia
Flora

La prima “Flora” del Boscone è in fase di pubblicazione.

Fauna

In tutto il comprensorio boscato è presente il cervo. Recenti studi genetici hanno evidenziato come il cervo della Mesola risulti geneticamente differenziato dalle altre popolazioni peninsulari e dalla sottospecie sarda, ribadendone l’importanza naturalistica e conservazionistica. Dal punto di vista morfologico i cervi della Mesola presentano piccole dimensioni ed una struttura semplificata dei palchi.

Di notevole interesse la presenza di diverse specie di chirotteri legate agli ambienti boschivi (7 specie, tra cui la Nottola) tutte protette dalla Direttiva UE Habitat.

La comunità ornitica nidificante privilegia le specie delle chiome e quelle nidificanti in cavità (Picchio rosso maggiore, Torcicollo, Upupa, Rigogolo, o, Verdone). Tra i rapaci diurni nidificanti Sparviere e Lodolaio. Tra le altre specie proprie dell’habitat forestale si segnala la Beccaccia.

Tra i Rettili, la Riserva ospita interessanti popolazioni di Testuggine palustre (Emys orbicularis) e Testuggine di Hermann (Testudo hermanni), entrambe protette dalla Direttiva UE Habitat.

Per ulteriori informazioni riguardo le norme di fruizione della riserva, il centro visita e le attività in corso visita rgpbio.it Riserva naturale integrale biogenetica Bassa Dei Frassini – Balanzetta

Vedi Classificazione Aree Naturali Protette

Riserva Naturale Biogenetica Metaponto – Basilicata

La Riserva si estende per circa 240 ettari lungo la costa Jonica lucana, tra le foci dei fiumi Bradano e Basento, nel comune di Bernalda, in provincia di Matera, e comprende al suo interno una raccolta di ambienti particolari. Sono presenti le aree umide che si spingono fino alla costa, le zone dove domina incontrastata…

Leggi di +

Riserva naturale integrale Sasso Fratino – Emilia Romagna

Nel 1914, insieme al nucleo centrale del complesso delle Foreste Casentinesi, il territorio dell’attuale Riserva di Sasso Fratino entra a far parte del Demanio Forestale dello Stato. Nel 1959 il primo nucleo di circa 110 ettari viene precluso al libero accesso e ad ogni forma di intervento. Questa decisione, assunta con un atto interno dell’Azienda…

Leggi di +

Riserva Naturale Biogenetica Gariglione Pisarello – Calabria

La Foresta ricade nella zona del Fagetum ed è proprio il Faggio la specie più diffusa in consociazione con l’Abete bianco, la mescolanza è sia a singoli pedali che a gruppi.  Evidente è l’alternanza dei cicli di produzione tra le due specie, infatti nelle zone ricoperte dove ci sono abeti adulti è il Faggio che trova condizioni ideali…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *