Riserva Naturale Antropologica Monte Croccia – Basilicata

Fonte @Raggruppamento Carabinieri Biodiversità

La Riserva venne istituita per tutelare un antico centro abitato fortificato localizzato sulla sommità del Monte Croccia. Unitamente ad una serie di altri siti che ospitavano città fortificate edificate sui monti lucani, faceva parte di una rete difensiva del territorio. Il perimetro delle mura, ancora intatto nella parte basale, evidenzia una tecnica costruttiva mirata a sfruttare la morfologia e la geomorfologia del territorio mediante il raccordo della fortificazione alla roccia esistente, segno evidente di un avanzato perfezionamento delle tecniche militari diffuse in Lucania nel IV secolo a.C. (a tale periodo sono da attribuirsi le guerre interne tra popolazioni lucane e colonie greche).
La lunga cinta muraria (costituita da 3 circuiti di mura, di cui quello meglio conservato difende l’acropoli dell’abitato) è composta da blocchi perfettamente tagliati secondo una tecnica costruttiva che molto probabilmente fu ereditata dalle colonie greche lungo la costa. La muratura che cinge l’acropoli si estende per una lunghezza totale di oltre 2 chilometri. I terreni della Riserva sono in parte di origine eocenica, pietrosi e compatti, in parte di origine pliocenica, con elevate percentuali di argilla e poveri di calcare.

Credit Photo Theo Rivierenlaan

Habitat

Sono presenti una fustaia coetanea a prevalenza di cerro (Quercus cerris) e anche formazioni di roverella (Quercus pubescens). Alle quote più alte, ove affiorano banchi di arenarie, svetta qualche esemplare di farnetto (Quercus frainetto). Nelle zone più riparate si incontrano boschi di carpino orientale (Carpinus orientalis) e carpinella (Ostrya carpinifolia) con presenza di cerro (Quercus cerris), orniello (Fraxinus ornus) e farnetto (Quercus frainetto).

Flora

In primavera, si verificano abbondanti fioriture di gladiolo (Gladiolus sp.), asfodelo (Asphodelus sp.), ginestra e pimpinella (Sanguisorba sp.). Sulle rocce crescono la valeriana rossa (Centrathus ruber), la digitale ferruginea (Digitalis ferruginea), la moneta del Papa (Lunaria annua) e la rara onosma lucana (Onosma peseudoarenaria subsp. lucana).

Fauna

Si rileva la presenza di specie quali volpe, faina, donnola, tasso, lepri e ricci. Fra i rapaci si segnala la presenza dello sparviero. L’avifauna comprende uccelli quali gufi, civette, allocchi, barbagianni, picchi, pettirossi, usignoli, cince e scriccioli.

Come arrivare

SS 407 Basentana, Uscita Accettura, direzione Oliveto Lucano

Norme di fruizione: Le visite guidate sono effettuate previa richiesta inoltrata al  Reparto Carabinieri Biodiversità di Potenza . Ogni accesso per motivi di studio o altro deve essere comunicato ed autorizzato dal Reparto.

Centri visita/musei: All’interno del complesso Gallipoli Palazzo, da visitare è l’ecomuseo allestito a cura del Reparto Carabinieri Biodiversità di Potenza. Le visite sono possibili solo su prenotazione.

Vedi Classificazione Aree Naturali Protette

Riserva Naturale Orientata Feudo Intramonti – Abruzzo

Nella Riserva si svolgono continue campagne di ricerca e monitoraggio su un’ingente quantità di habitat e di specie protette, anche di interesse dell’Unione Europea. In particolare, da molti anni vi si svolge il monitoraggio dei rapaci e di due specie di insetto strettamente protette dalla Direttiva UE Habitat, Rosalia alpina e Osmoderma eremita.Il territorio della…

Leggi di +

Riserva Naturale Biogenetica Serra Nicolino – Piano dell’Albero. Calabria

Le zone umide sono frequentate da numerosi anfibi come l’ululone dal ventre giallo (Bombina pachypus), la salamandrina dagli occhiali (Salamandrina terdigitata), la salamadra pezzata (Salamandra salamandra), il tritone crestato (Triturus carnifex), il tritone italico (Triturus italicus), la rana appenninica (Rana italica) e la raganella italiana (Hyla intermedia), tutte specie protette dalla Direttiva Habitat. Estremamente interessante, a quest’ultimo…

Leggi di +

Riserva naturale integrale Cucco – Friuli Venezia Giulia

La Riserva è rappresentata dal margine inferiore dell’Alpe piccola, nelle immediate vicinanze con il fondo valle. Il versante di insediamento è di modesta pendenza (15-30°), esposto a sud, ben modellato e in buona fase di consolidamento, anche se non sono rari gli affioramenti rocciosi. Il suolo, che non si evolve oltre il protorendzina, deriva da…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *