Minestra verde PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Minestra verde alla pugliese

In Puglia anche il giorno di Santo Stefano si trascorre per buona parte a tavola: per i pugliesi il pranzo del 26 dicembre è più leggero, ma prevede comunque un lungo susseguirsi di portate, dagli antipasti ai primi, dai secondi ai contorni, fino ad arrivare ai dolci natalizi.

Il piatto principale per il pranzo di Santo Stefano è la minestra verde, un brodo a base di molte verdure tipiche locali e un misto di carne; questo ricco condimento viene utilizzato per condire la pasta, solitamente all’uovo e cotta direttamente nel brodo, mentre per il secondo si utilizza la carne del brodo con contorno di verdure cotte.

I pugliesi considerano la minestra verde un pasto “leggero” perché ricco di verdure, ma durante le feste si sa, soprattutto al sud, di leggero a tavola c’è ben poco.

Ingredienti

  • 4 cardi
  • 2 finocchi
  • mezzo cavolfiore
  • 500 g di cicorie
  • 300 gr di verza
  • 300 gr di scarola
  • 300 g di bietole o spinaci
  • 1 gambo di sedano
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 600 gr di carne per brodo mista (manzo, maiale, vitello, pollo, tacchino)
  • parmigiano grattugiato q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Pulire, lavare accuratamente tutte le verdure (cardi, finocchi, verza, cavolfiore, cicorie, scarola e bietole) e tagliarle a pezzi; intanto preparare una pentola capiente con l’acqua, salare e portarla ad ebollizione: quando bolle immergere la verdura tutta insieme e cuocerescolare quando le verdure sono al dente.

Mentre procede la cottura delle verdure preparare in un’altra pentola il brodo con sedano, carota, cipolla, prezzemolo e i pezzi di carne da brodo mista.

Successivamente, senza scolare il brodo, pulire la carne eliminando la maggior parte delle pelli e del grasso e spezzettarla in un piatto.

Controllare la quantità di brodo rimasta nella pentola e se si fosse troppo ristretto aggiungere acqua calda, calcolando però che la minestra non deve essere troppo brodosa.

Quando gli ingredienti sono tutti pronti si procede all’assemblaggio finale facendo uno strato di verdura ed uno di carne e aggiungendo del parmigiano grattugiato e un mestolo di brodo; procedere con un altro strato fino a quando tutti gli ingredienti sono terminati. Cuocere il tutto per altri 15 minuti in modo da far insaporire i vari strati, aggiungere una spolverata di pepe abbondante, togliere dal fuoco e servire.

Fonte @puglia.com Vedi RICETTA

Territorio

Intera regione Puglia

Pitteddhre PAT

Dolci simili a crostatine, dalla forma di piccola guantiera dai bordi rialzati, guarnite con confettura d’uva. Alla farina tipo 00 (oppure farina di grano duro setacciata) si aggiunge un 20% di olio d’oliva, buccia di limone (finemente grattugiata) e poco sale. Si impasta a lungo il tutto, sino ad ottenere una pasta elastica, aggiungendo se…

Leggi di +

Sasanello gravinese PAT

I sasanelli sono dolci caserecci dal colore molto scuro che tutte le famiglie di medio e basso ceto preparavano in occasione delle feste o per i matrimoni. Sono dolci tipici della Murgia e specificatamente della zona di Gravina. A base di farina, zucchero, vincotto, buccia di limone ed arancia grattugiata, cannella, chiodi di garofano e…

Leggi di +

Sedano di Torrepaduli PAT

Il sedano ha la sua denominazione identificava l’area di maggior coltivazione; infatti, la frazione Torrepaduli ricade nell’area dei “Paduli”, una contrada molto estesa che, oltre al comune di Ruffano, interessa anche Supersano, Nociglia, Miggiano e Montesano. Tale contrada era caratterizzata da acquitrini temporanei o perenni, da invasi naturali e artificiali, dove l’acqua non mancava mai,…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.