Pannelli ecologici per arredamento

Pannelli ecologici per cucine

A basso impatto ambientale e caratterizzato da solidità, compattezza e indeformabilità, può essere utilizzato per costruire mobili, ma anche rivestimenti, allestimenti ignifughi, pareti. La scelta di prodotti realizzati con questo tipo di materia prima contribuisce a evitare l’abbattimento di migliaia di alberi al giorno; attraverso processi a basso consumo di energia, è fabbricato infatti al 100% con legno riciclabile proveniente da pellets, trucioli, mobili vecchi, rami e legno da potatura degli alberi, imballaggi in legno, cassette da frutta e residui di lavorazione.

Legno ecologico

Il pannello ecologico italiano LEB (Lowest Emission Board) è infine il tipo di truciolare ecologico con la più bassa emissione di formaldeide, sostanza classificata come “sospetta”. Per legge, i pannelli a base di legno devono rientrare almeno nella classe E1 per i livelli di formaldeide.

Truciolare legnoso riciclato per i pannelli della cucina

I pannelli in truciolare legnoso riciclato sono realizzati con legno di scarto proveniente da rifiuti del legno quali cassette per la frutta, pallet, mobili vecchi, rami da potatura di alberi. Prima di essere utilizzato per costituire il cuore dei pannelli per le cucine viene sottoposto a controlli chimico-fisici per verificarne l’eliminazione delle impurità, poi sminuzzato, essiccato, additivato con delle resine e infine pressato e formato nei pannelli.

Non utilizzando legno nuovo, ma di riciclo, questi pannelli possono definirsi più ecologici di altri che invece utilizzano materiali nuovi.

Pannelli a bassa emissione di formaldeide

La formaldeide è un composto chimico formato da ossigeno, carbonio e due molecole di idrogeno. Si trova normalmente in natura e viene utilizzato per adesivi e resine che tengono insieme il truciolato utilizzato per i pannelli delle cucine.

Quando la formaldeide è presente in concentrazioni elevate, può risultare dannoso per l’uomo. Per questo motivo il legislatore ha regolato le emissioni di formaldeide massime consentite in Italia e stabilito che possono essere utilizzati soltanto pannelli che emettono formaldeide in quantità inferiori a quelle stabilite dalla classe E1 (cioè minori di 0,124 mg/mc di aria). Alcuni produttori certificano i propri pannelli “classe F 4 stars” o “F 4 stelle”, riferendosi ad una severa certificazione giapponese che limita ulteriormente il contenuto di formaldeide nei pannelli della cucina.

Idroleb è un pannello ecologico realizzato al 100% con truciolato riciclato certificato FSC con valori di emissione di formaldeide ancora più bassi di quelli F****, di 0,04 ppm (parti per milione). Valori estremamente più bassi dei 0,1 ppm della classe E1.

Legno certificato per i pannelli

Che si utilizzi legno massello o legno truciolare, è importante assicurarsi che sia marchiato FSC (Forest Stewardship Council) e/o PEFC (Programme for the Endorsement of Forest Certification schemes). Le certificazioni sono importanti perché attestano che il legno di cui sono composti i pannelli della cucina è stato estratto da foreste gestite correttamente e tengono traccia dell’intera filiera (dalla foresta al prodotto finale).

Finiture

Nelle vernici all’acqua l’emissione di solventi è ridotta anche del 90%. Per essere veramente “eco” il prodotto deve garantire un’emissione bassissima di Voc, i composti organici volatili, che possono essere causa di una serie di disturbi, dall’irritazione agli occhi a problemi più seri. Per ogni tipo di superficie, dal legno fino al ferro, è possibile trovare appositi smalti e vernici certificati.

Il marchio europeo Ecolabel certifica la qualità ecologica dei componenti e il rispetto dell’ambiente in tutto il suo ciclo vitale. La verniciatura all’acqua è in pratica una finitura a basso impatto ambientale, a parità di caratteristiche funzionali, prestazionali ed estetiche, e rappresenta un’importante tutela della salute. In alcune cucine particolarmente “ecologiche” sono stati eliminati i pigmenti contenenti metalli pesanti dalle vernici per la laccatura, (pigmenti che potevano renderle potenzialmente tossiche anche per i lavoratori). Poi sono stati ridotti drasticamente i diluenti aromatici utilizzati nel processo e infine anche le emissione in atmosfera delle sostanze organiche volatili, che le vernici possono rilasciare anche per molto tempo dopo l’essiccazione.

ecomalta finiture sostenibili cucina

Ecomalta o bioargilla

L‘ecomalta è un materiale ancora nuovo nell’ambito delle finiture, esente da resine epossidiche, calce e cemento, è costituita per il 40% da inerti provenienti da riciclo certificato, per questo è considerato ecocompatibile. Questo materiale, resistente e flessibile, è utilizzato per creare superfici continue prive di giunzioni, come pavimenti e rivestimenti decorativi (interni ed esterni), soprattutto nell’ambito della cucina e dell’arredo bagno.

Le superfici in biomalta sono traspiranti e antistatiche, limitando così l’accumulo di polvere e la manutenzione, risultando più igieniche.

Pannelli in laminato riciclato

Una svolta green per il laminato è quella che prevede l’utilizzo di plastica PET riciclata. Una cucina con pannelli in laminato prodotto a partire da plastica PET riciclata, la propone Ikea, con la sua Bodarp, una cucina verde fuori e dentro.

Ante antibatteriche

La cucina è un ambiente ideale per la proliferazione della fauna batterica, eppure è proprio in cucina che è particolarmente importante tenere sotto controllo la proliferazione di batteri. Esistono dei trattamenti che, effettuati sulle superfici delle ante della cucina, riducono drasticamente il proliferarsi dei batteri. La maggior parte dei trattamenti antibatterici prevedono l’applicazione di uno strato a base di ioni di argento o l’aggiunta degli stessi durante il processo di impregnazione. I brevetti sono diversi: BBS (Bacteria Blocker Silverguard), Bioshield Scilm, Ecopur e altri.

Sede ASI Reisen: ispirata da una simbiosi tra natura e umanità

Affinché gli esseri umani possano continuare a vivere e prosperare su questo pianeta, gli edifici in cui abitiamo e trascorriamo la maggior parte della nostra vita devono essere costruiti tenendo in considerazione la conservazione naturale e l’efficienza energetica quanto il comfort. “Con la sua costruzione in legno a risparmio di risorse e il sofisticato concetto…

Leggi di +

Il percorso verso un futuro più verde inizia nelle nostre città

Le emissioni derivanti dalla gestione degli edifici hanno raggiunto il livello più alto mai raggiunto nel 2019, allontanando ulteriormente il settore dal realizzare il suo enorme potenziale di rallentare il cambiamento climatico e contribuire in modo significativo agli obiettivi dell’accordo di Parigi, secondo un nuovo rapporto pubblicato oggi.

Leggi di +

House 24

È stata anche un’opportunità per esplorare ciò che l’artigianato del legno potrebbe significare nell’architettura contemporanea e abbiamo immaginato che lo schermo fosse un elemento ben realizzato con estetica e dettagli moderni. Alla fine si è manifestata come una facciata raffinata e ritmata, attirando l’attenzione sulla sua scala delicata anche in una struttura alta oltre 8…

Leggi di +

Il progetto dell’architetto portoferraiese Massimiliano Pardi a servizio della spiaggia considerata fra le più belle d’Italia

PORTOFERRAIO — Un progetto che ha fatto parlare di sè dalle pagine di alcune riviste specializzate di settore. E’ Il nuovo ristorante – bar Reef Sansone , collocato sul promontorio che si affaccia sulla spiaggia, all’interno della Costa Bianca di Portoferraio nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, a servizio della spiaggia di Sansone, tra le dodici spiagge più belle…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *