Nuove forme di produzione di energia

Passaggio da forme di produzioni tradizionali a fonti di energia eolica e solare stoccate in batteria ed utilizzate per la produzione di idrogeno!

In California stanno conducendo un passaggio aggressivo dalle fonti di energia tradizionali a carbon fossile a quelle di energia eolica e solare.

Energia che si prevede di essere stoccata in batterie al fine di non disperderla nei momenti in cui non vi è domanda da supplire

Un nuovo impianto di stoccaggio di energia sarà completato nel 2021 e sarà la più grande installazione di accumulo di batterie al mondo a 409 MW / 900 MWh. (La batteria PG & E / Tesla a Moss Landing in California avrà 182,5 MW e 730 MWh di memoria, ma potrebbe essere aumentata a 1,1 GWh in futuro.}

.

Da piccoli esperimenti con nuove tecnologie per verificare la convenienza, allo sviluppo di repliche in grande il passo è breve.

Questo è quello che è stato fatto con i pannelli solari.

Ora si prevede di installarne 30 milioni entro il 2030.

I primi test di conservazione della batteria sono stati completati con successo, il che ha portato alla decisione di costruire la struttura della batteria.

Ora l’azienda ha un occhio su un’altra tecnologia che potrebbe aiutarla a eliminare tutte le emissioni associate all’elettricità che fornisce ai suoi clienti: l’idrogeno prodotto dall’elettrolisi usando energia rinnovabile che altrimenti verrebbe “tagliata” o ridotta.

“Sulla base della nostra continua analisi del potenziale a lungo termine delle energie rinnovabili a basso costo, restiamo fiduciosi come sempre che il deposito di energia eolica, solare e delle batterie sarà estremamente dannoso per la flotta di generazione esistente nel paese, riducendo al contempo i costi per i clienti e aiutando a ottenere future riduzioni delle emissioni di CO2.

Tuttavia, per raggiungere un futuro senza emissioni, riteniamo che saranno necessarie altre tecnologie e siamo particolarmente entusiasti del potenziale a lungo termine dell’idrogeno.

SI prevede di testare il modello di elettricità da idrogeno a elettricità nel suo nel 2012

Quella centrale elettrica alimentata a gas naturale è stata costruita nel 2019 ed è già una delle strutture di energia termica a combustione più pulite al mondo.

Ma se il gas naturale che brucia potesse essere sostituito con idrogeno a zero emissioni, ciò costituirebbe un grande passo avanti nel piano della società di liberare il 100% delle emissioni entro il 2050.

Coerentemente con l’approccio” punta all’acqua “, si è utilizzato lo stoccaggio di energia solare e batterie, pianificando di proporre un progetto pilota sull’idrogeno.

Si utilizzerà l’energia solare che altrimenti sarebbe stata tagliata per produrre idrogeno verde al 100% attraverso un sistema di elettrolisi di circa 20 megawatt. L’idrogeno verrà utilizzato per sostituire una parte del gas naturale che viene consumato da una delle tre turbine a gas del centro di energia pulita già in uso in uno stato americano.

Riteniamo che il progetto sia un complemento delle nostre continue attività di sviluppo di energia solare e batterie e evidenzi il costante approccio innovativo per migliorare ulteriormente la diversità delle soluzioni di energia pulita disponibili.

SI prevede di “continuare a valutare altre potenziali opportunità di idrogeno in tutte le attività.

Gli investimenti a breve termine sono primi passi, ed entusiasma il potenziale a lungo termine della tecnologia, che dovrebbe supportare ulteriormente la domanda futura di energie rinnovabili a basso costo, nonché accelerare la decarbonizzazione del carburante per i trasporti e materie prime industriali.

La disastrosa esperienza di Toyota e Honda nel tentativo di portare sul mercato auto a celle a combustibile a idrogeno in un momento in cui era intuitivamente ovvio per l’osservatore più informale che le auto elettriche erano il modo preferito per ridurre le emissioni di automobili di proprietà privata,

le parole di Elon Musk, che è sempre stato abbastanza sprezzante nei confronti delle celle a combustibile a idrogeno in generale, riferendosi ad esse spesso come “celle folli” e

l’aver considerato le tecnologie a idrogeno fallimentari perché gran parte dell’idrogeno disponibile oggi è ricavato dal reforming del gas naturale, che a sua volta si ottiene sfruttando la Terra per rilasciare il materiale attraverso il fracking, che inquina pesantemente le acque sotterranee sotto operazioni di fracking

ci avevano fatto dubitare della bontà di questa tecnologia.

Ma forse dobbiamo rovedere il nostro pensiero sull’intera questione dell’idrogeno.

L’idrogeno potrebbe trasformare molte industrie, come la produzione dell’acciaio, per ridurre le loro emissioni o consentire alle navi portacontainer di operare con emissioni basse o assenti.

La Volkswagen ha appena iniziato a consegnare auto ai mercati esteri delle navi alimentate a gas naturale compresso.

Questo è un grande miglioramento rispetto alle navi convenzionali che funzionano con olio per bunker, ma immaginate se quel CNG potrebbe essere sostituito in futuro con idrogeno compresso?

Le possibilità di ridurre le emissioni di carbonio del mondo usando l’idrogeno sono enormi.

E se quell’idrogeno proviene dall’utilizzo di energia rinnovabile che altrimenti verrebbe sprecata, questo renderebbe l’idea molto più attraente.

L’apertura a prendere in considerazione nuove strade verso un mondo a emissioni zero avrà un impatto su tutto il reparto della produzione di energia e a cascata su tutta l’economia e l’ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *