Museo della Statua della Libertà – NY

Migliorare l’esperienza dei visitatori a Liberty Island.

FXCollaborative ha fissato due obiettivi per la progettazione del Museo della Statua della Libertà:

  1. Creare un edificio che eleva l’esperienza dell’isola per tutti i visitatori
  2. Estendere e ampliare lo spazio aperto dell’isola, che è un patrimonio mondiale dell’UNESCO Sito e sede di un amato monumento internazionale.

Il Museo della Statua della Libertà è un padiglione da giardino progettato per accogliere tutti i visitatori di tutte le età, nazionalità ed etnie. Si trova all’estremità nord del centro commerciale pedonale di Liberty Island, di fronte alla Statua della Libertà, leggermente ruotato e lontano da essa. Il museo termina l’asse principale che collega il Museo alla Statua e si estende su questo asse tramite un’ampia scalinata in granito che conduce al suo tetto. L’esperienza del visitatore culmina in una spettacolare terrazza sul tetto in granito che offre una ampia vista su Lady Liberty, lo skyline di Manhattan ed il porto di New York.

Il design evita la formalità a favore di un design asimmetrico che abbraccia il suo sensazionale ambiente e cambia forma mentre i visitatori si muovono dentro, sopra e intorno ad esso, proprio come l’idea di libertà è un concetto diverso e pluralistico. La pianta angolare del progetto e la ricca varietà di spazi consentono ai visitatori di godere di un’ampia vista dell’isola e del porto di New York. La sua espressione dinamica è stata ispirata dall’irregolarità del bordo dell’acqua, così come dalla geometria del Flagpole Plaza circolare. La forma risultante crea un contrappunto visivo a Fort Wood alla base della statua, che si ferma all’estremità del centro commerciale. Sia il Forte che il Museo hanno angoli acuti; mentre il Forte si rivolge all’interno, il museo si irradia verso l’esterno, celebrando la libertà.

Fusione dell’edificio con il paesaggio.

Il design fonde edificio e paesaggio. L’edificio risponde al layout dell’isola, che si basa sulla tradizione francese del giardino formale, e stabilisce un paesaggio naturalizzato che viene “sollevato” sopra il centro commerciale. I suoi gradini, terrazze ed il tetto estendono il parco e la spianata perimetrale al di sopra del piano terra per trasportare i visitatori sul sito, creando un nuovo ambiente di riposo e per il picnic per i visitatori.

Statue of LIberty Museum, Location: New York NY, Architect: FX Collaborative Architects
  • Ingegnere Strutturista: DeSimone Consulting Engineers
  • Progettazione illuminotecnica: George Sexton Associates
  • Acustica: Longman Lindsey
  • Architetto paesaggista: Quennell Rothschild & Partners
  • Ingegnere MEP: Kohler Ronan Consulting Engineers
  • Ingegneria civile: Ingegneria Langan
  • Direttore dei lavori: Phelps Construction Group
  • Gestione del progetto: SBI Consultants Inc.
Statue of LIberty Museum, Location: New York NY, Architect: FX Collaborative Architects

I tetti piantati incorporano la vegetazione autoctona che super-isola l’edificio catturando e filtrando l’acqua piovana. Intorno all’edificio, i terreni sono piantati con erbe di prato autoctone che creano un habitat naturale per la fauna selvatica e gli uccelli migratori. L’elevazione dell’edificio sopra la pianura alluvionale di 500 anni previene i danni da eventi meteorologici estremi, come l’uragano Sandy, che ha interrotto l’energia elettrica sull’isola nel 2012. Il museo emerge come una nuova geologia profondamente integrata con la natura.

La sostenibilità dell’arredamento green

Assumere una serie di piccoli accorgimenti per essere più gentili con la Terra e per il nostro benessere. In un’ottica di una vita green, anche i complementi d’arredo possono rispecchiare il nostro vivere sostenibile.La scelta di materiali naturali e salubri, come il legno, pietra, bambù, rattan e delle lavorazioni artigianali renderanno il nostro ambiente più sano…

Leggi di +

Reggia di Caserta del XVIII secolo con il Parco, l’Acquedotto del Vanvitelli e il Complesso di San Leucio

Il complesso monumentale di Caserta, creato dal re borbonico Carlo III a metà del XVIII secolo per rivaleggiare con Versailles e il Palazzo Reale di Madrid, è eccezionale anche per il modo in cui unisce un magnifico palazzo con il suo parco e giardini. come bosco naturale, capanne di caccia e una fabbrica di seta….

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *