Mandorlato al cioccolato di Modigliana PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’Emilia Romagna

Dolce a base di mandorle, zucchero, scorze candite di arancia e cedro, farina tipo 0, cioccolato fondente 60%, cacao amaro in polvere, spezie. Si miscelano tutti gli ingredienti tranne le mandorle, che verranno aggiunte alla fine, Si pone quindi l’impasto ben lavorato su un apposito stampo a forma di cerchio, si pressa bene si mette in teglia e si inforna a circa 220/240°C per circa 10/15 minuti. Una volta raffreddato si confeziona sottovuoto.

 Tradizionalità

Il primo ad essere citato come vero e proprio produttore, in alcuni documenti di fine Ottocento, è il pasticcere Giuseppe Assirelli, cittadino di Dovadola (località poco distante da Modigliana), che iniziò la sua produzione nell’800. Nel secolo successivo per il Mandorlato di Modigliana arrivano i primi riconoscimenti – compresa una Medaglia d’oro con Diploma d’onore all’Esposizione Internazionale di Parigi del 1909. Nel 1906 ricevette il Gran Diploma d’onore. La ricetta venne tramandata da Assirelli al suo garzone Goffredo Cicognani nel 1938 il quale la passò al figlio Valdemaro nel 1985.

Referenze bibliografiche

  • Copia dello stampo originale datato 1906.

Territorio di produzione

Comune di Modigliana, provincia di Forlì-Cesena.

Farina dolce di Granaglione, farina d’ castaggne PAT Emilia Romagna

Il castagno, fornitore di un alimento di primaria importanza, diventa “albero del pane” destinato a sfamare intere popolazioni dell’Appennino e non solo. Anche nell’Alta Valle del Reno si diffonde la coltivazione della “Castanea Sativa”. La storia degli insediamenti dei castagneti in questi territori non è certa, si può desumere sia stato introdotto da centinaia d’anni…

Continua a leggere

Garganelli, maccheroni al pettine PAT Emilia Romagna

Pasta a base di farina, uova, parmigiano, noce moscata e l’apposito arnese, detto “pettine”, costituito da una serie di fili paralleli, tenuti tesi da un piccolo telaio, e da una bacchettina a parte. Si tratta di una sfoglia all’uovo come le altre, che va tagliata a quadretti grandi aventi un lato di circa quattro centimetri…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *