Legno carbonizzato: una tecnica tradizionale giapponese che ha conquistato il mondo

Articolo di @Archdaily.com

Carbonized Wood: A Traditional Japanese Technique That Has Conquered the World - Image 1 of 15
Weekend House in Kirishima / EAL. Image © Shigeo Ogawa

Scritto da Valeria Montjoy | Traduzione a cura di José Tomás Franco Pubblicato il 20 agosto 2023

Ancestrale, vernacolare, minimalista e armonioso. Per molti, queste parole sono arrivate a definire l’architettura del Giappone, un paese che da tempo funge da fonte di ispirazione culturale e tecnologica per innumerevoli società in tutto il mondo. Le popolari tecniche giapponesi hanno raggiunto anche gli angoli più remoti del globo, guadagnando terreno in vari campi che vanno dall’artigianato tecnico all’innovazione digitale. Nel campo dell’architettura, l’appropriazione e la reinvenzione di vari materiali e sistemi di costruzione, come l’uso del legno carbonizzato nelle facciate, è stato un tema costante.

Ora che ha più di trecento anni, questa popolare tecnica è conosciuta in Giappone come Shou Sugi Ban (noto anche come Yakisugi). È stato utilizzato per la prima volta sull’isola di Naoshima per trattare il legno utilizzato nella costruzione dei tradizionali villaggi di pescatori, con l’obiettivo di proteggere il materiale dagli effetti dannosi causati dal mare. Il processo originariamente prevedeva la combustione dello strato esterno del legno con il fuoco, ma ora si è evoluto fino alla carbonizzazione delle tavole con un cannello: così facendo, le fibre esterne del materiale sono costrette a reagire, rendendo il legno immune alle termiti, ai funghi e ad altri agenti naturali per decenni. Potrebbe sembrare strano a prima vista: bruciare il legno per aumentarne la durabilità. Ciò nonostante, si è dimostrato assolutamente vero, tanto che il metodo secolare è diventato una risorsa ambita nel settore dell’architettura.

Carbonized Wood: A Traditional Japanese Technique That Has Conquered the World - Image 6 of 15

Di seguito, approfondiamo il processo di carbonizzazione del legno, la sua crescente popolarità nel settore e la sua ampia applicazione in varie regioni del mondo.

Come funziona il processo di carbonizzazione e quali sono i suoi vantaggi?

La procedura consiste essenzialmente in quattro fasi, a partire dalla combustione vera e propria del legno, che può essere eseguita prima dell’installazione o applicata direttamente sulla facciata installata. Una speciale graniglia viene poi utilizzata per spazzolare il legno, rimuovendo lo strato superiore di carbonio e donando al materiale la sua nuova tonalità. Una volta che il legno è già di colore nero, riceve uno speciale strato impermeabilizzante con olio di cedro per garantire una maggiore resistenza, e infine riceve uno strato di sigillante per evitare macchie causate dalle facciate carbonizzate.

Carbonized Wood: A Traditional Japanese Technique That Has Conquered the World - Image 3 of 15

Il legno è costituito principalmente da lignina strutturale e carboidrati emicellulosici. Quando la superficie viene carbonizzata, lo strato di cellulosa brucia e il risultato è un rivestimento in legno resistente a molti insetti, agli agenti atmosferici e allo sbiadimento, indipendentemente dal tipo di clima. È anche altamente resistente all’acqua; poiché i pori iniziano a restringersi e a chiudersi mentre vengono carbonizzati, è molto più difficile per il legno assorbire e assorbire acqua. E per lo stesso motivo il legno carbonizzato è anche ignifugo. Per ironia della sorte, bruciando il legno, il suo strato esterno più morbido viene sostituito da un nuovo strato di carbonio, stabile e duraturo che gli impedisce di bruciare rapidamente.

La tecnica di bruciare la superficie del legno migliora le prestazioni in condizioni meteorologiche avverse, previene la decomposizione, la putrefazione e l’infestazione di insetti e rende il legno più resistente al fuoco – Satoshi Kimura

Carbonized Wood: A Traditional Japanese Technique That Has Conquered the World - Image 9 of 15

Tutte queste condizioni rendono il legno trattato con Yakisugi estremamente resistente in vari contesti e climi. Come spiega Satoshi Kimura, direttore operativo della società giapponese Yakisugi, la tecnica può durare da 80 a 90 anni se mantenuta correttamente. In effetti, “si possono ancora vedere alcune vecchie case giapponesi con più di 120 anni”, dice, mentre è noto che i tradizionali rivestimenti in legno durano in media dai 20 ai 50 anni. Oltre alla sua eccezionale durabilità, la popolarità del legno carbonizzato è determinata anche dalla sua sorprendente bellezza organica. Una fusione tra il moderno e l’elementare, elegante e con una trama simile a un rettile, il materiale aggiunge potenti qualità estetiche a qualsiasi progetto.

L’arte di Yakisugi e la sua crescente popolarità nell’architettura contemporanea

Ci si potrebbe chiedere: perché una tecnica così antica sta diventando popolare solo di recente nel mondo occidentale? Precedentemente utilizzato negli edifici vernacolari, l’architetto giapponese Terunobu Fujimori è accreditato per essersi appropriato del processo di carbonizzazione del legno e per averlo innovato. Il suo lavoro diede notorietà alla tecnica, diffondendola oltre i confini del Giappone. Oggi specialisti come l’azienda cilena WoodArch portano avanti questo processo in progetti contemporanei, reimmaginando e conferendo all’artigianato giapponese un nuovo valore. “Siamo molto interessati, poiché molti architetti che conoscono il legno sono entusiasti dei vantaggi e del fatto che questo legno può durare 50 anni”, afferma Andrés de Solminihac, socio amministratore di WoodArch.

Carbonized Wood: A Traditional Japanese Technique That Has Conquered the World - Image 7 of 15

Con più specialisti formati nella tecnica, questo tipo di legno trattato è presente in una moltitudine di progetti moderni, tutti con usi diversi, in varie regioni geografiche e adattandosi a un’ampia gamma di condizioni climatiche. Continua a leggere per esplorare come alcuni di questi utilizzano il materiale come elemento chiave nel loro design.

Per approfondimenti uso materiale

Weekend House in Kirishima / EAL, Japan

Carbonized Wood: A Traditional Japanese Technique That Has Conquered the World - Image 10 of 15

Platform House / studioplusthree, Australia

Carbonized Wood: A Traditional Japanese Technique That Has Conquered the World - Image 11 of 15

RT Residence / Jacobsen Arquitetura, Brazil

Carbonized Wood: A Traditional Japanese Technique That Has Conquered the World - Image 12 of 15

Shangri-la Cabin / DRAA + Magdalena Besomi, Chile

Carbonized Wood: A Traditional Japanese Technique That Has Conquered the World - Image 4 of 15

ASI Reisen Headquarters / Snøhetta, Austria

Carbonized Wood: A Traditional Japanese Technique That Has Conquered the World - Image 13 of 15

Kuku-Ranna Summer House / Arhitektuuribüroo Eek & Mutso, Estonia

Carbonized Wood: A Traditional Japanese Technique That Has Conquered the World - Image 14 of 15

Burnt Wood Office / STEINMETZDEMEYER, Luxembourg

Carbonized Wood: A Traditional Japanese Technique That Has Conquered the World - Image 5 of 15

Forest Retreat / Uhlik architekti, Czech Republic

Carbonized Wood: A Traditional Japanese Technique That Has Conquered the World - Image 2 of 15

La Dacha Mountain Hut / DRAA, Chile

Carbonized Wood: A Traditional Japanese Technique That Has Conquered the World - Image 15 of 15

Villa Meijendel / VVKH architecten, The Netherlands

Carbonized Wood: A Traditional Japanese Technique That Has Conquered the World - Image 8 of 15
…..

Leggi articolo originale Archdaily.com

.

One Spadina Crescent

La ristrutturazione e l’ampliamento di One Spadina Crescent per la Facoltà di Architettura, Paesaggio e Design (DFALD) John H. Daniels dell’Università di Toronto incarna un approccio olistico al design sostenibile. Il progetto si è concentrato sul contesto della città e sui modelli di utilizzo dinamici nel tempo, invece di concentrarsi esclusivamente su quadri di accreditamento…

Leggi di +

3.1.5 Tecnologie sostenibili e innovative per monitorare e ottimizzare gli elementi biophilic

L’uso di tecnologie sostenibili e innovative per monitorare e ottimizzare gli elementi biophilic può trasformare gli spazi di lavoro, rendendoli più salubri, produttivi e piacevoli. Intelligenza artificiale e machine learning: Implementare algoritmi di machine learning per prevedere le esigenze di illuminazione, ventilazione e irrigazione basate su modelli storici e condizioni attuali, migliorando l’efficienza energetica e…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *