Focaccia con ciccioli PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’Emilia Romagna

chisola

Farina bianca, acqua, ciccioli freschi, strutto suino, lievito di birra e sale. Con dodici ore di anticipo si prepara il lievito di birra. I ciccioli di suino, tagliati a pezzetti, vengono soffritti in padella con strutto e lasciati in caldo. Si impastano gli ingredienti a cui si uniscono i ciccioli intiepiditi. Si lascia riposare l’impasto per circa un’ora, si modella a forma rettangolare con uno spessore di circa 1.5 cm. Quindi si informa per 35/40 minuti ad una temperatura del forno di 230/240°C.

Credit photo e ricetta by Buonissimo.it

Tradizionalità

Una antica leggenda fa risalire al 1155 un curioso aneddoto. Federico Barbarossa di passaggio in questa località (Borgonovo non era ancora stato fondato ma esisteva già grosso agglomerato di case) con le sue truppe stremate ed affamate, venne rifocillato dalla popolazione locale con quintali di “chisola”. L’esercito di Federico I proseguì il suo cammino senza creare danno alla gente.

Territorio di produzione

Provincia di Piacenza, in particolare nella Val Tidone.

Ciliegia di Castelbianco PAT Liguria

La ciliegia di Castelbianco è un tipico frutto locale che ha trovato nel territorio di questo comune dell’entroterra savonese, grazie alla bella esposizione a mezzogiorno, l’ambiente ideale per riprodursi. Si tratta di un frutto conosciuto fin dall’antichità sia per le sue qualità di gusto e sapore, sia per quelle terapeutiche, affermate fin dal XII secolo…

Continua a leggere

Pane rustico di Gavenola PAT

Il pane rustico di Gavenola è un prodotto da forno dalla forma ovale, dal colore miele dorato e con i caratteristici disegni determinati dai tagli impressi sulla massa prima della sua cottura.

Continua a leggere

Polenta bianca PAT Liguria

La polenta bianca, piatto antichissimo è così chiamata perché fatta con farina di grano e non di mais. È nota in zona come piatto dei poveri per la compresenza di elementi semplici ma sostanziosi, capaci di soddisfare anche l’appetito più vorace di chi lavora nei campi o in montagna, resa delicata nel sapore dal sugo…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *