Fiorone di Torrecanne PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Descrizione del prodotto

Fiorone di Torrecanne PAT

Descrizione

Il “fiorone di Torre Canne“, in dialetto Culumbr, è l’infiorescenza della pianta della varietà “Petrelli”, tipica della piana di Torre Canne, una frazione del comune di Fasano (Brindisi).

Caratteristiche

Si tratta di uno dei prodotti vegetali pugliesi di più “antica tradizione”, al quale sono dedicate la sagra di Pezze di Greco (che si tiene a metà Giugno), e una poesia di Andrea Conversano titolata “Allì culumbrair” (i culumbrair sono i coltivatori del fiorone).

Il fiorone di Torre Canne ha:

  • una forma piriforme;
  • una dimensione medio-grande;
  • la sua buccia è verde brillante;
  • tende al violaceo quando il frutto è a completa maturazione;
  • la polpa è dolcissima, carnosa e presenta una tonalità che va dal rosa pallido al rosso intenso.

Raccolta

Quando il fiorone di Torre Canne è al culmine della maturazione, la sua buccia presenta delle screpolature longitudinali, dalle quali si intravede la membrana interna che racchiude gli acheni. Il periodo di raccolta del fiorone di Torre Canne va da fine Maggio a fine Giugno ed avviene nelle prime ore della mattina, perché il caldo rende la buccia troppo fragile e facilmente lacerabile. Dopo la raccolta, i fioroni sono sottoposti a refrigerazione per un periodo che va da 7 a 12 giorni, quindi vengono posizionati in cassette di legno e suddivisi l’uno dall’ altro con le foglie trilobate della loro pianta.

Degustazione

Il fiorone di Torre Canne non è sottoposto ad alcun trattamento e viene venduto fresco. Questo prodotto è così buono che può essere consumato da solo ma, per esaltarne al meglio il sapore, si consiglia di abbinarlo al prosciutto crudo (come quello che viene prodotto a Faeto, in provincia di Foggia).

Carciofo di San Ferdinando PAT

In particolare, è un carciofo del tipo senza spine ed è riconoscibile per la sua forma più ovale e meno rotonda, il colore è di un verde con sfumature viola e le sue foglie sono abbastanza coriacee e dure. Gli ortaggi hanno un profumo e un gusto intenso e vengono piantati nel mese di Luglio,…

Continua a leggere

Cicoria riccia PAT

In Puglia, terra fertile per moltissime piante, ortaggi e frutti, accanto alla “cicoria tradizionale” si coltiva massicciamente la variante della cicoria riccia, detta in dialetto salentino “cecora rizza”.

Continua a leggere

Cavatelli PAT

I cavatelli sono un particolare tipo di pasta fresca tipica pugliese e diffusa in tutto il territorio regionale, ma presente anche in altre zone del Sud Italia.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *