Distillato di Pere PAT

– Prodotto Agroalimentare Tradizionale del Friuli Venezia Giulia

TERRITORIO: Comune di Arta Terme (UD)

Metodo di lavorazione, conservazione e stagionatura

Un tempo si raccoglievano le pere sovra mature a Ottobre inoltrato, si trituravano e si torchiavano immediatamente per ottenere del sidro. Dai pani di torchiatura rotti e inumiditi con acqua fatti fermentare per 30-60 giorni e dai fondi dei travasi del sidro, con la distillazione, si otteneva una grappa di pere dal sapore “tipico” dal gusto rude ed aggressivo.

Negli ultimi 50 anni il sidro di pere si fa raramente e si usa distillare tutta la massa fermentata derivante dalla macinazione delle pere. In questo modo si ottiene un prodotto con una tipicità molto meno aggressiva, dal gusto più equlibrato, morbido e armonico.materiali, attrezzature usate per la preparazione e condizionamento

  • – Attrezzature per la macinazione della frutta,
  • – Cisterne per lo stoccaggio del prodotto in fermentazione,
  • – Impianto di distillazione in rame,
  • – Magazzini fiduciari-imbottigliamento,
  • – Monoblocco di imbottigliamento, bottiglie in vetro.

Locali di lavorazione, conservazione e stagionatura

Sala di macinazione e di conservazione del macinato in fermentazione, sala di distillazione, magazzino fiduciario e opificio.prove che il prodotto esiste da almeno 25 anni

Il distillato di pere rientra nella gamma di distillati che in passato venivano prodotti in abbondanza nel Comune di Arta Terme ed in particolare nella frazione di Cabia, dove nel 1901 erano presenti 12 distillatori ufficiali con regolare licenza statale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *