Energia sostenibile e innovativa: l’impianto fotovoltaico virtuale

Da ormai diversi anni a questa parte le energie rinnovabili stanno prendendo un ruolo sempre maggiore nel mercato energetico, e per un’importante serie di motivi legati non solo all’ambiente, ma anche alle prestazioni in rapporto al risparmio.Gli impianti sostenibili sono infatti in grado di garantire dei servizi molto efficienti e, alla lunga, dei costi contenuti; se a tutto questo si aggiunge il basso impatto ambientale il ventaglio di vantaggi presentati appare piuttosto ampio.

Credit photo Pixabay

L’energia fotovoltaica, in particolar modo, si presenta come una delle più interessanti in assoluto, in quanto produce energia pulita e garantisce prestazioni altissime, il tutto senza impattare sull’ambiente, visto che sfrutta il sole come fonte.

Questa tecnologia è particolarmente affine anche all’innovazione, dal momento chel’evoluzione dei sistemi fotovoltaici ha portato alla nascita di strutture smart di ultima generazione, come l’impianto fotovoltaico virtuale.

Impianto fotovoltaico virtuale: di cosa si tratta e come funziona

Questo nuovo figlio dell’innovazione legata alla tecnologia fotovoltaica rappresenta il perfetto compromesso per chi vuole autoprodurre energia ma allo stesso tempo non può installare dei pannelli per ragioni di natura architettonica o motivi di spazio. Sostanzialmente si tratta di “noleggiare dei pannelli fotovoltaici installati in un’altra zona per sfruttarne i vantaggi.

Questo servizio è messo a disposizione non solo dai fornitori, ma anche da reti di aziende e privati che scelgono di mettere a disposizione l’energia in eccesso che producono, riducendo al minimo gli sprechi. Questa soluzione permette potenzialmente a chiunque di usufruire dell’energia fotovoltaica, e rappresenta un grande passo avanti verso il futuro.

Quali caratteristiche presenta?

La prima cosa che si nota quando si parla di fotovoltaico virtuale è il fatto che questo offre questo tipo di energia anche a chi non può installare dei moduli sulla propria abitazione, di conseguenza risulta una scelta versatilissima e alla portata di tutti. Questo metodo inoltre, oltre che presentare tutti i benefici relativi allo sfruttamento dell’energia solare,consente di espandere l’uso di energia rinnovabile, andando quindi a garantire un impatto minore sull’ambiente in larga scala.

È doveroso, tuttavia, quando si prende questa decisione, tenere a mente il fattore che riguarda il dispendio economico. Investire su questo tipo di servizio porta a dei costi relativamente più alti, dati le ovvie spese derivate dal noleggio dei pannelli e ovviamente dalla produzione. In più si tratta di una soluzione che porta ad alcune emissioni, visto che richiede una rete di distribuzione affinché l’energia possa essere sfruttata dai clienti che la richiedono. D’altra parte se non si ha possibilità di installare i moduli privatamente rappresenta un’ottima alternativa.

Una scelta comoda ed efficiente

Come detto in precedenza,questi tipi di impianti, al netto di costi iniziali non proprio bassi, sono in grado di portare nel tempo degli enormi benefici sia al portafoglio che all’ambiente, date le prestazioni altissime e la produzione di energia pulita derivante dalla fonte rinnovabile per eccellenza.

L’impianto fotovoltaico virtuale garantisce tutti questi benefici senza il bisogno di installare dei pannelli sulla propria abitazione, e di conseguenza risulta una soluzione comoda, efficiente e ad ogni modo di basso impatto ambientale. Sebbene i costi siano più alti rispetto a quelli portati dall’autoproduzione, questa nuova via del fotovoltaico resta comunque estremamente vantaggiosa in ogni aspetto, specialmente sul lungo periodo.

Contenuto sponsorizzato

Nuove forme di produzione di energia

Coerentemente con l’approccio” punta all’acqua “, si è utilizzato lo stoccaggio di energia solare e batterie, pianificando di proporre un progetto pilota sull’idrogeno. Si utilizzerà l’energia solare che altrimenti sarebbe stata tagliata per produrre idrogeno verde al 100% attraverso un sistema di elettrolisi di circa 20 megawatt. L’idrogeno verrà utilizzato per sostituire una parte del…

Continua a leggere

EOLICO: Il potenziale installabile

Nell’individuazione di siti potenziali si è tenuto conto, oltre che di alcuni vincoli di natura ambientale, territoriale, paesaggistica, di porre ulteriori misure di tutela sia progettuali che ambientali, che le aziende associate all’ANEV devono seguire nella realizzazione di un parco eolico.

Continua a leggere

GEOTERMIA – Linee guida
0.2 Inquadramento Normativo

Il D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 112 ha delegato alle Regioni le funzioni amministrative relative al conferimento di titoli minerari per risorse geotermiche nella terraferma, lasciando allo Stato il compito di rilasciare i titoli minerari in mare, le funzioni di inventario con i relativi aggiornamenti, l’acquisizione di dati e la promozione di nuove tecnologie.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *