Aglio di Molino dei Torti PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del PIEMONTE

L’aglio, nome italiano dell’Allium sativum della famiglia delle Liliaceae, si presenta come un bulbo prolifero con bulbilli (i cosiddetti “spicchi d’aglio”) avvolti dalle tuniche secche del bulbo che li ha formati. La pianta è alta fino a 70 cm ed ha foglie lineari. Il bulbo è composto di 8-10 spicchi di colore bianco, rosa o malva.

Territorio di produzione

La zona di produzione coincide col comune di Molino dei Torti e quelli limitrofi in provincia di Alessandria.

Metodo di preparazione

L’aglio è seminato a mano (come tradizione, di recente a volte si impiega una macchina semina-aglio) posando nei solchi aperti il bulbillo, scelto accuratamente tra i migliori della produzione. I bulbilli vengono immessi nel terreno ad una distanza di circa 10-15 cm uno dall’altro e poi ricoperti di terra con la zappa. Il terreno deve essere di medio impasto, ricco e ben lavorato.
Per la raccolta dobbiamo distinguere due periodi: a giugno per la varietà Borgognone, comunemente chiamato Ravagno e a luglio per la varietà Molino dei Torti. L’aglio, estratto dal terreno con una specie di “lamone” e successivamente raccolto a mano, viene messo a essiccare sul terreno per circa 7 giorni. Infine è trasportato sull’aia dell’azienda agricola dove continua l’essiccazione e la stagionatura.

Storia

Non si ha certezza sull’origine dell’ecotipo in quanto la selezione avviene da tempo. La presenza e la coltivazione dell’aglio a Mulino dei Torti risale a tempi remoti ed è stata documentata da studi storici locali. Il bulbillo utilizzato per la semina è prodotto dalle stesse aziende coltivatrici e deriva da una selezione massale dei bulbi coltivati.

Curiosità

Viene venduto sia verde che secco sia in mazzi che in trecce o sfuso in singoli bulbi. L’aglio di prima raccolta (il ‘Ravagno’) può essere consumato nelle insalate crudo e verde. L’aglio dopo la raccolta dai campi viene accuratamente pulito con un’apposita spazzola che lo rende bianco e privo di impurità; può così essere conservato fino ad ottobre/dicembre in locali asciutti, freschi ed areati.

Cavolo verza di Settimo Torinese PAT

Il cavolo verza è una pianta erbacea della famiglia delle crocifere.ll cavolo verza, detto comunemente verza, ha il fusto piuttosto corto, con foglie ben sviluppate che presentano callosità ed increspature. La parte commestibile è costituita dalle foglie, serrate attorno alla gemma centrale, che assumono una particolare conformazione a forma di “palla”.

Leggi di +

Ossa da mordere PAT

Le Ossa da mordere sono i più tipici “biscotti da credenza”, ovvero dolci che si possono conservare a lungo nella credenza di cucina, sempre pronti per un rapido e occasionale consumo. Questi biscotti sono presenti, con poche varianti, come preparazioni casalinghe, artigianali o di pasticceria quasi ovunque in Italia, e hanno praticamente ovunque lo stesso…

Leggi di +

Pera madernassa PAT

La Pera Madernassa è una varietà di pere da cottura autoctona del cuneese. Il frutto è di media grandezza, con fossa calicina poco profonda e peduncolo lungo e sottile. La buccia è sottile, liscia con fondo verde scuro che vira al giallo a maturità; talvolta è sfumata di rosso aranciato nella parte esposta al sole;…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *