Vini di Puglia
NEGROAMARO DI TERRA D’OTRANTO DOP

Alla Denominazione di Origine Protetta “Negroamaro di Terra d’Otranto” appartengono vini rossi e rosati, i primi prodotti anche nella versione Riserva, i secondi in quelle Spumante e Frizzante.

Uvaggio

I vini Negroamaro di Terra d’Otranto devono essere prodotti con uve provenienti da vigneti composti per almeno il 90% dal vitigno Negroamaro. Possono poi concorrere, fino a un massimo del 10%, anche altri vitigni a bacca nera, non aromatici, purché idonei alla coltivazione nella regione Puglia, per la zona Salento – Arco Jonico – Salentino.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Il vino Rosso (titolo alcolometrico volumico totale minimo 12,5% vol.) si presenta in una colorazione rubino, con diversi gradi di intensità, impreziosita da eventuali riflessi che invecchiando tendono al granato; l’odore è gradevole e intenso e si abbina ad un sapore pieno e armonico. Nella variante Riserva (13% vol.) si ritrovano le stesse caratteristiche organolettiche ma una gradazione alcolica leggermente più alta, pari a 13% vol. Il Rosato (12% vol.) e le sue varianti Spumante (11,5% vol.) e Frizzante (11,5% vol.) sono accomunate dalla colorazione rosata, più o meno intensa, e dall’odore delicato e fruttato. La versione base, però presenta un sapore pieno, armonico e vivace che invece si fa più fresco nello Spumante, che va da extrabrut a extradry. Il Frizzante, invece, al palato risulta armonico, da secco ad amabile.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione, che coincide con le province di Lecce, Brindisi e Taranto, è un’area caratterizzata da due elementi geografici dominanti: la penisola salentina e l’arco jonico.

Specificità e note storiche

Il Negroamaro è uno dei vitigni tradizionali per eccellenza della Puglia, tanto che già nel VI secolo rappresentava la coltivazione quasi esclusiva dell’area meridionale della regione.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE NEGROAMARO DI TERRA D’OTRANTO DOP

Vini di Puglia
SAN SEVERO DOP

I vini bianchi San Severo hanno una colorazione gialla paglierino piuttosto tenue, che può tendere al verdolino; il sapore è asciutto e armonico, impreziosito da un retrogusto leggermente amarognolo (dipendente soprattutto da Bombino bianco); l’odore è fruttato e delicato. Nei rosati, invece, si può notare un colore rosa tenue, con riflessi violacei, o cerasuolo, con diversa intensità; l’odore si conferma fruttato e delicato; il gusto è asciutto. I rossi sono color rubino, con riflessi violacei, e invecchiando tendono al granato; hanno un odore di frutta rossa (amarene e ciliegie), arricchito da sentori speziati; il sapore è asciutto, caldo, secco e giustamente tannico. Ulteriori specifiche sulle caratteristiche organolettiche proprie di ogni tipologia sono rintracciabili nel disciplinare.

Leggi di +

Vini di Puglia
ROSSO DI CERIGNOLA DOP

Il Rosso di Cerignola ha un colore che spazia dal rubino, con diversi livelli di intensità, al mattone (a seguito di invecchiamento). L’odore che rilascia è alcolico, vinoso e gradevole e al palato risulta asciutto, sapido, di buon corpo, armonico e giustamente tannico, impreziosito da un gradevole retrogusto amarognolo. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è pari a 12% vol.

Leggi di +

Vini di Puglia
CACC’E MMITTE DI LUCERA DOP

Il Cacc’e Mmitte di Lucera è un vino rosso estremamente equilibrato, che si manifesta con una tonalità rubino, più o meno carica, a seconda delle produzioni. L’odore è caratteristico e intenso, mentre il sapore, asciutto e pieno, si distingue per armonia e per la presenza di un peculiare retrogusto. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è di 11,5% vol.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *