Vini di Puglia
CASTEL DEL MONTE DOP

La Denominazione di Origine Protetta “Castel del Monte” comprende diversi vini: Bianco (anche frizzante e spumante); Rosso (anche novello); Rosato (anche frizzante e spumante), Bombino bianco (anche frizzante e spumante), Chardonnay (anche frizzante), Sauvignon (anche frizzante), Nero di Troia, Cabernet (anche riserva), Aglianico (anche riserva) e Aglianico rosato (anche frizzante).

Uvaggio

Per i vini bianchi, la produzione prevede l’utilizzo di uno fra Pampanuto, Chardonnay o Bombino bianco come vitigno prevalente. Per i rossi, il vitigno di riferimento è Nero di Troia, Aglianico o Montepulciano. Infine, per i rosati, la base dell’uvaggio è composta da Bombino Nero, Aglianico o Nero di Troia. Sia nel caso dei bianchi, che dei rossi e dei rosati, alla produzione possono concorrere, fino ad un massimo del 35%, anche altri vitigni a bacca di colore analogo, da soli o congiuntamente, purché coltivabili nella zona denominata “Murgia centrale”. Quando il vitigno è specificato nella denominazione, questo deve rappresentare almeno il 90% del totale delle uve e la concorrenza di altri vitigni non può superare il 10%.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

I bianchi (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5% vol.) sono paglierini, con odore gradevole e delicato e sapore da secco ad abboccato. Il Frizzante (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11% vol.) si arricchisce di profumo fruttato e spuma fine ed evanescente, che si fa persistente nello Spumante (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,5% vol.), il cui gusto è fresco, sapido, fine e armonico. Il Rosso (titolo alcolometrico volumico totale minimo 12% vol.) è rubino, sapore da secco ad abboccato, odore gradevole e caratteristico, più intenso nel Novello (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,5% vol.). I rosati (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11% vol.) hanno odore caratteristico e fruttato, più delicato nel Frizzante, e un sapore che va da secco ad abboccato. Il Rosato spumante (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,5% vol.), invece, ha un profumo complesso, fragrante, tipico della rifermentazione, unito ad un gusto fresco, sapido, fine e armonico. Infine, se specificato il vitigno, il vino si arricchisce delle sue peculiarità organolettiche.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione si torva all’interno del distretto della Murgia Centrale, in Puglia.

Specificità e note storiche

Il nome Castel del Monte deriva dall’omonimo castello, divenuto patrimonio UNESCO.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE CASTEL DEL MONTE DOP

Vini di Puglia
CASTEL DEL MONTE BOMBINO NERO DOP

Il colore del Castel del Monte Bombino Nero è un rosato dall’intensità variabile. L’odore è fruttato, caratteristico e delicato, mentre il sapore risulta asciutto e armonico. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è del 12,00% Vol.

Leggi di +

Vini di Puglia
COPERTINO DOP

Il Copertino rosso, anche nella variante Riserva, presenta un’interessante colorazione rubino, di varia intensità, che con l’invecchiamento si arricchisce di toni di arancione piuttosto lievi. All’olfatto si presenta vinoso e persistente, mentre il sapore è asciutto, vellutato, sapido, generoso e con un gradevole retrogusto amarognolo. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è di 12% vol.,…

Leggi di +

Vini di Puglia
TAVOLIERE DELLE PUGLIE o TAVOLIERE DOP

Le caratteristiche organolettiche dei vini Tavoliere, puntualmente descritte all’interno del disciplinare, tipologia per tipologia, sono notevolmente influenzate dall’uso delle uve Nero di Troia. Questo vitigno, infatti, regala vini di buona struttura, equilibrati e persistenti. La colorazione è generalmente rosso rubino, con profondi riflessi violacei. Il profumo è intenso, con un ottimo bilanciamento tra note fruttate…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.