Vini della Campania
TAURASI DOP

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE VINO TAURASI DOP

Taurasi DOP

La Denominazione di Origine Protetta “Taurasi” ricomprende due tipologie di vini: il Rosso e il Rosso riserva.

Uvaggio

L’uvaggio prevalente con cui vengono prodotti i rossi Taurasi è quello del vitigno Aglianico. Possono concorrere anche altri vitigni a bacca rossa, non aromatici, idonei alla coltivazione nella provincia di Avellino, purché non superino la quota del 15%.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Il Taurasi rosso è un vino dall’intensa colorazione rubino, che con l’invecchiamento tende al granato e acquista riflessi arancioni. Ha un odore caratteristico ed etereo, gradevole e con intensità variabile, mentre il sapore è pieno, asciutto, armonico ed equilibrato, arricchito da un retrogusto persistente. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è di 12% vol. Le medesime caratteristiche si riscontrano anche nel Taurasi rosso riserva, che però presenta una gradazione alcolica leggermente maggiore, pari a 12,50% vol.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione è circoscritta al territorio di 17 comuni, tutti appartenenti alla provincia di Avellino: un territorio caratterizzato dai profili morfologici e climatici tipici dell’entroterra, con forti escursioni termiche, bassa piovosità e un buon numero di giorni di sole durante l’anno.

Specificità e note storiche

L’antichissima e radicata tradizione vitivinicola di Taurasi ha un testimone illustre: Tito Livio, che nella sua “Ab Urbe Condita” parla dei vini che, da quella zona, venivano distribuiti in tutto l’impero. Questi vini sono identificati come nascenti da vite ellenica. L’Aglianico di Taurasi, infatti, è originario della Grecia e fu introdotto in Italia intorno al VII – VI secolo a.C.

Taurasi DOP

Il Taurasi rosso è un vino dall’intensa colorazione rubino, che con l’invecchiamento tende al granato e acquista riflessi arancioni. Ha un odore caratteristico ed etereo, gradevole e con intensità variabile, mentre il sapore è pieno, asciutto, armonico ed equilibrato, arricchito da un retrogusto persistente. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è di 12% vol. Le medesime caratteristiche si riscontrano anche nel Taurasi rosso riserva, che però presenta una gradazione alcolica leggermente maggiore, pari a 12,50% vol.

Vini della Campania
DUGENTA IGP

I vini a Indicazione Geografica Protetta “Dugenta” bianchi sono di color giallo paglierino, emanano un profumo fruttato e floreale con gusto secco o abboccato. La versione rosso si caratterizza per un color rubino più o meno intenso, accompagnato da odore floreale, fruttato e sapore secco o abboccato. Il rosso novello, invece, si differenzia per il…

Leggi di +

Vini della Campania
CAMPI FLEGREI DOP

Il bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5% vol.) è paglierino; odore vinoso e delicato; sapore fresco, secco e armonico. Il rosso (11,5%) è rubino e tende al granato invecchiando; odore vinoso e gradevole; sapore asciutto, tipico e armonico. I Falanghina (11%) sono giallo paglierino, con odore delicato e sapore secco, armonico e morbido. La…

Leggi di +

Vini della Campania
SANNIO DOP

L’ampia gamma di vini che rientrano nella denominazione fa si che le caratteristiche organolettiche espresse risultino altrettanto variegate. Le peculiarità di ciascuna produzione, puntualmente rintracciabili nel disciplinare, sono influenzate da differenti fattori: il vitigno prevalente, il metodo di vinificazione, la sottozona di produzione. In generale, però, tutti i vini Sannio risultano equilibrati e originali.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *