Tonnidi del Golfo Paradiso PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della LIGURIA

La tonnara di Camogli è, più precisamente, una tonnarella poiché non pesca solo tonni, oggi diventati molto rari, ma tutte le specie di pesci che incappano nella rete: palamiti e boniti innanzitutto e poi sardine, sgombri, sarpe, bisi, occhiate e a partire da giugno, leccie, o ricciole, anche di grosse dimensioni. Inferiore per dimensioni alle tonnare siciliane e sarde, ha solo due camere contro le sei o più delle altre e tre sole barche, contro più di dieci.

Zona di produzione: Camogli

Lavorazione: La tonnarella di Camogli adotta il metodo monta e leva: il sacco viene sollevato tre volte al giorno, di prima mattina, in pomeriggio e verso sera. Alla tonnara di Camogli si effettuano tre levate al giorno, all’alba, in tarda mattinata e nel tardo pomeriggio e da sempre il pesce viene issato sulla barca dai tonnarotti a forza di braccia dalla barca mobile, avvicinandosi lentamente alla barca fissa, sulla quale viene caricato il pescato e che poi torna a Camogli.

La tonnarella di Camogli viene calata a circa 400 metri da Punta Chiappa, in direzione Camogli, da aprile a settembre. La rete di sbarramento, detta pedale, è legata a riva ad uno scoglio ed è lunga 340 metri, la porta d’entrata del recinto che è antistante alla camera della morte è larga 25 metri, a destra si trova un altro recinto rettangolare lungo 80 metri e a sinistra, davanti al sacco c’è un’anticamera di 30 metri che conduce alla camera della morte che misura 100 metri.

La rete viene ormeggiata su un fondale che va dai 10 ai 45 metri, per mezzo di 26 ancorotti e di grosse pietre del peso di 20 Kg. ciascuna. Per mantenere le reti perimetrali perfettamente verticali vengono impiegati dei galleggianti di plastica posti a distanze regolari. Le maglie della rete, abbastanza larghe in alto, si fanno sempre più strette scendendo verso il basso. Il materiale usato per la rete è filetto di cocco (ajengo superiore), importato dall’India e che viene lavorato a mano durante l’inverno dai due capibarca e dal figlio di uno di loro; la rete finita pesa 1.200 Kg. Per la parte terminale della camera della morte viene impiegato il nylon, tinto di nero in un fornello apposito sul molo del porto di Camogli.

Sciroppo di poligala PAT

Della poligala si usa l’intera pianta, compresa la radice. Lo sciroppo di poligala può essere usato  contro la bronchite e come espettorante.

Leggi di +

Micotti PAT

Le patate, unite alla farina di mais, al lardo e a pochi altri ingredienti, danno origine ai micotti, semplice ma sostanziosa pietanza dalla singolare forma a panettoncino e dal colore dorato. La ricetta tradizionale vuole che queste crocchette antesignane siano cotte sotto il testo posto nell’essiccatoio delle castagne.

Leggi di +

Miele della Liguria PAT

Frutto dell’infaticabile lavoro dell’ape, il miele è uno degli alimenti più genuini che possa esistere in quanto non necessita di alcun trattamento né per la produzione né per la conservazione. I mieli tipici, prodotti dal nettare della flora del nostro entroterra, sono quelli di castagno, di acacia, di erica, di corbezzolo, di millefiori. La qualità…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.