Susina Ariddu di core PAT Sicilia

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Sicilia

Ariddi ri core, Ariddicore.

Piccoli frutti sferoidali dalla buccia gialla e l’interno giallo intenso. Le susine hanno un diametro di circa 3 cm e hanno un sapore molto zuccherino e succoso. Si prestano a diverse tecniche di conservazione che ne consentono il consumo ben oltre il periodo di maturazione che avviene tra la fine di luglio e i primi di agosto.

Descrizione delle metodiche di lavorazione e stagionatura

La coltivazione delle piante di susino avviene con le normali tecniche agricole usate nella frutticoltura. Particolare attenzione viene tuttavia riservata alle fasi di raccolta, che richiedono un elevato livello di specializzazione. La raccolta avviene manualmente cercando di mantenere intatto il picciolo e di rimuovere meno pruina (polvere bianca sulla superficie del frutto) possibile.

La varietà Ariddu di core si presta ad una tecnica di conservazione peculiare chiamata incartatura sviluppata alla fine dell’Ottocento con cui è possibile avere la possibilità di consumare le susine come se fossero fresche per diversi mesi oltre la raccolta attraverso l’uso della carta velina. Ad uno specifico punto di maturazione si raccolgono le susine cercando di mantenere intatto il picciolo. I frutti vengono portati in uno spazio interno dove in precedenza sono già state ricavate alcune strisce bianche di carta velina. Vengono scelti sei frutti e grazie all’uso dello spago vengono avvolti dalla carta in modo da formare un prodotto artigianale chiamato treccia associato al mito delle stagioni. Le trecce di susine vengono solitamente appese all’interno di locali asciutti e ventilati.

Tradizionalità

Le susine Ariddu di core sono citate in diversi testi storici e nel 1963 è stato pubblicato nella “Rivista di floricoltura italiana” il “Contributo a llo studio delle cultivar di susino della Provincia di Palermo” effettuato dall’Istituto di Coltivazioni Arboree dell’Università di Palermo in cui si analizza con metodo scientifico la varietà in esame . Nel territorio monrealese esistono diversi esemplari aventi più di venticinque anni.

La varietà è menzionata nel “REPERTORIO DELLE CULTIVAR/ACCESSIONI AUTOCTONE SICILIANE DELLE PRINCIPALI SPECIE ARBOREE DA FRUTTO” (Allegato A D.A. 11 del 18/01/2011) dell’assessorato delle risorse agricole e alimentari della Regione Siciliana nella sezione “SUSINO (Prunus Domestica L. e affini)” come SUS 16 – SUSINO – ARIDDU DI CORE. La tecnica dell’incartatura è stata sviluppata nel XIX secolo e tramandata di generazione in generazione fino ai nostri giorni.

Territorio di produzione

Altofonte e Monreale racchiusi nell’Area metropolitana di Palermo. Altofonte e Monreale appartenevano storicamente al re Normanno Guglielmo II e successivamente all’arcidiocesi di Monreale.

Cannoli – Cannolo alla ricotta, cannolo siciliano PAT

Cannolo Siciliano La ricotta adeguatamente lavorata viene inserita in una cialda di forma cilindrica: il cannolo che in origine veniva avvolto in un pezzetto di canna (Arundo Donax). La cialda, un impasto di farina, acqua, marsala, strutto, viene fritta nello strutto o nell’olio bollente e lasciata asciugare, per poi essere riempita con l’impasto di ricotta…

Continua a leggere

Fragolina di Sciacca e di Ribera PAT Sicilia

La fragolina di Sciacca Viene coltivata ai piedi dei limoni, aranci e peschi. La stagione di raccolta è relativamente breve, comincia a maturare nei primi di aprile fino alla fine di maggio. La fragolina è delicatissima, e deve essere consumata entro due giorni dalla raccolta

Continua a leggere

Liquore al mandarino PAT Sicilia

Liquore ottenuto dalla macerazione delle bucce di mandarino di varietà locale, private della parte bianca amara, con aggiunta di sciroppo di zucchero. Si presenta limpido, con una colorazione tipica giallo-arancio, ed intenso profumo, caratteristico del mandarino di Sicilia

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *