Vino di Sicilia
SAMBUCA DI SICILIA DOP

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE VINO SAMBUCA DI SICILIA DOP

Sambuca di Sicilia DOP – SICILIA

I vini della Denominazione di Origine Protetta “Sambuca di Sicilia” sono prodotti nelle tipologie: Bianco, Rosso, Rosso riserva, Rosato e Passito. Ne fanno parte, inoltre, numerose produzioni monovitigno: Ansonica (o Inzolla o Insolia); Chardonnay, Grecanico, Nero d’Avola, Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Merlot e Sirah.

Uvaggio

Il Sambuca di Sicilia bianco, così come il Passito, sono prodotti a partire da uve provenienti da vigneti composti, per almeno il 50%, dal vitigno Ansonica (detto anche Inzolla o Insolia). Per Rosso e Rosato, invece, è richiesto un 50% di Nero d’Avola. Tutte le varianti con indicazione di vitigno, invece, richiedono che questo rappresenti almeno l’85% dell’uvaggio. In tutte le tipologie della denominazione è anche prevista la possibilità di colmare le quote mancanti utilizzando altri vitigni non aromatici, a bacca di colore analogo, idonei alla coltivazione in Sicilia. Fa eccezione soltanto il Passito, per il quale si possono utilizzare esclusivamente i vitigni Grillo e Sauvignon.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

L’ampia gamma di vini che rientrano nella denominazione fa si che le caratteristiche organolettiche risultino particolarmente variegate. All’interno del disciplinare è possibile rintracciare una puntuale descrizione corrispondente a ciascun vino. In linea generale, tutte le produzioni si presentano equilibrate, con un ottimo bilanciamento gustativo. Si riscontrano aromi gradevoli, armonici, caratteristici ed eleganti, eventualmente impreziositi da note floreali, fruttate e vegetali, tipiche del vitigno di origine.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione è limitata al solo comune di Sambuca di Sicilia ed è caratterizzata da un tipico clima mediterraneo.

Specificità e note storiche

La viticoltura rappresenta un’attività centrale nella vita di Sambuca di Sicilia, con una tradizione antichissima, testimoniata, ad esempio, da due importanti reperti archeologici del V secolo a.C: la giara d’olio e il basamento in tufo di un torchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *