Sentiero Italia CAI Puglia R07B Altamura – Quasano

SI-R07B La puglia e le sue montagne

Fonte @CAI.it

Altamura – Quasano Il primo documento che certifica il nome della località è l’elenco dei: ” Parchi antichi in tempo del libro degli erbaggi, e straordinari insoliti nell’anno 1575″. Viene così specificato: “Parco di Acquasana prima nominato il Parco di Acqua Sana, quale fu dell’Ecc.mo Padrone; carro uno, versure due e quattro noni”. Ma la descrizione che ne fa il tavolario Pompeo Basso, quindici anni dopo, è ancora più chiara: “…e nello loco dove si dice Acquasana una masseria con stalle, cisterna, e cappella poco discosto dalle fontane di acqua surgente”.

Molti equivoci e false storielle sono sorte su questa località, a poca distanza da Toritto, che bisogna smentire per sempre. La pineta che “sana” fu impiantata solo nei primi anni ’60; prima non era altro che una calva e pietrosa murgia come le altre. Non vi è alcun quadro ritrovato da un pastore ma solo un affresco, rimaneggiato alquanto, nella piccola cappella, come abbiamo visto, una volta del barone.

La grande masseria è stata frazionata in tante piccole proprietà, smembrata e dequalificata da abusivismi. Tale storica testimonianza non è stata mai tutelata. Sotto l’altare della cappellina vi è un bellissimo affresco, fine ‘400 di scuola veneziana, che andrebbe recuperato. L’antica via Caprile porta al “Largo delle Fontane” che testimoniano la presenza delle acque caterazzine che quando la falda spinge, a volte con forza, in superficie fa scaturire le fontane, appunto.

La rotonda

La rotonda nasce sul finire dell’800, sul sito dei fuochi d’artificio della festa di maggio che onorava la Madonna degli Angeli che apparve a San Francesco nel miracolo dei rovi della porziuncola. Ne è testimone un ex voto del 1885. L’usanza della distribuzione del pane deriva dalle promesse di Gesù, fatte nel vangelo apocrifo di Giuseppe, che promettevano benefici terreni a chi dava un pane ed una coppa di vino, in nome del suo padre putativo: “ad un povero, un orfano o ad una vedova”.

La si perpetua nei giorni di San Giuseppe, Sant’Antonio e nella festa di Quasano, per non dire di Santa Rita. La tradizione dei carri allegorici nasce, quasi per caso, nel 1944 quando nella festa di quell’anno si volle omaggiare l’arrivo degli alleati liberatori con l’allestimento del modellino di una nave infiocchettata di fiori di carta. Oggi la gente vi si reca per una tranquilla passeggiata serale e per gustare le specialità degli “spiedi” locali.

Fonte @treccani.it

Informazioni tecniche

  • Distanza – 24,95 km
  • Dislivello positivo – 177 m
  • Difficoltà tecnica – Medio
  • Dislivello negativo – 288 m
  • Altitudine massima – 510 m
  • Altitudine minima – 374 m

Altimetria in Wikiloc

Fonte @CAI.it

Sentiero Italia CAI PIEMONTE 24° Tappa Villanova Pellice – Ghigo di Prali

Villanova Pellice – Ghigo di Prali Il collegamento tra le due principali Valli Valdesi avviene con questa tappa lunga e di notevole dislivello. Siamo nelle aree in cui nacque e si radicò il culto protestante del valdismo che rappresenta ancora oggi una minoranza religiosa tra le più significative d’Italia. Da Villanova Pellice il sentiero inizia…

Leggi di +

Sentiero Italia CAI Lazio 15 Rifugio Angelo Sebastiani – Leonessa

Rifugio Angelo Sebastiani – Leonessa Lasciato il Rifugio A.Sebastiani (1820m) con il sentiero 404 si sale alla Selletta di Pratorecchia (1875m) per scendere con un tratto di sterrata al bivio dove inizia il sentiero. In prossimità di Sella Jacci si esce sulla curva della sterrata fino a riprendere il sentiero poco dopo e, a mezza…

Leggi di +

Sentiero Italia CAI Campania S01 Passo del Fortino – Sanza

Passo del Fortino – Sanza La prima tappa in terra campana segna anche l’ingresso nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Con un percorso di media lunghezza e scarso dislivello si percorre dapprima la strada che segna il confine del Parco prima di addentrarsi su sentiero tra le alture più meridionali della…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *