Salvare la biodiversità

La biodiversità, in sostanza, è la ricchezza di forme di vita, animali e vegetali, presenti in un certo ambiente o un certo luogo, dai grandi ecosistemi (mari e oceani, foreste, fiumi) a quelli più piccoli come il nostro giardino di casa. Nel 1992 a Rio de Janeiro (Brasile), ben 193 Paesi, tra cui il nostro, hanno firmato un accordo per proteggere la biodiversità (la Convenzione per la Diversità Biologica – CBD).

Oche Selvatiche

L’Italia inoltre ha anche elaborato una Strategia Nazionale per la Biodiversità (2011-2020), cioè un piano di azioni e interventi che hanno lo scopo di difendere la biodiversità. Il principio fondamentale è che il benessere umano dipende dai servizi forniti dalla natura; pertanto è necessario limitare il più possibile lo sfruttamento delle risorse naturali.

Infatti è proprio grazie alla ricchezza di biodiversità che possiamo ricavare dalla natura il cibo, l’acqua, l’energia e le risorse per vivere. Basti pensare che circa un terzo del cibo che mangiamo proviene da piante impollinate da oltre 100.000 specie diverse di api, mosche, farfalle, coleotteri e uccelli! Fra gli strumenti che aiutano la biodiversità, svolgono un ruolo fondamentale le Aree Protette (parchi, riserve).

Esse hanno lo scopo di tutelare gli ecosistemi naturali, limitando la presenza e soprattutto le attività umane dannose. In particolare, in queste aree vengono preservate determinate specie animali e vegetali, tra cui anche molte varietà agrarie locali e rare, di grande importanza per l’alimentazione umana ma che se non protette rischierebbero di scomparire

L’Italia è il Paese europeo con il maggior numero di Aree Protette, più di mille, tra Riserve Naturali, Parchi Regionali, Nazionali, Aree Marine Protette, ecc. A queste si aggiungono le aree della Rete Europea Natura 2000, in cui sono tutelati gli habitat e le specie animali più in pericolo di estinzione.

LA RETE DELLA BIODIVERSITÀ: TUTTO È CONNESSO

L’improvvisa scomparsa degli alveari potrebbe provocare la perdita di prodotti comuni nella nostra alimentazione, in particolare di specie quali mele, pere, mandorle, agrumi, pesche, kiwi, castagne, ciliegie, albicocche, susine, meloni, cocomeri, pomodori, zucchine, soia, che dipendono del tutto o in parte dalle api per la riproduzione dei frutti, tramite l’impollinazione. Ma le api sono utili, indirettamente, anche per la produzione della carne e per l’azione impollinatrice che svolgono nei confronti di piante foraggere come l’erba medica e il trifoglio, fondamentali per i prati in cui pascolano gli animali da allevamento. Anche la grande maggioranza delle colture orticole da seme, come l’aglio, la carota, i cavoli e la cipolla, si possono riprodurre grazie alle api.

Fonte: Biodiversità e frutti dimenticati delle Regioni Italiane ISPRA

La rana Bombina orientalis

La rana bombina È comunemente chiamata ululone dal ventre rosso per il verso emesso dai maschi durante il periodo della riproduzione e la colorazione accesa che la caratterizza. Tale colorazione è per questa rana un sistema di difesa: se minacciata si ribalta mostrando la pancia, così da intimorire eventuali predatori. I tubercoli del dorso emettono…

Leggi di +

Il laboratorio ambientale d’Europa

Anche l’agricoltura, l’attività che più di ogni altro ha segnato il territorio, è caratterizzata proprio da una diversità di colture e di modalità di conduzione che non ha uguali in Europa. Il risultato è un uso e un insediamento capillare nel territorio da parte di una popolazione sempre stata molto numerosa, che non hanno lasciato…

Leggi di +

Azione urgente sulla biodiversità per lo sviluppo sostenibile

Le nostre società sono intimamente legate e dipendono dalla biodiversità. La biodiversità è essenziale per le persone, anche attraverso la fornitura di cibo nutriente, acqua pulita, medicinali e protezione da eventi estremi. La perdita di biodiversità e il degrado dei suoi contributi alle persone mettono a repentaglio il progresso verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.