Salsa di olive PAT Marche

Prodotto Agroalimentare Tradizionale delle Marche

La salsa di olive si presenta come una pasta dalla consistenza morbida e molto granulosa. Mantiene il colore verde tipico delle olive ed anche il sapore che risente solo leggermente dell’aggiunta di aceto. Materie prime: olive verdi, alloro, semi di finocchio, aglio, aceto, olio.

Descrizione metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura

Le olive vengono raccolte nel mese di novembre e messe in salamoia al 7% di salinità con foglie di alloro, semi di finocchio ed aglio. Una volta tolte dalla salamoia, vengono snocciolate e la polpa schiacciata fino a diventare una pasta alla quale viene aggiunto un po’ di aceto, una piccola quantità d’aglio e dell’olio. Una volta terminato, il composto si invasetta in recipienti di vetro. La maturazione avviene in salamoia fino a due anni e si produce durante tutto l’anno.

Tradizionalità: Bibliografia e ricerche effettuate direttamente nella zona di produzione.

Territorio di produzione: Nella provincia di Pesaro e Urbino, in particolare nelle 3 Comunità Montane, del
Montefeltro, del Catria e del Nerone, dell’Alto e Medio Metauro.

Il gobbo di Trodica PAT Marche

Una delizia degli orti marchigiani è il gobbo di Trodica: il gigante degli ortaggi visto che la pianta può pesare tranquillamente 8-10 chili. Oltre che a Trodica di Morrovalle, questo stretto parente del carciofo (appartiene alla varietà botanica “attilis D.C.” della stessa specie del carciofo, la “Cynara cardunculus L.”) è diffuso nel comune di Macerata e nelle zone circostanti tanto da essere
identificato anche come cardo di Macerata.

Continua a leggere

Tacchino bronzato rustico o nostrano PAT Marche

Il piumaggio del tacchino è di colore bronzato, oppure grigio, o nero picchiettato di bianco. La femmina pesa a fine ciclo Kg 2,4-2,8, mentre il maschio Kg 4,2-4,7. La carena è affilata e profonda conseguente a sviluppo longilineo della muscolatura pettorale. La cute è di colore giallo.

Continua a leggere

Quadrelli pelusi PAT Marche

Il termine “pelusi” intende evidenziare la rusticità del prodotto derivante dal fatto che la sfoglia è ricavata senza utilizzare le uova. I quadrelli pelusi, di colore chiaro, hanno forma di piccoli quadratini e sono utilizzati per la preparazione di minestre in brodo. E’ un piatto tradizionalmente povero, tuttora apprezzato per il suo sapore semplice e caratteristico reso lievemente piccante dalla presenza di aglio, pepee pecorino ben stagionato nel condimento.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *