Riserva Naturale Orientata e biogenetica Guadine Pradaccio – Emilia Romagna

Fonte @Raggruppamento Carabinieri Biodiversità

La Riserva, costituita da un circo glaciale risalente all’ultima glaciazione, si sviluppa fra i 1195 e 1796 m s.l.m. ed è circondata dai Monti Sterpara (1610 m s.l.m.), Aquila (1780 m s.l.m.), Brusà (1796 m s.l.m.)  dalla catena del Roccabiasca (1727 m s.l.m.).

Il termine “Guadine” deriva dal nome dell’omonimo Passo situato nella zona di crinale della Riserva e significa “zona di guado – passaggio”. Il nome “Pradaccio”, invece, trae le sue origini nel termine “Prataccio“, denominazione data ad un antico lago che ora è presente allo stadio di torbiera, la “torbiera del Prataccio” o “torbiera di Roccabiasca”. Il medesimo nome è stato poi dato al lago attualmente presente all’interno della Riserva: un invaso semi-artificiale realizzato per la pesca sportiva nel 1959. Il lago Pradaccio, situato alla quota di 1362 m s.l.m., ha una superficie di circa 3 ha e una profondità massima di 5 m; il suo emissario è denominato Torrente Parma delle Guadine o Parma di Francia (che insieme ai torrenti Parma di Badignana e Parma del Lago Santo dà origine, una volta confluiti tutti insieme, al torrente Parma).

HABITAT

Habitat di interesse:

  • Habitat 9130 Faggeti dell’Asperulo-Fagetum. Faggete (Fagus sylvatica), pure o miste con Abete bianco (Abies alba)
FLORA

La formazione arborea è costituita da bosco misto predominato da Faggio (Fagus sylvatica), con presenza di Abete bianco (Abies alba), Acero montano (Acer pseudoplatanus), Sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia), Sorbo montano (Sorbus aria),) intermezzato da praterie d’alta quota, torbiere, brughiere a mirtillo (Vaccinium myrtillus e Vaccinium uliginosum) e formazioni di rupi). Le formazioni lacustri presentano degli endemismi unici per la regione come, ad esempio, il Trifoglio d’acqua (Menyantes trifoliata). Le principali specie erbacee presenti nella riserva sono: Primula appenninica (Primula apennina) (specie d’interesse comunitario prioritaria), Scarpetta di Venere (Cypripedium calceolus) entrambe strettamente protette dalla Direttiva UE Habitat , nonché il Caprifoglio alpino (Lonicera alpigena).

FAUNA

I mammiferi di grandi dimensioni presenti sono il Lupo (Canis lupus) ed il Capriolo (Capreolus capreolus); nel gruppo dei micromammiferi, degna di nota, è l’Arvicola delle nevi (Chionomys nivalis), tipica delle praterie di altitudine. Tra i chirotteri si trovano il Ferro di cavallo maggiore (Rhinolophus ferrumequinum) e minore (Rhinolophus hipposiderus), il Vespertilio di Blyth (Myotis blythi) e molti altri, tutti protetti dalla Direttiva UE Habitat. Le specie di uccelli di interesse comunitario che sorvolano i cieli della Riserva sono n.8: Aquila reale (Aquila chrysaetos), Falco pecchiaiolo (Pernis apivorus), Tottavilla (Lullula arborea), Calandro (Anthus campestris), Succiacapre (Caprimulgus europaeus), Balia dal collare (Ficedula albicollis), Averla piccola (Lanius collurio). Recente la scoperta di due specie di Coleotteri Curcilionidae.

Per ulteriori informazioni riguardo le norme di fruizione della riserva, il centro visita e le attività in corso visita rgpbio.it Riserva Naturale Orientata e Biogenetica Guadine Pradaccio

Vedi Classificazione Aree Naturali Protette

Riserva Naturale Biogenetica Gallopane – Calabria

La Riserva si trova in Sila Grande nell’omonima località ricadente nel Comune di Longobucco, poco distate dalla strada di Fossiata. Trattasi di una foresta tendenzialmente vetusta ubicata nel cuore, dell’antica “Silva Brutia” dei romani, nella quale sono presenti piante di pino laricio di dimensioni notevoli (diametro 140 cm e con altezza 40 m, età di…

Leggi di +

Riserva Naturale Orientata Quarto Santa Chiara a Palena (Chieti)

Istituita nel 1982, la riserva naturale Orientata Quarto Santa Chiara ha un’estensione di 482 ettari, ricadenti nel territorio del Comune di Palena, ed e’ interamente compresa nel Parco Nazionale della Majella. E’ un vasto altopiano di origine carsica, circondato da rilievi montuosi,che si sviluppa ad un’altitudine che varia tra 1073 m e 1729 m.

Leggi di +

Riserva Naturale Fiume Ciane e Saline di Siracusa

Il fiume Ciane, il cui nome viene dal greco cyanòs che significa azzuro, nasce a Cozzo del Pantano, nella pianura alluvionale di Siracusa, dalle sorgenti Testa di Pisimota e Testa di Pisima, quest’ultima è principale ed appare come un laghetto di acqua di colore azzurro, sulle cui rive cresce il papiro.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *