Riserva Naturale di Santa Filomena – Pescara

La Riserva Naturale di Santa Filomena è una lunga striscia di verde che per circa 3 km. costeggia il mare tra Pescara e Montesilvano.Una pineta larga non più di 60 m. che fu impiantata tra il 1926 e il 1933 come barriera frangivento a protezione delle retrostanti colture. E’ Riserva Naturale dal 1977. I venti ettari della Pineta sono popolati della tipica vegetazione delle pinete litoranee come il pino d’aleppo ed il pino domestico. Pur in presenza di inquinamento la fitta vegetazione è un valido ecosistema in grado di attirare gli uccelli migratori come la rondine, il gabbiano e qualche cormorano.

La flora della pineta è caratterizzata dalla prevalenza di pini d’Aleppo, con una modesta presenza di pino domestico. Quest’ultimo non è autoctono sulla costa del medio adriatico ed è stato quindi introdotto nell’area per incrementare la produzione di resina durante gli anni dell’autarchia fascista, quando si sperimentava l’uso dei sottoprodotti vegetali nell’industria chimica. Sono altresì riscontrate alcune latifoglie sempreverdi, come l’alloro ed il leccio.

Nella pineta trovano riparo alcune specie di uccelli tra i quali la rondine di mare, mignattini, il gabbiano reale ed alcuni cormorani. Inoltre, alcune specie trovano rifugio nella riserva per la nidificazione: il rampichino, la cinciallegra, la cinciarella, la capinera, il saltimpalo.


Vedi Classificazione Aree Naturali Protette

Tenuta di Castel Porziano

La Tenuta Presidenziale di Castelporziano, dista circa 25 Km dal centro di Roma e si estende su una superficie di 60 Km2 (6039 ettari) comprendendo alcune storiche tenute di caccia quali “Trafusa, Trafusina, Riserve Nuove e Capocotta”. Si estende ormai quasi alla periferia della città fino al litorale romano, comprendendo circa 3,1 Km di spiaggia…

Leggi di +

Oasi Definizione

In senso lato, un’oasi è un’area naturale protetta per la conservazione di un habitat di particolare interesse floristico e faunistico e per la salvaguardia della sua biodiversità. In senso stretto, un’oasi è «destinata al rifugio, alla riproduzione ed alla sosta della fauna selvatica» e vi è proibita la caccia, salvo per motivi di controllo delle specie faunistiche in sovrannumero. In questo caso…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.