Riserva Naturale Popolamento Animale Salina Di Cervia – Emilia Romagna

Fonte @Raggruppamento Carabinieri Biodiversità

Salina di origine probabilmente etrusca, è situata in una vasta depressione a ridosso del cordone sublitoraneo percorso dalla S.S. Adriatica. La Salina è costituita da 97 vasche, di dimensioni e profondità varie, separate da una rete di bassi arginelli con vegetazione spiccatamente alofila. Le vasche presentano ampi specchi d’acqua a diversa salinità, dossi bassi e distese melmose. Sugli argini più elevati vi sono siepi di prugnolo Prunus spinosa e tamerice Tamarix gallica. Al centro della Salina vi sono alcuni appezzamenti coltivati e prati incolti. L’accesso e il deflusso delle acque marine sono regolati da canali artificiali in collegamento con il mare e da un canale circondariale che distribuisce le acque. L’alimentazione di acqua dal mare avviene tramite il canale del Pino (o Canalino di Milano Marittima), lo scolo attraverso il Canale della Bova che sfocia al Porto Canale di Cervia. L’estrazione del sale avviene in modo meccanizzato, anche se una piccola parte, di proprietà privata, viene sfruttata ancora in maniera artigianale, a scopo turistico-didattico.  

Habitat

Sono presenti i seguenti habitat protetti dalla Direttiva UE Habitat, due dei quali prioritari:

  •             1150*: Lagune
  •             1310: Vegetazione annua pioniera di Salicornia e altre delle zone fangose e sabbiose
  •             1410: Pascoli inondati mediterranei (Juncetalia maritimi)
  •             1420: Perticaie alofile mediterranee e termo-atlantiche (Arthrocnemetalia fruticosae)
  •             1510*: Steppe salate (Limonietalia)
Flora

Presente Salicornia veneta, specie prioritaria della Direttiva UE Habitat. È di grande interesse anche la presenza di Limonium bellidifolium e Trachomitum venetum.

Fauna

La salina di Cervia è una delle zone umide più importanti della regione per l’avifauna acquatica ed ospita regolarmente almeno 31 specie di interesse UE. In particolare, è un sito di nidificazione importante a livello nazionale per Avocetta, Cavaliere d’Italia, Gabbiano corallino (oltre 1.000 coppie), Gabbiano comune, Sterna comune (> 50 coppie), Fraticello (circa 300 coppie) e a livello regionale per Fratino, Pettegola, Sterna zampenere (4 coppie). Le colonie dei Caradriformi nidificanti sono localizzate sulle distese fangose affioranti all’interno delle vasche e su arginelli e dossi. È ipotizzabile nei prossimi anni anche l’insediamento di una colonia nidificante di Fenicottero rosa, specie da alcuni anni estivante. Nelle siepi e nei coltivi ai margini della Salina nidificano alcune coppie di Ortolano, Averla piccola e Calandrella. Il sito riveste inoltre grande importanza per lo svernamento di numerose specie di uccelli acquatici; di particolare interesse la presenza di Avocetta e Piovanello pancianera, con numerosi contingenti (rispettivamente circa il 10 % ed il 34 % del contingente nazionale) oltre ad altre specie di Caradriformi (Cavaliere d’Italia, Pivieressa, Combattente, Gambecchio) e di alcune specie di Anatidi tra cui in particolare Volpoca (circa 50 – 60 coppie). Si segnalano inoltre soprattutto Airone bianco maggiore, Fischione, Alzavola, Codone, essendo l’area per la maggior parte interdetta all’attività venatoria, ed è inoltre importante per la sosta di numerose specie, tra le quali alcune molto rare, di Anatidi e Caradriformi durante le migrazioni.

Sono presenti tre specie di pesci protetti dalla Direttiva UE Habitat, con importanti popolamenti: il Nono Aphanius fasciatus e i ghiozzetti di laguna Pomatoschistus canestrini e Knipowitschia panizzae.

Per ulteriori informazioni riguardo le norme di fruizione della riserva, il centro visita e le attività in corso visita rgpbio.it Riserva Naturale Popolamento Animale Salina Di Cervio

Vedi Classificazione Aree Naturali Protette

Riserva naturale integrale Cucco – Friuli Venezia Giulia

La Riserva è rappresentata dal margine inferiore dell’Alpe piccola, nelle immediate vicinanze con il fondo valle. Il versante di insediamento è di modesta pendenza (15-30°), esposto a sud, ben modellato e in buona fase di consolidamento, anche se non sono rari gli affioramenti rocciosi. Il suolo, che non si evolve oltre il protorendzina, deriva da…

Leggi di +

Riserva forestale di protezione Tirone Alto Vesuvio – Campania

La Riserva, dal 1995 inserita totalmente nel Parco Nazionale del Vesuvio, si estende su una superficie di circa 1.019 Ha, occupando la maggior parte dei versanti del complesso vulcanico del Vesuvio con altitudine compresa tra i 250 e 1.281 m s.l.m., altitudine massima del Monte Vesuvio. La Riserva, per la sua posizione al centro del…

Leggi di +

Riserva Naturale Biogenetica “Coturelle Piccione” – Calabria

Le Riserve in Sila Piccola contribuiscono a proteggere e conservare particolari ecosistemi, cenosi e biotopi significativi, di grande interesse vegetazionale e faunistico. La platea geologica è costituita da rocce arcaiche metamorfosate risalenti al permico medio e formate da gneiss e micascisti granatiferi. Le precipitazioni medie annue sono circa 1.400 mm, la temperatura media annua si…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *