Riserva Naturale Biogenetica Poverella – Villaggio Mancuso. Calabria

Fonte @Raggruppamento Carabinieri Biodiversità

Con D.M. del 13.07.1977 venne istituita in Sila Piccola, su terreni del demanio dello Stato, la Riserva Naturale Biogenetica allo scopo di garantire l’equilibrio biologico e la biodiversità. La Riserva è posta all’interno del Parco Nazionale della Sila e si estende su terreni di altitudine prevalente tra 1.000 e 1.300 m s.l.m., la morfologia è ondulata, la pendenza si mantiene sempre entro limiti moderati.

Le Riserve in Sila Piccola contribuiscono a proteggere e conservare particolari ecosistemi, cenosi e biotopi significativi, di grande interesse vegetazionale e faunistico. La platea geologica è costituita da rocce arcaiche metamorfosate risalenti al permico medio e formate da gneiss e micascisti granatiferi. Le precipitazioni medie annue si aggirano intorno a 1.300 mm; la temperatura media annua è di circa 10′ C. il clima è tipicamente mediterraneo con piovosità autunno – invernale e temperature più alte nei mesi estivi. La finalità della Riserva è la conservazione e la tutela dell’ambiente, anche in considerazione dell’importanza della Riserva per la produzione di materiale di propagazione di elevata qualità genetica da utilizzare per il rimboschimento di zone degradate. L’istituzione delle Riserve in Sila Piccola ha interessato una società agro-silvo-pastorale, anche se più specificatamente forestale. I centri abitati sono ubicati all’esterno delle Riserve, a molti chilometri di distanza dalle stesse ed a quote altimetriche più basse. Si tratta di paesi con cui le Riserve hanno avuto legami di natura economica, sociale e culturale; da sempre le popolazioni pedemontane hanno esercitato sull’altopiano silano le piùvarie attività agro-silvo-pastorali ed artigianali. Delle attività connesse al lavoro boschivo, le popolazioni silane custodiscono una memoria storica che richiede strutture permanenti di riferimento le quali servono anche da collegamento con il presente volto ad una incisiva azione di tutela del patrimonio naturale.

Habitat

Il principale Habitat presente all’interno della Riserva è quello relativo a “Pinete sub-mediterranee di pini neri endemici”, con pino laricio silano, su terreni ricchi di substrati granitici che danno origine a suoli acidi e sabbiosi, terreni particolari ove il pino silano predomina rispetto al faggio poiché, essendo una pianta piuttosto rustica (xerofitica e frugale), si adatta meglio a questi ambienti.

Nel dettaglio, gli Habitat che insistono nella Riserva ai sensi della Direttiva 94/43/CEE sono i seguenti:

  • 3260: Fiumi delle pianure e montani con vegetazione del Ranunculion fluitantis e Callitricho- Batrachion;
  • 6430: Bordure planiziali, montane e alpine di megaforbie idrofile                                                                          
  • 91E0: Foreste alluvionali di Alnus glutinosa e Fraxinus excelsior (Alno-Padion, Alnion incanae, Salicion albae);
  • 9530: Pinete (sub)mediterranee di pini neri endemici.

Flora

Secondo la classificazione del Pavari, la foresta si estende nel Fagetum, sottozona calda e nel Castanetum.  La specie più diffusa e importante è il pino laricio calabrese (Pinus nigra var. calabrica) che si trova a formare boschi puri e raramente misto con altre specie (querce caducifoglie e sempreverdi, ontano nero e napoletano). Il pino laricio si rinnova con facilità e abbondantemente purché il seme trovi del terreno minerale. Nell’ambito dei popolamenti di pino laricio si trovano degli individui aventi particolari caratteristiche di pregio. Questa forma di pino laricio, detta “pino Vutullo” da alcuni ritenuta una varietà botanica, presenta fusto cilindrico con corteccia liscia e privo di nodi ed un duramen più esteso del normale.

Nella fascia altitudinale più bassa, compresa tra 650 e 1.100 – 1.200 ms.l.m. sono presenti il castagno e le querce sempreverdi e caducifoglie, ma intorno ai 1000 mt. di quota il pino laricio prende il sopravvento sulle altre specie. Nelle zone della Riserva a quote più elevate, nelle pinete capita di trovare l’ontano napoletano, il pioppo tremulo, il salicone, il sorbo degli uccellatori. Fra gli arbusti si ricordano la ginestra dei carbonai, il biancospino, la rosa canina, il rovo, il lampone ecc.

Fauna

Fra i mammiferi la specie più importante è certamente il lupo appenninico (Canis lupus) che ha caratteristiche morfologiche che lo differenziano dal lupo europeo, che sono comunque della stessa specie e strettamente protetti anche a livello europeo. Fino a qualche anno fa in pericolo di estinzione, oggi la popolazione di lupi è in aumento.

Altri mammiferi diffusi sono il capriolo e il cinghiale; fra i mammiferi di piccola e media mole si ricordano lo scoiattolo, la volpe, la lepre, il tasso, il gatto selvatico, la martora, la faina, la puzzola. I pesci sono rappresentati dalla trota. Degli uccelli sono presenti numerose specie; si ricordano la poiana, lo sparviero, l’astore, la cornacchia, il picchio nero e il rosso maggiore, la cinciallegra, il fringuello, il crociere.

Per ulteriori informazioni riguardo le norme di fruizione della riserva, il centro visita e le attività in corso visita rgpbio.it Poverella Villaggio Mancuso

Vedi Classificazione Aree Naturali Protette

Riserva Naturale Biogenetica Gallopane – Calabria

La Riserva si trova in Sila Grande nell’omonima località ricadente nel Comune di Longobucco, poco distate dalla strada di Fossiata. Trattasi di una foresta tendenzialmente vetusta ubicata nel cuore, dell’antica “Silva Brutia” dei romani, nella quale sono presenti piante di pino laricio di dimensioni notevoli (diametro 140 cm e con altezza 40 m, età di…

Leggi di +

Riserva Naturale Fiume Ciane e Saline di Siracusa

Il fiume Ciane, il cui nome viene dal greco cyanòs che significa azzuro, nasce a Cozzo del Pantano, nella pianura alluvionale di Siracusa, dalle sorgenti Testa di Pisimota e Testa di Pisima, quest’ultima è principale ed appare come un laghetto di acqua di colore azzurro, sulle cui rive cresce il papiro.

Leggi di +

Riserva Naturale pineta di Santa Filomena – Pescara
Abruzzo

La Riserva Naturale di Santa Filomena è una lunga striscia di verde che per circa 3 km. costeggia il mare tra Pescara e Montesilvano.Una pineta larga non più di 60 m. che fu impiantata tra il 1926 e il 1933 come barriera frangivento a protezione delle retrostanti colture. E’ Riserva Naturale dal 1977. I venti…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *