Riserva naturale biogenetica Po di Volano – Emilia Romagna

Fonte @Raggruppamento Carabinieri Biodiversità

La formazione forestale di Lido di Volano si estende su una superficie di circa 190 ettari, di cui 146 nel comune di Comacchio e 44 nel comune di Codigoro, in provincia di Ferrara. La pineta demaniale costituisce una fascia boscata che si sviluppa per una lunghezza di circa 5.5 chilometri con una larghezza variabile tra i 70 e i 350 metri. Si estende parallelamente alla linea di costa, seguendone l’andamento, tenendo una distanza da questa che va dal contatto quasi diretto con le scogliere a ridosso della battigia, fino a 200 metri circa nella zona dove sono presenti degli stabilimenti balneari. Il complesso boscato confina a Nord con il ramo morto del Po di Volano e con la sacca di Goro, ad Est con il mare Adriatico, a Sud con coltivi di proprietà privata ed a Ovest ancora con coltivi ed inoltre con l’abitato di Lido di Volano (frazione del comune di Comacchio).

Le origini di questo popolamento forestale si possono considerare di poco successive rispetto a quelle della non lontana pineta demaniale di Ravenna; infatti fino ai primi decenni del secolo scorso la zona si presentava priva di vegetazione arborea. Il momento iniziale della costituzione della pineta di Lido di Volano è rappresentato dalla consegna, avvenuta nel 1931, di 146 ettari circa di terreno, in Comune di Comacchio (FE), da parte dell’Amministrazione della Marina Mercantile all’Azienda di Stato per le Foreste Demaniali, terreno che era costituito da arenili siti a ridosso della linea di battigia. I primi interventi di rimboschimento risalgono agli anni 1934-36, quando furono messe a dimora giovani piante di pino – marittimo e domestico – su una superficie di circa 100 ettari che costituiscono il nucleo più antico del bosco. Il secondo momento storico d’interesse per la pineta demaniale di Lido di Volano è rappresentato dall’acquisizione al demanio forestale, avvenuta mediante acquisto nell’anno 1953, di 23 ettari circa di pineta siti in Comune di Codigoro (FE) di proprietà privata ed adiacenti ai terreni già in possesso dell’Azienda di Stato per le Foreste Demaniali. Su detta superficie il rimboschimento era stato eseguito negli anni 1933-35 dall’Amministrazione Forestale in applicazione dell’art. 75 del R.D.L. 30 dicembre 1923, n. 3267 su una fascia di larghezza 45-60 metri lungo il mare. Un terzo intervento di rimboschimento, sempre con l’impiego di pini, venne eseguito negli anni 1948-50 su una superficie di circa 20 ettari in località Scannone di Codigoro (FE), area che si era resa disponibile all’impianto per arretramento della linea di costa. Per l’elevata valenza forestale ed ambientale, l’intera zona boscata, unitamente ad una trentina di ettari circa di zone umide limitrofe alla formazione forestale, è stata posta sotto tutela nell’anno 1977 con l’istituzione della Riserva Naturale “Po di Volano”.

Attualmente il popolamento forestale ha raggiunto un buon grado di sviluppo; il bosco si presenta a composizione mista con una netta prevalenza di giovani piante di leccio, le quali hanno diametri a petto d’uomo compresi tra 1 e 30-35 centimetri ed altezze che vanno da pochi decimetri sino al piano superiore delle chiome. Questo indica chiaramente come il bosco si stia indirizzando, attraverso un processo di successione secondaria, verso una formazione forestale disetanea con specie legnose tipiche della zona. La struttura orizzontale evidenzia una ottimale copertura dello spazio operata dalle chiome, vicina quasi al 100%. La struttura verticale indica come il popolamento si stia evolvendo da bistratificato verso una situazione multistratificata, dove gli strati risultano via via occupati dalle giovani piante di latifoglie che man mano si accrescono. La copertura esercitata dalle chiome, su più strati, condiziona però negativamente il grado di illuminazione del suolo e ciò non consente un notevole sviluppo delle piante erbacee, presenti comunque con una notevole pluralità di specie negli spazi aperti e lungo i margini delle zone boscate.

Di notevole interesse anche le zone umide incluse nella Riserva (Scannone di Codigoro). Si tratta di depositi di sedimenti definiti come dune costiere, “frecce litoranee”, “scanni”, che costituiscono strutture legate alla dinamica costiera, dovuti al trasporto lungo costa dei materiali forniti dalle foci fluviali e dalle spiagge limitrofe, sommerse oppure emerse, per effetto del moto ondoso, delle correnti litoranee e del vento. Quando le barre che caratterizzano la spiaggia sommersa, depositandosi circa parallelamente alla linea di riva, tendono ad emergere ed a consolidarsi in scanni, nei pressi di una foce fluviale vanno a costituire le “frecce litoranee”.

Habitat

Sono presenti i seguenti habitat, con riferimento alla Direttiva UE Habitat:

  • 1210: Vegetazione annua delle linee di deposito marine
  • 1410: Pascoli inondati mediterranei (Juncetalia maritimi)
  • 1420: Praterie e fruticeti alofili mediterranei e termo-atlantici (Sarcocornietea fruticosi)
  • 2110: Dune embrionali mobili
  • 2120: Dune mobili del cordone litorale con presenza di Ammophila arenaria (dune bianche)
  • 2130*: Dune costiere fisse a vegetazione erbacea (dune grigie)
  • 2270*: Dune con foreste di Pinus pinea e/o Pinus pinaster
  • 3150: Laghi eutrofici naturali con vegetazione del Magnopotamion o Hydrocharition
  • 6420: Praterie umide mediterranee con piante erbacee alte del Molinio-Holoschoenion
  • 9340: Foreste di Quercus ilex Quercus rotundifolia

Flora e Fauna

Si segnala la presenza della malvacea Kosteletzkya pentacarpos, specie protetta dalla Direttiva UE Habitat.

Tra i Chirotteri, sono state rilevate cinque specie, tutte protette dalla Direttiva UE Habitat: Pipistrellus kuhlii (Pipistrello albolimbato), Hypsugo savii (Pipistrello di Savi), Eptesicus serotinus (Serotino comune), Myotis myotis (Vespertilio maggiore), Myotis emarginatus (Vespertilio smarginato).

Per quanto riguarda l’avifauna, la Riserva ospita una elevata diversità specifica in particolare nel periodo riproduttivo, in risposta alla presenza di elementi di eterogeneità ambientale costituiti massimamente dalle limitrofe zone umide ubicate alla foce del Po di Volano. La matrice boschiva piuttosto densa favorisce presenze ornitologiche proprie di habitat esterni alla pineta che comunque ne incrementano la biodiversità complessiva. Tali elementi di eterogeneità ambientale ad elevata naturalità consentono di arricchire il valore ecologico della pineta garantendo la presenza di specie (alcune delle quali di interesse conservazionistico) altrimenti poco rappresentate lungo la fascia costiera emiliano-romagnola (es. Occhiocotto, Canapino, Zigolo nero, Beccamoschino, Albanella minore, Assiolo, Martin pescatore, Gruccione, Torcicollo, Averla piccola).

Per ulteriori informazioni riguardo le norme di fruizione della riserva, il centro visita e le attività in corso visita rgpbio.it Riserva naturale Po di Volano

Vedi Classificazione Aree Naturali Protette

Riserva Naturale Feudo Ugni

Compresa nel territorio comunale di Palombaro e Pennapiedimonte, in provincia di Chieti, e’ stata istituita nel 1981, si estende su 1.563 ettari ed e’ delimitata a Nord dal torrente Avello. Il nome deriva dal latino omnium, cioe’ di tutti, perche’ ai tempi della conquista romana della zona questa parte della valle venne lasciata agli abitanti del luogo. L’area sulla…

Leggi di +

Riserva Naturale Biogenetica Serra Nicolino – Piano dell’Albero. Calabria

Le zone umide sono frequentate da numerosi anfibi come l’ululone dal ventre giallo (Bombina pachypus), la salamandrina dagli occhiali (Salamandrina terdigitata), la salamadra pezzata (Salamandra salamandra), il tritone crestato (Triturus carnifex), il tritone italico (Triturus italicus), la rana appenninica (Rana italica) e la raganella italiana (Hyla intermedia), tutte specie protette dalla Direttiva Habitat. Estremamente interessante, a quest’ultimo…

Leggi di +

Riserva forestale di protezione Tirone Alto Vesuvio – Campania

La Riserva, dal 1995 inserita totalmente nel Parco Nazionale del Vesuvio, si estende su una superficie di circa 1.019 Ha, occupando la maggior parte dei versanti del complesso vulcanico del Vesuvio con altitudine compresa tra i 250 e 1.281 m s.l.m., altitudine massima del Monte Vesuvio. La Riserva, per la sua posizione al centro del…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *