Riserva Naturale Biogenetica Gallopane – Calabria

Fonte @Raggruppamento Carabinieri Biodiversità

La Riserva si trova in Sila Grande nell’omonima località ricadente nel Comune di Longobucco, poco distate dalla strada di Fossiata. Trattasi di una foresta tendenzialmente vetusta ubicata nel cuore, dell’antica “Silva Brutia” dei romani, nella quale sono presenti piante di pino laricio di dimensioni notevoli (diametro 140 cm e con altezza 40 m, età di 180-200 anni) e di età avanzata. Altimetricamente si sviluppa tra quota 1590 m s.l.m. nella parte settentrionale e 1224 m s.l.m. nella parte opposta con un dislivello di 228 m, nel bacino del torrente Cecita.

Geologicamente la Riserva si trova su un substrato di rocce prevalentemente granitiche che presentano scarsa resistenza all’erosione. Con un clima temperato con estate fresca, più o meno siccitosa, ricca di acqua, la Riserva presenta una vegetazione notevolmente vetusta, composta in prevalenza da un’ampia pineta di pino laricio il quale domina sul faggio e sulle altre specie vegetali presenti.

Il Bosco di Gallopane è interessato per il95% della sua superficie (200 ettari circa) da popolamenti di pino laricio (Pinus laricio), localmente con presenza di faggio (Fagus sylvatica), cerro (Quercus cerris) e roverella (Quercus pubescens = Q. lanuginosa), soprattutto alle quote inferiori e nelle zone meglio esposte, pioppo tremolo (Populus tremula) nelle aree soggette in passato ad intense utilizzazioni. Lungo i corsi d’acqua è presente l’ontano nero (Alnus glutinosa). Allo stato sporadico si riscontra anche l’acero montano (Acer pseudoplatanus). Ci sono anche radure dove nel passato era esercitato il pascolo. La pineta di laricio, quasi esclusivamente di origine naturale, è attualmente la tipologia boschiva di gran lunga dominante all’interno del Bosco di Gallopane dove interessa una superficie di 170 ettari, pari al 95% della superficie dell’area protetta, racchiusa in un perimetro di 6.0 Km. Solamente in piccole zone, negli anni compresi tra il 1960 e il 1970, sono stati effettuati interventi di rimboschimento di piccoli vuoti presenti all’interno della pineta adulta mediante piantagione oppure semine su terreno lavorato a strisce lungo le curve di livello. Questi interventi hanno avuto generalmente esiti positivi tanto che attualmente all’interno del bosco le radure sono piuttosto rare.

La copertura esercitata dal pino laricio favorisce un leggero accumulo di lettiera indecomposta e limita la presenza del sottobosco. Solo dove sono presenti interruzioni nella volta arborea si registra la presenza di vegetazione erbacea a prevalenza di graminacee con felce e rovi e qualche pianta di rosa canina e biancospino.

La presenza di novellame è molto scarsa, anche perché negli ultimi decenni non sono state effettuate utilizzazioni. Localmente la caduta accidentale di qualche pianta per cause di origine meteorica ha favorito l’affermazione di piccoli gruppi di pino laricio, più raramente di faggio. In entrambe le situazioni la presenza di piante secche in piedi e di schianti è piuttosto rara, mentre a terra si trovano rami secchi o cimali.

La faggeta interessa nel suo complesso una superficie modesta, attorno a 6 ettari circa pari al 3,5% della superficie complessiva della Riserva. Si tratta di alcune aree di modesta superficie sparse all’interno della pineta.

Nella riserva sono, altresì, presenti formazioni di ontano nero che si sviluppano sotto forma di filari che costeggiano i corsi d’acqua. Si tratta, prevalentemente, di piante piuttosto vecchie in rapporto alla longevità della specie, di forma da discreta a scadente, con i soggetti di maggiori dimensioni che denotano evidenti condizioni di senescenza. I fusti sono piuttosto irregolari. La chioma verde è raccolta in alto e gran parte del fusto è pulito e privo di rami secchi. Allontanandosi dall’alveo dei torrenti l’ontano nero lascia il posto al pino laricio o, dove è presente, al faggio.

Le presenza di radure è molto limitata in termini di superficie, appena 2 ettari circa pari all’1% della Riserva; presenti all’estremità nord/occidentale della Riserva e nella parte centrale in corrispondenza delle zone di displuvio, dove gravi fenomeni di erosione hanno ridotto lo spessore del suolo e, indirettamente, limitato la presenza del bosco. Attualmente queste aree sono interessate da una vegetazione prevalentemente erbacea.

Habitat

HABITAT NATURA 2000 PRESENTI NELLA RISERVAnote
9530*Pinete (sub) mediterranee di pini neri endemiciPinete Pino Laricio
9210*Faggeti degli Appennini con Taxus e IlexFaggeta con Tasso e Agrifoglio
91E0*Foreste alluviali di Alnus glutinosa e Fraxinus excelsiorForeste ripariali di Ontano nero

Flora

SPECIE VEGETALI D’INTERESSE CONSERVAZIONISTICO PRESENTI NELLA RISERVA
SpecieDenominazione Italiana e Localenote
Buglossoides calabraErba perla calabreseEndemica
Euphorbia amygdaloydesEuforbia delle faggeteEuropa-Caucaso
Euphorbia corallioidesEuforbia corallinaEndemica
Limodorum brulloiOrchidea di BrulloEndemica
Neottia nidus-avisNido di uccelloEuroasiatica
Orchis laxifloraOrchidea acquaticaEuri-Mediterranea
Orchis morioOrchidea minore o Giglio caprinoEuropa-Caucaso
Alectoria sarmentosaLichene capelli di stregaLichene
Bryoria capillarisLichene delle nebbieLichene

Oltre alle specie di interesse conservazionistico, si segnala la presenza di rosa canina, biancospino, melo pero selvatico, cocumelo, rovo, ginestra dei carbonai, felce aquilina, trifoglio, fragole e lamponi. Da segnalare le splendide fioriture di orchidee, gerani, ciclamini, ranuncoli, viole, fiordalisi e ginestre.

Fauna

Tra i mammiferi frequentano l’area Capreolus capreolus (capriolo) e Cervus elaphus (cervo), Canis lupus (lupo), Scoiattolo nero calabrese (Sciurus meridionalis), Felix sylvestris (gatto selvatico), Sus scrofa (cinghiale), Martes martes (martora), Martes foina (faina), Mustela putorius (puzzola), Mustela nivalis (donnola), Meles meles (tasso), Lepus italica (lepre italica), Vulpes vulpes (volpe). È di grande interesse zoogeografico la presenza di un piccolo roditore della famiglia dei gliridi, il Dryomys nitedula (driomio), a distribuzione paleartica ma presente in isolamento in Calabria con la sottospecie endemica aspromontis.

Tra gli uccelli nidificanti:

  • Accipiter gentilis (astore)
  • Accipiter nisus (sparviere)
  • Pernis apivorus (falco pecchiaiolo)
  • Buteo buteo (poiana)
  • Dryocopus martius (picchio nero)
  • Columba palumbus(colombaccio)
  • Otus scops (assiolo)
  • Jinx torquilla (torcicollo)
  • Picoides major (picchio rosso maggiore)
  • Turdus viscivorus (tordela)
  • Regulus ignicapillus (fiorrancino)
  • Parus palustris (cincia bigia)
  • Phylloscopus sibilatrix (luì verde)
  • Sitta europea (picchio muratore)
  • Oriolus oriolus (rigogolo)
  • Lanius collurio (averla piccola).

Si evidenzia che alcune specie di uccelli come ad esempio Regulus regulus (regolo), Carduelis spinus (lucarino) e Loxia curvirostra (crociere), solite nidificare a latitudini maggiori, trovano nella riserva un habitat idoneo e sull’altopiano della Sila il limite più meridionale del loro areale.

SPECIE ANIMALI DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO PRESENTI NELLA RISERVA GALLOPANE
SpecieNome comuneDirettiva HabitatInteresse conservazionistico
Cucujuscinnaberinus x 
Cucujushaematodes  x
Pterostichusruffoi   
Rana italicaRana appenninicaxx
LacertabilineataRamarro occidentalex 
Lullula arboreaTottavilla x
BarbastellabarbastellusBarbastello comunexx
HypsugosaviiPipistrello di Savi x
PipistrelluspipistrellusOrecchione brunoxx
SciurusmeridionalisScoiattolo nero x
DryomysnitedulaDriomiox 
Canis lupusLupox 

Per ulteriori informazioni riguardo le norme di fruizione della riserva, il centro visita e le attività in corso visita rgpbio.it Gallopane

Vedi Classificazione Aree Naturali Protette

Riserva naturale integrale Sasso Fratino – Emilia Romagna

Nel 1914, insieme al nucleo centrale del complesso delle Foreste Casentinesi, il territorio dell’attuale Riserva di Sasso Fratino entra a far parte del Demanio Forestale dello Stato. Nel 1959 il primo nucleo di circa 110 ettari viene precluso al libero accesso e ad ogni forma di intervento. Questa decisione, assunta con un atto interno dell’Azienda…

Leggi di +

Riserva naturale Badia Prataglia – Emilia Romagna

La Riserva si estende per circa 2.420 ettari lungo il tratto del crinale tosco-romagnolo che va dalla Cima del Termine (nei pressi del Passo dei Mandrioli) fino a Giogo Secchieta e al Passo del Porcareccio, con quote massime che vanno dai 1448 m s.l.m. di Poggio allo Spillo ai 700 m s.l.m. della Lama. La…

Leggi di +

Riserva Naturale Biogenetica Marchesale – Calabria

Le attuali foreste di Mongiana, attorno all’anno 1100 circa, erano parte del Feudo Ecclesiastico della Certosa di Serra San Bruno, concesso da Ruggero Re dei Normanni al monaco eremita Brunone di Colonia, fondatore dell’Ordine Certosino e della vicina Certosa di Serra San Bruno. Il feudo certosino venne diviso ripetutamente e affidato a Enti comunali, ex…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *