Pesca regina di Londa PAT Toscana

Prodotto agroalimentare tradizionale della regione Toscana

Regina d’Autunno; Tardiva di Londa

La pesca regina di Londa è una cultivar a pasta bianca, con buccia di color bianco sporco e striature rossastre. Dolcissima, ha un profumo forte e penetrante e consistenza molto dura. La pezzatura si aggira sui 250-300 grammi. Si produce a settembre-ottobre.

Tradizionalità

La tradizionalità della pesca regina di Londa è dovuta all’importanza della cultivar che si produce in zona da almeno 50 anni. Molto dolce, ben si presta ad essere usata per marmellate. La gente del luogo tuttavia afferma che l’impiego migliore è quello di gustarla fresca. Questa pesca, originaria di Londa, località nei pressi della Rufina (FI), viene tuttora commercializzata per il suo sapore e per la maturazione tardiva. Questa varietà è inserita nell’elenco per la tutale e la valorizzazione delle razze e varietà locali (L.R. n°64/04).

Produzione: La pesca regina di Londa viene prodotta in circa dieci aziende situate nei comuni di Londa, Tavarnelle (San Donato in Poggio), Scarperia (località Crocioni e Sant’Agata), Vicchio e Dicomano.La produzione è di circa 1000 quintali l’anno, anche se negli ultimi anni la produzione ha risentito delle avverse condizioni meteorologiche. Non si riscontra un trend in crescita.La vendita avviene prevalentemente alla grande distribuzione (Coop) e al Mercafir.La seconda domenica di settembre si tiene a Londa la Festa della regina di Londa durante la quale viene premiata, da una giuria composta da esperti, docenti universitari ecc., la migliore cassetta di pesche regina di Londa. Nell’occasione la giuria si esprime anche su altre varietà locali di pesche (burrone e cotogne fiorentine).
In provincia di Arezzo ci sono altri tre-quattro produttori di pesca regina di Londa che producono circa 25-30 quintali l’anno. La vendita avviene sia nei mercati locali che nella provincia di Firenze.Maggiori informazioni su questa pesca si trovano nel volume “Il germoplasma del pesco – 2. Le burrone fiorentine” a cura del prof. Elvio Bellini del Dipartimento di Ortoflorofrutticoltura della Facoltà di Agraria di Firenze, pubblicato dall’Arsia-Regione Toscana.

Territorio interessato alla produzione:

Londa (provincia di Firenze), Valdarno fiorentino e aretino, province di Arezzo e Firenze.

Cenci PAT Toscana

I cenci sono dei rettangolini di pasta dolce fritta. Il nome del prodotto deriva dalla particolare forma che assume una volta cotto, cioè quella di cenci o stracci. Hanno colore dorato, consistenza croccante; sono in genere cosparsi di zucchero a velo. Il sapore è dolce, vanigliato. Vengono prodotti nel periodo del Carnevale, in gennaio e…

Leggi di +

Pane di patate della Garfagnana PAT Toscana

Pane dalla forma tondeggiante, a pagnotta se nella pezzatura da 1 kg o ovale se nella pezzatura da 2 kg. Il colore è marrone, più o meno scuro a seconda della cottura. L’aroma è intenso ma delicato, molto persistente, ricorda quello del lievito; è di consistenza morbida ed al gusto ricorda il sapore della mandorla…

Leggi di +

Funghi porcini toscani PAT Toscana

I porcini sono funghi piuttosto pregiati appartenenti al genere Boletus. Il gambo è di colore marrone chiaro mentre la cappella è di un marrone più scuro, variabile a seconda delle specie del sottobosco e del bosco di produzione. Il sapore è delicato ma intenso, con un leggero sentore di tannino, muschio e tallo dell’aglio. La…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *