PAT Provincia autonoma di BOLZANO

Elenco Nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali Italiani

(PAT) PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

Speck Alto Atesino

Patria delle Dolomiti, patrimonio Unesco dell’umanità, caratterizzato da panoramici unici al mondo, con clima, flora e fauna governati dalle leggi di natura, l’Alto Adige è un luogo di incantevole bellezza.

Sulle sue altissime cime, dove la vita fa i conti con le temperature rigide, la tavola è imbandita generosamente con robuste specialità montanare che risentono dell’influenza austriaca e tedesca, negli ingredienti e persino nei nomi.

Bevande analcoliche, distillati e liquori
1Altreier kaffee (Caffè di Anterivo) surrogato
2Kranewitter (Ginepro)
3Latschenschnaps (Liquore di mugo)
4Nusseler (Nocino)
5Schwarzbeerschnaps (Grappa di mirtilli)
Carni (e frattaglie) fresche e loro preparazioni
6Bauernschinken (Prosciutto contadino)
7Blutwurst (Sanguinaccio)*
8Fleischkäse (Salame cotto al forno)
9Gamswurst (Salsiccia di camoscio)
10Geräuchertes gamsfleisch (Carne di camoscio affumicato)*
11Geräuchertes hirschfleisch (Carne di cervo affumicato)*
12Geräuchertes lammfleisch (Carne di agnello affumicato)*
13Geräuchertes rindfleisch (Manzo affumicato)* 
14Gesurtes schweinernes (Carne di maiale salmistrata)*
15Hauswurst (Salsiccia fresca aromatizzata)
16Hirschwurst (Salsiccia di cervo)*
17Kalbskopf (Testina di vitello)
18Kaminwurzen (Salamino affumicato)*
19Leberwurst (Salsiccia di fegato)
20Meraner würstel (Wuerstel di Merano)
21Speck*
Formaggi
22Algunder bauernkäse halbfett (Formaggio contadino
semigrasso di Lagundo)
23Algunder butterkäse (Formaggio di Lagundo)
24Algunder ziegenkäse (Formaggio di capra di Lagundo)
25Alpkäse (Formaggio di alpeggio)*
26Aschbacher magerkäse (Formaggio aschbach magro)
27Graukäse (Formaggio grigio)*
28Hochpustertaler (Formaggio Alta Pusteria)
29Inticina (Formaggio “Inticina”)
30Ortler (Formaggio Ortler)
31Pustertaler bergkäse (Formaggio di montagna della
Val Pusteria)
32Raucherkäse (Formaggio affumicato)*
33Sextner almkäse (Formaggio di montagna di Sesto)*
34Toblacher stangenkäse (Formaggio originale Dobbiaco)
35Zieger (Formaggio fresco aromatizzato)*
Grassi (burro, margarina, oli)
36Alpbutter (Burro d’alpeggio)*
Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati
37Apfelsaft (Succo di mele)
38Brotklee (Trigonella)
39Buchweizenmehl (Farina di grano saraceno)
40Fichtenhonigsirup (Sciroppo di abete)
41Himbeersirup (Sciroppo di lamponi)
42Holersirup (Sciroppo di sambuco)
43Kastanien von Südtirol (Castagne dell’Alto Adige)
44Kloazn (Pere essiccate)*
45Kren (Rafano)
46Löwenzahnhonigsirup (Sciroppo di tarasacco)
47Marille (Albicocca Val Venosta)
48Mohnsamen (Seme di papavero)
49Plentn (Polenta)
50Preiselbeermarmelade (Marmellata di mirtilli)
51Ribissirup (Sciroppo di ribes)
52Rübenkeime (Germogli di rape)
53Sauerkraut (Crauti)*
54Terlaner spargel (Asparago di Terlano)
Paste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria
55Apfelbrot (Pane di mele)*
56Apfelkiechl (Frittelle di mele)
57Breatl (Pagnotta)*
58Dorf Tiroler (Pagnotta del paese “Tirolo”)
59Faschingskrapfen (Bomboloni di carnevale)
60Fastenbrezel (Brezel di quaresima)
61Fela struzn (Pane a forma di ferro di cavallo)
62Fochas (Focaccia)
63Germzopf (Treccia lievitata)
64Hirtenbrot (Pane del pastore)*
65Holermulla (Gelatina di sambuco)
66Kaisersemmel (Rosetta imperiale)
67Kiechl (Ciambella dolce)
68Knoedel (Canederli)
69Krapfen
70Milzschnitten (Crostini di milza)
71Mohnmingilan (Frittella di papavero)
72Nocken (Gnocchi)
73Paarl (Coppia di pagnotte)*
74Palabirabrot (Pane alle pere)*
75Pindl (Pane di segale a tre coppie)*
76Polsterzipfel (Frittella alla marmellata)
77Püces (Pane ladino)
78Schlutzkrapfen (Ravioloni ripieni)
79Schüttelbrot (Pane di segale duro)
80Schwarzer weggen (Filone integrale)
81Strauben (Frittella “strauben”)
82Strudel
83Tirtlan (Frittelle tirtlan)
84Vinschgauer struzn (Pane della Val Venosta a forma di ferro di cavallo)
85Vollkornpaarl (Paarl integrale)*
86Vorschlag (Pagnotta di farine miste)*
87Vorschlag Paarl (Coppia di pagnotte di farine miste)*
88Zelten (dolce natalizio a base di frutta secca)
89Zwetschgen-und marillenknödel (Canederli dolci con
albicocca e prugne)
Prodotti di origine animale (miele, prodotti lattiero caseari di vario tipo escluso il burro)
90Buttermilch (Latticello)*

*Deroga alle norme igienico sanitarie

I PAT: prodotti agroalimentari tradizionali sono produzioni riconosciute dal Mipaaf in ogni regione d’Italia: cosa sono e quanto contano sul territorio? Le produzioni di qualità italiane sono numerose e tra loro troviamo i Prodotti Agroalimentari Tradizionali: PAT. Si tratta di produzioni tipiche che nel loro processo di produzione non subiscono modifiche da almeno 25 anni.

I PAT vengono riconosciuti dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali (Mipaaf) in ogni regione d’Italia e l’elenco dei riconoscimenti si arricchisce ogni anno di produzioni tipiche la cui origine si perde nel tempo. Al 2020 in Italia si contano più di 5000 Prodotti Agroalimentari Tradizionali. In Sardegna siamo a più di 200 e tra questi ritroviamo alcune tra le preparazioni più antiche e tradizionali dell’isola

Questi prodotti rappresentano un patrimonio vastissimo, spesso inesplorato e non facile da comunicare vista la sua immensa varietà, i Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) vanno ad integrarsi in un patrimonio agroalimentare, quello italiano, che insieme alle produzioni a marchio DOP e IGP è tra quelli di maggior qualità.

Nel 2020 i Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) riconosciuti dal Mipaaf sono distribuiti su tutto il territorio italiano, 5206 in tutti, con delle distinzioni dettate dalle diverse categorie merceologiche che sono più o meno diffuse da regione a regione. Sicuramente numerose in ogni regione d’Italia le PAT per pasta, pane e dolci, le cui varietà si moltiplicano di paese in paese, da nord a sud dello stivale.

Il confronto dei dati del 2020 con quelli del 2016 ci permettono di notare come i Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) siano in continuo aumento. Indice del fatto che la consapevolezza di produttori e consumatori per il valore delle tipicità locali dell’agroalimentare italiano è sempre più diffuso, e alla ricerca di investimenti e promozione.

Un enorme patrimonio da salvaguardare, in termini di cultura ma anche di sviluppo delle economie locali: qual è il ruolo che i prodotti tradizionali possono assumere nello sviluppo di forme di turismo sostenibile? Ne abbiamo parlato nell’articolo I prodotti tradizionali e il turismo sostenibile con Fabio Parasecoli, professore di Food Studies alla New York University.

Aggiornamento del 10 febbraio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *