Pane di Chianocco PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del PIEMONTE

Il Pane di Chianocco (Pan ‘d cianuc) è un pane tipico della media Val Susa, nei comuni di Chianocco e Bussoleno. Ha un formato parecchio grande ed è a forma di filone (grescia) del peso di circa 600-700 g. La caratteristica principale è la mancanza di qualsiasi condimento. La mollica è compatta, l’alveolatura piccola e irregolare. La crosta è friabile e questo pane si conserva molto bene per parecchi giorni. Non è raro che sia scelto dai margari come pane da portare in alpeggio o dai gestori di rifugi.

Il gusto, un po’ “antico”, è dato principalmente dalla presenza, nell’impasto, del lievito madre. La sua preparazione è lenta, e gli ingredienti sono: farina di grano tenero, acqua, lievito e sale. Come già detto non è mai presente il grasso, né olio né strutto. È ideale per ricavarne fette. Questo pane si consuma quotidianamente come pane da pasto.

Caratteristiche

  • Consistenza: crosta esterna croccante e spessa, friabile, alveolatura piccola e irregolare. Mollica abbondante e soffice.
  • Odore: fragrante, gradevole di forno e farina con sentori di lievito e cereali.
  • Colore: dorato, Internamente bianco.
  • Sapore: vagamente acidulo, croccante in bocca, sapido. Note intense e complesse sulla crosta.
  • Dimensioni: filoni da circa 700 g, con marcata spaccatura da taglio.

Metodiche di lavorazione

La sera si prepara il lievito con una tecnica che prevede sia l’uso del lievito madre che quello del lievito di birra. Si impastano 3 kg di pasta acida, derivante dall’impasto della giornata, 5 kg di farina, una noce di lievito di birra e acqua fino a consistenza voluta; l’impasto così ottenuto, che deve essere duro e compatto va conservato al fresco fino al momento dell’uso, al mattino seguente. Si impasta la levata con 20 kg di farina, circa 10 litri di acqua, 100 g di lievito di birra e 600 g di sale. Si lavora per circa 30 minuti con l’impastatrice. Dopo mezz’ora di riposo in vasca o su un’erca, si formano, su assi di legno infarinati, delle liste di pasta della lunghezza di circa 30 cm e si lasciano lievitare per circa un’ora. Le liste lievitate si tagliano con una raschia di legno e si infornano con il taglio dalla parte superiore, senza vapore, per favorirne lo sviluppo; la cottura dura circa un’ora, alla temperatura di 220-230°C.

ZONA DI PRODUZIONE

Il Pane di Chianocco viene prodotto da alcuni panettieri di Chianocco e Bussoleno e delle zone limitrofe.
Non si trova tutti i giorni della settimana.

TRADIZIONALITÀ

Il Pane di Chianocco ha origini lontane nel tempo e la sua tecnica di produzione viene tramandata da artigiano ad artigiano; non esistono documenti che ratifichino la nascita di questo prodotto, ma la trasmissione orale della conoscenza è ancora diffusa e vitale.

Bibliografia

Orlando Perera, Pane nostro, Daniela Piazza Editore, 2003

Beddo PAT

Formaggio semigrasso, a breve stagionatura. Le forme sono cilindriche ed hanno un peso variabile dagli 800 grammi ad 1 Kg. La crosta di colore paglierino, detta “camisa”, compare a partire dal quinto o sesto giorno di stagionatura. La pasta è compatta e morbida, di colore bianco. Il prodotto fresco ha un sapore piacevole e delicato,…

Leggi di +

Fritüra dossa o Polenta dossa PAT

La Fritüra dossa o Polenta dossa è una polenta dolce a base di semola di grano duro che, una volta raffreddata, viene tagliata a piccole losanghe, impanata e fritta. Il prodotto, in italiano, è conosciuto come “semolino dolce” o “semolino impanato”. La Fritüra dossa o Polenta dossa è uno dei componenti caratterizzanti il fritto misto…

Leggi di +

Paste di meliga PAT

Le paste di meliga sono dei biscotti preparati con una miscela di farina di mais e di farina bianca, uova, zucchero e burro, dalla superficie rugosa e di solito vagamente striata, a forma rotonda, o di mezza luna, di “S”, di bastoncino o a seconda degli usi locali. Hanno colore dorato e sono molto friabili…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.